Categoria: Social media strategy

Come creare una social media strategy per piccoli business

Come creare una social media strategy per piccoli business - Francesca Antonetti

Per una piccola impresa, avere una social media strategy è essenziale per aumentare la consapevolezza del marchio (brand awareness), raggiungere il pubblico di destinazione e aumentare le vendite.
Con una solida strategia sui social media, non rimarrai mai a corto di idee su cosa pubblicare e otterrai una community coinvolta.
Vediamo come creare una strategia sui social media per le piccole imprese?

Come creare una social media strategy per piccoli business - Francesca Antonetti

Che cos’è una social media strategy?

Una strategia sui social media racchiude tutto ciò che vuoi ottenere sui social media. Descrive in dettaglio ciò che pubblicherai, le piattaforme che utilizzerai e definisce obiettivi misurabili che supporteranno le tue esigenze aziendali specifiche.

Strategie di social media ben fatte per le piccole imprese possono aumentare la consapevolezza del marchio, costruire il tuo pubblico e aumentare le entrate.

Tuttavia, questa crescita non avverrà dall’oggi al domani. Richiede un approccio coerente e strategico.

Come creare una social media strategy per piccole imprese o professionisti

  1. Definisci la tua social media strategy
  2. Identifica le giuste piattaforme social
  3. Definisci la tua Brand Voice
  4. Crea i tuoi contenuti
  5. Misuri gli obiettivi

1. Definisci la tua social media strategy e gli obiettivi

La creazione di una social media strategy da zero può sembrare complessa, ma l’impostazione di obiettivi SMART mantiene il processo realistico e realizzabile.

Un obiettivo SMART è:

Specific: specific

Misurabile: misurabile

Achievable: realizzabile

Relevant: pertinente

Timely: tempestivo

Applica questo metodo al tuo piano di social media marketing basando gli obiettivi su metriche specifiche per la tua attività.

Ad esempio, potresti voler monitorare quante persone seguono il tuo account sui social media mese dopo mese o comunque quante persone riesci a raggiungere.

2. Identifica le giuste piattaforme social

Ogni piattaforma di social media ha una serie unica di pro e contro, il che significa che puoi scegliere quella giusta, in base al tuo approccio.

Iniziare con piattaforme che hanno più senso per la tua attività ti aiuterà a risparmiare tempo ed evitare di essere sopraffatto dal tuo calendario di contenuti.

Instagram è il principale social media “visivo”, quindi utile per condividere l’utilizzo di un prodotto/servizio e costruire una solida community.

Facebook è il social media più utilizzato e probabilmente il più avanzato a livello di tool per la gestione della community a vari livelli.

TikTok utilizza brevi video che possono essere informativi, divertenti o creativi, quindi un ottimo strumento; la audience principale è la gen z, tuttavia si sta man mano spostando e molti millennial si stanno unendo alla piattaforma.

YouTube consente di condividere video di forma più lunga, con un’enorme dimensione massima del file di caricamento di 128 GB (o 12 ore!).
Questo lo rende la piattaforma perfetta per contenuti educativi più approfonditi, come consigli di stile, interviste, tutorial e trasformazioni.

LinkedIn è un’ottima piattaforma per costruire la tua rete, aumentare la brand awareness e attirare nuovi talenti per entrare a far parte della tua attività.
Simile a Twitter, molti marchi utilizzano LinkedIn per condividere aggiornamenti aziendali, comunicati stampa, copertura mediatica, articoli o blog post.

3. Definisci la tua brand voice

Parliamo di “personalità” del tuo brand. La brand voice è il modo in cui parli alla tua audience.

Se stai cercando di capire qual è il tono giusto, concentrati sui valori e la mission del tuo brand. Sei formale e serio o socievole e friendly?

Il tono può anche essere leggermente differente a seconda della piattaforma, purché resti coerente.

4. Crea e pianifica i tuoi contenuti

Una volta definiti gli obiettivi, le piattaforme e la brand voice è il momento di creare i contenuti.

Come titolare di un piccolo business (o come professionista), l’ideale per non essere sopraffatti è pianificare e programmare più contenuti. Puoi usare il Creator Studio per Facebook e Instagram o tool esterni com PostPickr per Linkedin. Per TikTok il discorso è differente, ma puoi salvare in bozza direttamente in app e ultimare il video in un altro momento.

5. Monitora e analizza gli obiettivi

Non dimenticare che la chiave per una strategia di social media di successo per le piccole imprese è la coerenza.

Monitorare le tue analisi per vedere quante persone stai raggiungendo e come interagiscono con i tuoi post è fondamentale per la tua strategia in quanto ti mostrano cosa funziona e cosa no.

Puoi utilizzare anche gli strumenti di analisi di base all’interno delle piattaforme, soprattutto in fase iniziale, come Facebook Insight, la dashboard di Instagram, ecc.


Le 7 fasi del nuovo Customer Journey

Le 7 fasi del nuovo Customer Journey - Francesca Antonetti web & social media specialist

Dall’imbuto alla clessidra: nuove strategie da utilizzare

Le 7 fasi del nuovo Customer Journey - Francesca Antonetti web & social media specialist

Seguire il percorso del cliente nel modo giusto

I recenti cambiamenti, soprattutto nel marketing online, hanno portato a importanti modifiche nel percorso che porta le persone a diventare clienti di un’azienda (brand, prodotti, servizi, ecc).

Nel percorso tradizionale, l’azienda creava domanda per il proprio prodotto e servizio e attirava o cercava di attirare queste persone. Da qui la forma ad imbuto – il funnel – con una parte superiore ampia che attira le persone e una finale stretta, nella quale idealmente passano quelle persone che diventano clienti.

Ad oggi invece, gran parte del percorso è incontrollabile da parte dei marketers, quindi la nuova “forma” da associare” al customer journey è più simile ad una clessidra.

Uno dei vantaggi principali del comprende il customer journey del cliente è quello di riuscire ad attirare i clienti giusti, cioè persone che hanno effettivamente bisogno di quel prodotto e servizio e sono pronte all’acquisto.

Le aziende che non comprendono il percorso del cliente non solo attireranno i clienti sbagliati, ma non saranno nemmeno in grado di trattenere i pochi che attraggono.

La fidelizzazione dei clienti sta diventando molto più importante per alcuni motivi, non ultimo la fase di referral o passaparola.

La clessidra

La tradizionale forma ad imbuto, si basa sulla canalizzazione del cliente che entra in contatto con l’azienda, inizia ad apprezzarla e infine procede ad acquistare.

Questa canalizzazione di vendita tradizionale si basa su ciò che l’azienda vuole che i clienti facciano, per guidarli da quella prima introduzione alla loro decisione di acquisto.

La nuova forma a clessidra del percorso del cliente è organizzata attorno ad altri aspetti e comportamenti dei clienti.

Da qui la forma a clessidra: l’estremità più grande in alto quando le aziende si presentano prima ai consumatori, si rimpicciolisce intorno al centro quando quei consumatori prendono la decisione di acquistare, e poi si allarga di nuovo in basso quando quegli acquirenti parlano e riferiscono di quel business a nuovi consumatori.

1: Know: fai conoscere la tua attività ai tuoi potenziali clienti

La prima fase è quella di farti conoscere dai tuoi potenziali clienti. Puoi farlo in tanti modi, compresi post organici o sponsorizzati.

Uno dei modi più efficaci per farlo è parlare dei punti deboli che i tuoi clienti hanno nello stesso modo in cui discuterebbero i loro punti deboli, usando i loro termini. Ciò consente ai consumatori di sapere subito che stai parlando con loro e li aiuta a conoscerti come la persona o l’azienda che può aiutarli a trovare le risposte che stanno cercando.

Una cosa da tenere a mente durante il passaggio non è solo presentarti al cliente, ma pensare effettivamente all’esperienza del cliente nel momento in cui viene in contatto con te.

Tenendo in primo piano la prospettiva del cliente, puoi contribuire a garantire che questo primo punto di contatto, la loro introduzione alla tua attività, sia un’esperienza positiva.

2: Dai ai potenziali clienti un motivo per interagire e apprezzare la tua attività

In questa fase i prospect iniziano a interagire, attraverso i like con la tua attività.

Durante questa fase, i consumatori stanno iniziando a restringere la loro decisione tra le aziende che offrono risposte simili alle loro domande. Questo è anche il momento in cui i consumatori decidono se vogliono saperne di più sull’attività e sui prodotti e servizi offerti.

3: Costruisci la fiducia

Durante il terzo passaggio dalla clessidra, i consumatori sono alla ricerca di segnali che possono fidarsi dell’attività che stanno verificando.

Vogliono sapere se possono fidarsi e che tu abbia la soluzione che stanno cercando. Non solo, ma stanno cercando la prova che altri consumatori si fidano di te e che hai mantenuto le tue promesse in passato.

Ci sono molte cose che i marketer possono fare per aiutare a stabilire questa fiducia e mostrare ai consumatori che i clienti precedenti continuano a fidarsi di loro. Ad esempio, le aziende e i professionisti del marketing possono sfruttare la prova sociale per aiutare a stabilire la fiducia.

La riprova sociale è una metrica pubblica che i consumatori possono analizzare per vedere come le altre persone si fidano di quell’azienda.

Inoltre, quando si tratta di richiedere recensioni e testimonianze, se riesci a farle inviare in formato video, puoi stabilire una fiducia ancora più profonda.

Questo perché quando i consumatori guardano le testimonianze video, possono vedere la sincerità proveniente dal linguaggio del corpo e dagli occhi dei tuoi precedenti clienti. Li aiuta a stabilire una connessione personale con un cliente precedente, il che si traduce in una fiducia più profonda in te.

4: Convinci i potenziali cliente a provare

In questa fase, stanno facendo il passo subito precedente all’acquisto.

Questa fase di prova può includere la registrazione per scaricare un eBook gratuito, tre capitoli di un libro, una prova gratuita di un abbonamento, ecc.

È un momento cruciale, in cui ancora una volta, quello che devi tenere a mente è l’esperienza del cliente.

5: Fai la vendita

Questo passaggio è abbastanza esplicito. A questo punto, il consumatore ha conosciuto la tua attività, ha iniziato ad apprezzare la tua attività e ha “studiato”, ha costruito la fiducia che la tua attività ha le risposte che sta cercando e la capacità di fornire quelle risposte e ha testato qualcosa di tuo. Il prossimo passo è quello di compiere la scelta: cliente o non cliente?

6: Genera acquisti ripetuti da clienti soddisfatti

Una volta avvenuto l’acquisto, segui i clienti in modo da assicurarti che abbiano ricevuto il valore promesso, oltre che mantenerlo aggiornato e informato per acquisti futuri.

7: Cerca attivamente di stimolare i referral

La fase Refer è dove la clessidra inizia ad allargarsi nuovamente in basso.

Naturalmente, prima che le persone possano riferire la tua attività ad altri, devono effettivamente aver vissuto l’esperienza con piacere.

Ciò significa che devono vivere un’esperienza positiva durante le prime sei fasi del percorso del cliente.

Naturalmente, a livello di marketing, ci sono diversi modi in cui un’azienda può acquisire tali rinvii.

Oltre a cercare attivamente referral, le aziende dovrebbero creare un sistema in cui rimanere in primo piano con i propri clienti anche dopo che l’acquisto è stato effettuato.

Le aziende possono anche promuovere clienti Champion. I clienti Champion sono i tuoi più grandi fan. Queste sono le persone che parlano positivamente di te e ti promuovono, senza che tu debba nemmeno chiederlo. Potresti pensare ad esempio a creare un club di questi fan della tua attività.

Ultimo ma non meno importante, le aziende possono prendere in considerazione la collaborazione con un’attività complementare. Questa potrebbe essere un’altra azienda che vende prodotti o servizi che integrano o completano i tuoi, o semplicemente qualcosa di correlato.

La collaborazione con aziende correlate può avvantaggiare te e i tuoi clienti in diversi modi.

LinkedIn, modalità Creator: quello che devi sapere

LinkedIn, modalità Creator: quello che devi sapere - Francesca Antonetti digital strategist

Oggi condivido quello che ho imparato riguardo la modalità Creator di LinkedIn, ovvero la possibilità offerta recentemente da LinkedIn a tutti gli account personali che creano contenuti con costanza sulla piattaforma.

LinkedIn, modalità Creator: quello che devi sapere - Francesca Antonetti digital strategist

Account Creator di LinkedIn

L’account creator è stato pensato e proposto per tutti quegli utenti che creano regolarmente contenuti originali su LinkedIn; attualmente è disponibile per più o meno tutti gli account personali ed è possibile effettuare lo switch.

Visivamente l’aspetto del feed cambia leggermente, ma quello che trovo interessante è che cambia – in meglio – la sezione “attività” sul profilo, quindi cambia la visualizzazione delle tue attività per chi sta guardando il tuo profilo.

In un account “normale” nella sezione attività vengono mostrate le attività più recenti (quindi anche commenti su altri post ecc), mentre con la modalità creator attivata, la sezione è maggiormente concentrata sui contenuti, quindi vengono mostrati gli ultimi 6 post originali condivisi.

Ora vediamo come sfruttare la modalità Creator al meglio!

Passa alla modalità Creator

Verifica attraverso le impostazioni che tu abbia la possibilità di passare alla modalità Creator.

Fatto questo scegli i tuoi topics: ne puoi scegliere fino a 5 che riguardano gli argomenti sui quali hai intenzione di postare.

Scegli quelli più pertinenti!

Questi hashtag o argomenti appariranno sulla scheda introduttiva del tuo profilo, sotto il titolo o il titolo di lavoro. Gli argomenti non sono cliccabili al momento.

N.B: Quando attivi la modalità Creator, il pulsante di invito all’azione (CTA) sul tuo profilo cambia da “Collegati” a “Segui”.

Sebbene l’idea come creator sia quella di avere un seguito, l’utente può comunque richiederti di collegarsi con te, cliccando su “altro” sul tuo profilo.Inoltre, se lo preferisci, puoi modificare il pulsante CTA da “segui” a “collegati” nelle tue impostazioni.

Pianifica i tuoi contenuti

Una volta attivata la modalità Creator, prendi i cinque argomenti per cui vuoi essere conosciuto e pianifica i contenuti che vuoi condividere. LinkedIn incoraggia i creator a condividere un mix di formati, da video e immagini ad articoli e spunti di conversazione.

Per aumentare il tuo seguito come creator, pubblica fino a quattro volte a settimana. Invita il tuo pubblico a contribuire con domande e idee su cui puoi creare contenuti. I sondaggi di LinkedIn possono essere un ottimo strumento a questo scopo.

Consigli pratici

1)Offri la tua opinione sui punti salienti delle notizie di LinkedIn

Per scoprire quali notizie sono popolari su LinkedIn, controlla la sezione LinkedIn Notizie, in alto a destra sul desktop. Queste notizie di tendenza si basano sulla tua area geografica. Se vedi una storia rilevante, cliccaci sopra per saperne di più.

Se decidi di condividere una notizia di tendenza con la tua rete, assicurati di spiegare perché la stai condividendo.Se condividi regolarmente news di LinkedIn News e utilizzi gli hashtag, il tuo post potrebbe essere raccolto e condiviso nelle “Editor’s Pick“.

2) Condividi notizie di settore, rilevanti per il tuo settore… Quale modo migliore di aumentare la tua autorevolezza ed essere riconosciuto come “leader”? Puoi anche taggare le persone coinvolte nella notizia e iniziare una conversazione con loro!

3) Unisciti alla community dei content creator di LinkedIn, attraverso la newsletter settimanale che LinkedIn sta promuovendo per offrire ispirazione e confronto sui contenuti che altri creator condividono. La newsletter è scritta da Daniel Roth caporedattore e vicepresidente di LinkedIn.

Attiva la tua LinkedIn Profile Video Cover Story

Non è una funzione strettamente legata alla modalità creator, ma una cosa carina: puoi aggiungere la tua storia di copertina nella quale ti presenti con un video di 30 secondi.

Attivando questa funzione, chi arriva sul tuo profilo trova un cerchio arancione intorno alla tua immagine profilo e il video viene riprodotto automaticamente per 3 secondi senza audio. Questa funzione è ancora in roll out per cui non è detto che tu ce l’abbiagià attiva, se ce l’hai vai da mobile sul tuo profilo, dovrebbe uscirti una finestra con la comunicazione, io ce l’ho attiva!

Insomma, se vuoi far crescere la tua community su LinkedIn, passa alla modalità creator e crea i tuoi contenuti!

Scrivo queste notizie in anteprima nel gruppo di Facebook #Officina2030 di Alessandro Principali, dove ti invito ad accedere se sei un professionista (e vuoi leggere i miei contenuti settimanalmente e in anteprima: https://alessandroprincipali.com/accedialgruppo

Vuoi conoscermi meglio? Seguimi su Instagram

Come creare Tik Tok che l’algoritmo ama (e premia!)

Come creare Tik Tok che l'algoritmo ama (e premia!) - Francesca Antonetti digital strategist

Oggi torno a parlare con di Tik Tok. In particolare, vedremo come creare dei video che l’algoritmo apprezza e quindi premia, aumentando la visibilità e finire nei “Per Te”, ovvero la sezione principale della piattaforma, dove ciascun utente visualizza in maniera random (scelta appunto dall’algoritmo)i vari tik tok di altri utenti, che non necessariamente segue.

Come creare Tik Tok che l'algoritmo ama (e premia!) - Francesca Antonetti digital strategist

1)Manda i giusti segnali all’algoritmo

Il successo su TikTok dipende dalla comprensione dell’algoritmo.

Come per TUTTI I SOCIAL, più invii segnali positivi all’algoritmo, più questo “spingerà” il tuo contenuto, in modo che più utenti lo vedano.

Più soddisfi l’algoritmo, più aumentano le possibilità di raggiungere l’apice e diventare virale nella For You Page.

Vediamo esattamente per cosa viene ottimizzato l’algoritmo.

I video di Tik Tok sono molto brevi, ma l’algoritmo è molto molto vicino a quello di YouTube: lo scopo è appunto che le persone restino più tempo possibile sulla piattaforma a visualizzare contenuti.

Vediamo i 5 fattori chiave che contano:

  • Il loop: La prima cosa che TikTok cerca sono i loop, ovvero il numero di volte in cui le persone riproducono il tuo video. Per avere un’idea di quanto spesso ciò accade con i tuoi contenuti, guarda le tue analisi di TikTok. Avrai bisogno di un account aziendale o di un creator per accedere all’analisi. Se non disponi già di uno di questi tipi di account, puoi cambiare facilmente il tipo di account nelle impostazioni. Per accedere alle tue analisi, tocca i tre punti in alto a destra del tuo profilo. Quando viene visualizzata la schermata Impostazioni e privacy, scegli Business Suite> Analytics o Strumenti per i creator> Analytics, a seconda del tipo di account. Successivamente, apri la scheda Contenuto e guarda il tempo di visualizzazione medio dei tuoi video, che ti dirà se le persone li stanno guardando di nuovo. Ad esempio, se il tuo video TikTok dura 8 secondi e ha un tempo di visualizzazione medio di 11 secondi, sai che le persone lo ripetono ripetutamente, il che invia un segnale forte all’algoritmo.
  • Visualizzazione completa: se l’utente va avanti al video successivo senza visualizzare completamente il tuo, il segnale per l’algoritmo è negativo.
  • Condivisioni: Anche ottenere condivisioni sui tuoi video è importante. Una condivisione su TikTok è quando le persone toccano il pulsante di condivisione sul tuo video per condividerlo con i loro amici attraverso altre piattaforme (Instagra, Whatsapp, ecc)
  • Commenti: i video virali di TikTok hanno molti commenti e risposte ai commenti. Più è alto l’engagement, meglio l’algoritmo vede il video.
  • Like: Anche se i Mi piace sono uno degli ultimi fattori che TikTok considera nell’algoritmo, sono l’unica social proof sul tuo video oltre ai commenti. Quando le persone stanno scorrendo la pagina For You e cercano spunti su quali video sono popolari, i likes sono probabilmente la prima cosa che vedranno.

2) progetta i tuoi Tik Tok in modo che gli utenti siano stimolati a visualizzare tutto il video

Per generare segnali che l’algoritmo di TikTok sta cercando, devi progettare i tuoi **contenuti per attirare gli spettatori fino alla fine del video.

Usa la tecnica della “rivelazione” alla fine del video.

Non a caso, la maggior parte dei Tik Tok Trends hanno questa struttura di “rivelazione” alla fine del video.

Qui, va considerato che noi tutti siamo strutturati in modo da aver bisogno di arrivare alla soluzione, di arrivare alla risoluzione del problema e questo ci porta ad arrivare alla fine del video.

Questo a sua volta invia un messaggio all’algoritmo che le persone non solo completano il video, ma lo riproducono più volte.

Quando crei un video TikTok, imposta quale sarà la rivelazione all’inizio. Il testo sullo schermo è il modo migliore per farlo. Il testo potrebbe essere qualcosa di semplice come “Non crederai a quello che è successo…

Quando hai una rivelazione o un colpo di scena nel tuo video, comunichi due cose importantissime a livello di ottimizzazione dell’algoritmo: convincere le persone a guardare l’intero video e riprodurlo.

D’altra parte, l’ottimizzazione del tuo video TikTok per Mi piace, commenti e condivisioni è difficile.

Puoi semplicemente chiedere “metti mi piace o commenta” oppure capire ciò che interessa al tuo pubblico di TikTok, sviluppare quel pubblico e creare una community è il modo per ottenere un coinvolgimento coerente e costante.

Certamente ci sono tattiche che puoi usare per ottenere questo coinvolgimento, come porre domande dirette e spingere gli utenti a condividere la loro opinione su qualcosa. Ma otterrai il maggior numero di commenti e condivisioni quando avrai creato una community all’interno del tuo pubblico di TikTok.

3) Fai una lista di suoni trend da utilizzare nei tuoi Tik Tok futuri

Per trovare idee per questo tipo di contenuti, scorri la tua pagina For You e cerca i suoni che hanno chiari colpi di scena in essi su cui potresti essere in grado di mettere il tuo brand, cioè di rendere tuo!

È possibile salvare il suono toccandolo, dai video che trovi e facendo Aggiungi a Preferiti.

Continua a scrollare e ripeti questo processo per compilare un elenco di potenziali suoni che puoi utilizzare per creare semplici video TikTok per il tuo brand o personal brand. La parte migliore è che questi suoni hanno già l’ottimizzazione incorporata.

Conclusione

Non c’è mai stata un’opportunità su Internet come TikTok. Puoi essere visto da milioni di persone senza spendere soldi, ma solo se il tuo contenuto invia i segnali giusti all’algoritmo.

Influencer marketing strategy: come e perché

Influencer marketing strategy: come e perché - Francesca Antonetti

Andiamo oltre tutte le accezioni negative dell’espressione “influencer marketing” (perché ci sono) e pensiamo che esiste un intero mondo di influencer e content creator che su Instagram, YouTube, Twitter e LinkedIn hanno coltivato un pubblico che li ama, li rispetta e si fida di loro per le loro opinioni su determinate cose, in particolare prodotti e servizi nella loro area di competenza.

Influencer marketing strategy: come e perché - Francesca Antonetti

Quando questi creatori di contenuti consigliano un prodotto o un servizio, il loro pubblico interviene ed è coinvolto!

Secondo l’Edelman Trust Barometer 2019, il 74% delle persone intervistate ha dichiarato di non guardare gli annunci pubblicitari, ma il 63% ha affermato di fidarsi degli influencer per i consigli sui prodotti.

Con gli influencer online, le aziende hanno un modo efficace ed efficiente per raggiungere un pubblico, in particolare un pubblico di nicchia.

1: TROVA IL GIUSTO TIPO DI INFLUENCER PER LA TUA CAMPAGNA

Un influencer è chiunque possa persuadere un pubblico ad agire. Ad esempio, due persone che hanno una conversazione su un prodotto di fronte a te in fila al supermercato possono influenzare la tua decisione, a seconda del loro tono di voce, del loro linguaggio del corpo e dell’aspetto che hanno.

Allo stesso modo, qualcuno che ha un sito Web e un podcast con centinaia di migliaia di lettori e ascoltatori che si fidano di loro per l’esperienza che forniscono ha influenza su quel pubblico.

Oltre l’influencer online ci sono le celebrità, che sono un po’ diverse. Un influencer online ottiene la propria influenza e credibilità creando intenzionalmente contenuti sui social media. Le celebrità sono famose per la loro abilità o notorietà in qualche altro luogo. Se hanno molti follower online, hanno un’influenza online, ma ciò è dovuto a qualcos’altro, non a causa dei contenuti che hanno creato online.

Case Study:
Quando UBS, la società di servizi finanziari, stava cercando opportunità per spargere la voce sui loro prodotti di rendita, hanno trovato Martin Bamford, che lavorava nel settore finanziario e ha ospitato un podcast
Non aveva molti follower sui social media, ma il suo podcast riceveva qualche migliaio di download al mese. UBS ha trovato il suo pubblico molto interessante perché era interessato ai contenuti finanziari per la gestione finanziaria personale.

UBS ha proposto a Martin di ospitare uno dei loro dirigenti nel suo podcast. Dopo l’apparizione del podcast, UBS ha monitorato un aumento 4 volte dei lead al proprio sito Web facendo domande sulle rendite. Questo era l’effetto di un singolo podcast con influenza su un pubblico iper-mirato interessato a quel particolare tipo di prodotto finanziario personale.

2: USA GLI STRUMENTI ONLINE PER TROVARE E ENTRARE IN CONTATTO CON GLI INFLUENCER

Per trovare influencer online, esistono strumenti e soluzioni di database che ti consentono di cercare parole chiave pertinenti e ottenere un elenco di influencer, insieme a approfondimenti che ti aiuteranno a valutarli. È solo questione di trovarne uno che si adatti al tuo budget e alle tue esigenze.

Quando utilizzi un software per trovare influencer online, tieni presente che gli elenchi che generano sono consigli. Devi poi leggere i contenuti dell’influencer e valutare se possono effettivamente spingere il tuo pubblico ad agire. Solo perché hanno molti follower non significa che convertiranno molti clienti.

3: PROPONI UNA PARTNERSHIP CON UN INFLUENCER

Più piccolo è il pubblico dell’influencer, più è probabile che sarà lui a chiederti di collaborare con il tuo brand. Poiché stanno cercando di sviluppare la propria attività come creatori / influencer di contenuti online, solleciteranno quel tipo di attività.

Man mano che diventano un po’ più grandi, potrebbero smettere di cercare da soli e aspettare che i marchi vengano da loro.

Quindi, quando arrivano a un certo punto (generalmente oltre 150.000 follower su un dato social network), le società di gestione si avvicineranno a loro per gestirli.

Sia che vieni avvicinato da un influencer o che ti avvicini a un influencer per una potenziale partnership, devi sapere che i soldi che investirai, come investimento ti porteranno un ritorno!

È importante conoscere i tuoi obiettivi, le metriche che ti interessano e cosa vuoi fare. L’influencer deve quindi dimostrarti che può davvero essere determinante. Chiedi loro di fornire alcuni punti di prova da precedenti progetti simili. Devi avere la certezza che i tuoi risultati varranno i soldi.

Ci sono molte persone che stanno cercando di essere influenti ma non hanno davvero il livello di coinvolgimento per persuadere il loro pubblico ad agire effettivamente.

4: MISURA I RISULTATI DEL TUO INFLUENCER MARKETING

Come qualsiasi azione di marketing devi monitorare i risultati

Quando inizi a costruire la tua strategia, definisci i tuoi obiettivi e determina come acquisirai le informazioni che ti dicono che ti stai avvicinando al raggiungimento di tale obiettivo o che stai facendo progressi lungo quel continuum.

Il tuo obiettivo potrebbe essere quello di generare traffico, generare vendite, ottenere lead, aumentare la brand awareness o cambiare la tua reputazione. Come lo misurerai? Inizia stabilendo un punto di riferimento. Quali sono le tue vendite adesso? Qual è la tua reputazione adesso? Quanti contatti stai ottenendo ora?

Ciò è particolarmente importante per gli obiettivi di branding, consapevolezza e reputazione. Fai sondaggi e social listening per vedere quante persone stanno parlando di te ora. In questo modo, quando lo misuri di nuovo su tutta la linea, sarai in grado di confrontare il numero di persone che parlano di te per sapere se funziona.

Ci sono molti indicatori chiave di prestazione (KPI). Se stai misurando il brand e la brand awareness, ad esempio, i tuoi indicatori chiave di prestazione sono la copertura, le impression, le visualizzazioni di video, forse i numeri di coinvolgimento sui post social e così via.

Ma ci sarà anche un indicatore di performance a cui tieni più di tutti gli altri. Se si tratta di un gioco di branding e consapevolezza, sarebbe quante più persone sono consapevoli della tua attività alla fine rispetto all’inizio. Potresti misurarlo tramite sondaggi, ascolto sociale e altri metodi.

Vuoi conoscermi meglio? Seguimi su Instagram

Come migliorare la copertura organica su Facebook

Come migliorare la copertura organica su Facebook - Francesca Antonetti social media strategist

La portata organica su Facebook in declino già negli ultimi anni, attualmente è praticamente crollata. Tranquilli, non sentitevi soli… è così per tutti!

Come migliorare la copertura organica di Facebook - Francesca Antonetti

In realtà è il momento giusto per porre maggiore attenzione alla copertura organica su Facebook… Perché? Te lo spiego subito!

Con le imminenti modifiche apportate da IOS e Google Privacy Sand box, per Facebook sarà sempre più difficile tracciare le azioni che gli utenti compiono fuori da Facebook. Poiché saranno più limitati nei dati che possono raccogliere, i contenuti sulla piattaforma Facebook diventeranno ancora più importanti.Facebook si trova quindi nella situazione di dover usare quei content creators in grado di creare contenuti sui quali gli utenti compiono azioni, come fermarsi, leggere, fare tap!Ogni volta che pubblichiamo un contenuto, che si tratti di un video o di un link esterno al blog, Facebook tiene traccia di tutte le azioni degli utenti, in modo che possano vendere quei dati agli inserzionisti.

Quando qualcuno guarda un video di 5 minuti sull’abbigliamento, Facebook impara qualcosa sui suoi interessi perché ha agito su quel contenuto. Così Facebook invierà loro altri contenuti sull’abbigliamento. E questo è il principio portante di Facebook Ads!

Facebook è motivato a condividere i nostri contenuti organici in modo da poter identificare chi sta agendo su quel contenuto e indirizzare loro delle pubblicità (Facebook Ads) in seguito. Fatta questa premessa, vediamo come far a migliorare la copertura organica dei nostri contenuti della nostra pagina Facebook.

1: FAI CAPIRE A FACEBOOK QUAL È IL TUO PUBBLICO IDEALE

Innanzitutto, assicurati di scegliere come target la nicchia giusta su Facebook. Facebook Audience Insights (https://www.facebook.com/ads/audience-insights/people…)può aiutarti a fare questa selezione. 

Ti dà accesso ai dati del pubblico su tutte le pagine e i gruppi di interesse su Facebook. Puoi vedere i loro livelli di attività, le pagine che stanno seguendo, il tipo di dispositivi che utilizzano e così via. Chiunque abbia una pagina Facebook può accedere a questi dati.

Quando apri Audience Insights, Facebook ti chiederà di scegliere un pubblico per iniziare.

 ▪️Seleziona “Tutti su Facebook“. Quindi, inserisci l’argomento della tua nicchia (nella sezione Interessi sul lato sinistro della pagina). Facebook ti dirà quante persone ci sono in quella nicchia, quali pagine gli piacciono e alcune delle loro informazioni demografiche come dove si trovano.

▪️Se vai alla scheda Attività, puoi vedere quanto è coinvolto questo pubblico su Facebook. Mostra quanti commenti, Mi piace e condivisioni danno in media in un mese, nonché su quanti annunci pubblicitari cliccano. 

Oltre a esaminare i dati sul pubblico per diversi interessi, puoi anche esaminare i dati sul pubblico per le singole pagine di Facebook. 

Cerca le pagine nella tua nicchia, simili alla tua, e vedi se il loro pubblico è simile a quello che desideri attirare per la tua pagina.

Assicurati che il pubblico su quelle pagine sia coinvolto. Se scopri che il pubblico di una determinata pagina non commenta, mette mi piace o condivide i suoi contenuti, probabilmente non agirà neanche con te.

Dopo aver identificato una pagina con un pubblico coinvolto che vorresti raggiungere, puoi iniziare a inviare dei segnali per comunicare che la tua pagina è proprio simile a quella che stanno seguendo. Non è necessario collaborare con quella pagina perché facebook possa indirizzare il traffico verso di te.

Puoi usare i segnali di Facebook per far sì che accada.

Ad esempio, potresti andare alla loro pagina e lasciare un commento, taggare la loro pagina in uno dei tuoi post e condividere i contenuti dalla loro pagina sulla tua pagina.

Tutte queste interazioni danno a Facebook segnali che sei simile all’altra pagina. Così, Facebook inizierà a indirizzare il traffico dal pubblico attivo sull’altra pagina alla tua pagina. Inizierai a vedere un aumento dei suggerimenti di pagina non appena inizierai a far crescere il tuo pubblico, senza che tu debba pubblicare ads.

2: TROVA LO STILE DI MESSAGGIO GIUSTO

La seconda chiave da utilizzare è “creare il messaggio giusto!

Attenzione! Creare il giusto messaggio non è tanto relativo al tuo prodotto/servizio quanto al tuo pubblico.

Devi identificarti con il tuo pubblico, per fare in modo che il tuo pubblico si identifichi con te, e creare un messaggio che loro hanno potenzialmente voglia di condividere.

Quindi, guarda i contenuti postati dalle pagine che hai individuato nello step precedente. Quali post migliorano la vita del loro pubblico? Le persone interagiscono con i contenuti su Facebook per fare colpo su altre persone.

Pensa al messaggio sulla tua pagina come a qualcosa che il tuo pubblico vorrebbe far sapere al mondo su di loro.

Il tuo pubblico sa che tutto ciò che dicono e apprezzano su Facebook è pubblico e i loro amici e familiari possono vedere con cosa stanno interagendo. Quindi, naturalmente, diranno cose su Facebook che li fanno apparire in un certo modo e in modo che possano avere un impatto sugli altri.

Per questo, fai attenzione a pubblicare post con temi “sensibili” che le persone non vorrebbero condividere su stesse (dieta, problemi finanziari, ecc), ovvero poni maggiore attenzione nella creazione del messaggio.Una volta che il tuo pubblico si impegna con te e fa suo il tuo messaggio, sarà molto più probabile che risponda e poi acquisti da te.

Pensa alla risposta che avresti se ti avvicinassi a uno sconosciuto a una festa e dicessi: “Ciao, risolvo questo problema e il mio prodotto offre questi cinque vantaggi”. Anche se quella persona è il tuo cliente ideale, probabilmente finirà rapidamente la breve interazione e se ne andrà.

Se vuoi coinvolgerli in una conversazione significativa, dovresti salutarli e chiedere loro di se stessi. Quando hanno finito di parlare, la cosa naturale da fare è ricambiare e chiedere di te. Questa conversazione funziona anche su Facebook. È così che puoi vendere al tuo pubblico senza farlo sembrare una vera vendita.

3: PUBBLICA 4 POST PER COINVOLGERE LA TUA AUDIENCE

Una volta che hai il pubblico e il messaggio giusti, l’ultimo pezzo del puzzle è il tuo contenuto.

Devi creare i contenuti in grado di inviare a Facebook dei segnali che i contenuti sono rilevanti. 

Like, reaction (cuori, ecc9 e brevi commenti sono dei micro segnali. 

A tal proposito, sappi che potresti aver bisogno di 10 likes per eguagliare il valore di una condivisione, un salvataggio o un commento più lungo.

Ecco perché devi creare contenuti che portino il tuo pubblico a impegnarsi e compiere questa azioni più profonde. Utilizzando un insieme di foto, video ecc coinvolgenti, puoi ottenere tutti quei segnali preziosi in modo che Facebook inizi a indirizzare più traffico alla tua pagina.In generale:

  • Foto e meme (post con immagini generano più like rispetto ad altri contenuti
  • I video generano invece maggiori condivisioni e “save” (Per i video che durano 3 minuti o più, organizzali in playlist, dove verranno riprodotti uno dopo l’altro. Se riesci a convincere gli spettatori a guardare tre video di fila, Facebook si assicurerà che ogni volta che pubblichi un video, quegli spettatori lo vedranno spesso e sicuramente; tieni presente che la maggior parte delle persone guarda i video senza audio quindi valuta un sistema per sottotilora o utilizza video con testi)
  • I post che avviano una conversazione sono quando poni una domanda a cui la tua audience perfetta non può fare a meno di rispondere. Deve essere qualcosa a cui risponderanno immediatamente con “sì”, “no”. (Per avere idee per iniziare la conversazione, guarda le pagine di Facebook che hai identificato per trarre ispirazione. Guarda quali domande fanno che stanno generando molto coinvolgimento. Potresti provare a creare qualcosa di simile ma metterci del tuo!)

4: USA IL 5°POST PER PROMUOVERTI

Una volta che hai ottenuto molto coinvolgimento dai tuoi contenuti, hai un pubblico che ti conosce, ti ama e si fida di te e sta aspettando che tu venda.

Quindi il quinto post può riguardare la tua offerta.

Hai dato al tuo pubblico la possibilità di parlare, quindi ora è disponibile a parlargli della tua offerta. 

La tua offerta non deve essere necessariamente qualcosa che vendi. Potrebbe essere entrare nella tua lista e-mail, unirti al tuo gruppo Facebook o ascoltare il tuo ultimo episodio di podcast. Qualunque cosa sia, dai al tuo pubblico un’azione da intraprendere.

Fonte: Social Media Examiner

Vuoi conoscermi meglio? Seguimi su Instagram

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle - Francesca Antonetti social media strategist

Oggi torno a parlare di Instagram. In particolare di stories, ancora più nello specifico di highlights! Già, perché anche questa funzione, se usata con strategia, può essere molto utile allo sviluppo del nostro brand/business su Instagram!

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle - Francesca Antonetti social media strategist

CHE COSA SONO LE STORIE IN EVIDENZA O HIGHLIGHTS?

Si tratta di stories che mettiamo in evidenza e quindi restano sul nostro profilo più delle 24h di vita delle normali stories, anzi fino a che non le togliamo!Utilizzarle strategicamente, vuol dire però di più: non basta valutare le performance di una stories, cioè risposte, reazioni e visualizzazioni – per decidere di metterle in evidenza, è un buon parametro, ma possiamo fare di più.Per i miei clienti è una delle prime impostazioni di cui mi occupo!

ECCO ALCUNE IDEE PER IMPOSTARLE E UTILIZZARLE AL MEGLIO

(N.B. impostarle prima ci aiuta anche a definire il piano editoriale delle nostre stories, quindi ne vale la pena!)

  1. FAQ: crea stories in cui rispondi a domande frequenti e crea questa serie di storie in evidenza.
  2. Articoli di blog: nuovo articolo? Fai una storia e metti in evidenza!
  3. Recensioni/feedback: così saranno sempre disponibili per chi atterra sul tuo profilo.
  4. Prodotti/servizi di punta
  5. Dietro le quinte: ecco qui puoi inserire le stories più performanti.
  6. UGC: i tuoi clienti ti taggano nelle loro stories? Premiali così!
  7. Offerte/promo
  8. Chi sono/vita quotidiana: Inserisci le stories che parlano di te e ti raccontano.

LA COPERTINA

Quando crei una storia e la metti in evidenza, potrai inserire un titolo per la storia in evidenza (e aggiungere successivamente lì tutte le storie in evidenza che desideri) e la prima storia inserita diventerà di default la copertina della serie di hightlights.

Il mio consiglio è di personalizzare le copertine per ciascuna raccolta di hightlights.

Anche in questo caso, guardiamo all’aspetto strategico e estetico, perché Instagram è una piattaforma basata sul visual, non dimentichiamolo! 

Cerchiamo di creare delle copertine in armonia con il nostro feed!

Per esempio, io creo le copertine in maniera molto semplice e veloce utilizzando i colori del brand.

Tu, utilizzi gli hightlights in maniera strategica?

Gamification e social media

Gamification e Social media - Francesca Antonetti

Cosa fa un social media manager, tra le altre attività? Crea la strategia, definisce gli obiettivi da raggiungere e crea un piano editoriale e relativo calendario per raggiungerli.

Trovare e creare i contenuti giusti è una sfida quotidiana. Cosa vuol dire giusti? Vuol dire contenuti in grado di catturare l’attenzione dell’utente, con l’obiettivo di coinvolgerlo, fidelizzarlo e trasformarlo poi in cliente.

La gamification è un tipo di attività che può aiutarci in questo obiettivo. Per spiegartela bene, ho chiesto aiuto ad Andrea Khaldi, meglio noto come l’Architetto della Mente, coach esperto in tecniche di apprendimento rapido e Gamification. Grazie Andrea per il tuo contributo!

Gamification e Social media - Francesca Antonetti

Con questo articolo-intervista saprai:

  • Quali sono i 4 tipi di contenuti che devi utilizzare nel tuo piano editoriale
  • Che cosa si intende per Gamification
  • Quali sono gli elementi imprescindibili per creare una comunicazione efficiente utilizzando la Gamification
  • Come utilizzare la Gamification nella tua social media strategy
  • Come la Gamification può aumentare la tua brand awareness

4 tipi di contenuti che devi utilizzare nel tuo piano editoriale

Ecco i 4 tipi di contenuti che io utilizzo nei miei piani editoriali:

  • CONTENUTI EDUCATIVI: insegna quello che sai, offri valore ai tuoi utenti.

  • CONTENUTI EMOZIONALI: che tu rappresenti un brand o stia promuovendo il tuo personal brand raccontare te stesso, qualcosa di te, della tua vita, la tua storia (il tanto citato storytelling insomma) o della storia del prodotto che vendi o la tua attività, ti aiuterà a costruire fiducia nei tuoi confronti.

  • CONTENUTI VIRALI O CONDIVISIBILI: è un tipo di contenuto che ai miei clienti propongo sempre perché funziona sempre. Post grafici, citazioni, meme.

  • CONTENUTI PROMOZIONALI: anche se questo tipi di contenuti dovrebbe rappresentare solo il 20% dei post e se hai fatto bene l’altro 80% questo 20% è abbastanza, ovviamente non viviamo di like, commenti e followers ma di quello che vendiamo. A questo livello io inserisco qualsiasi post con CTA, che quindi portano l’utente a compiere un’azione, quindi anche la lead generation.

Ne parlo approfonditamente qui: Piano editoriale: la regola dell’80 20

Oggi mi concentrerò sui contenuti ludici, che quindi inserisco all’interno dei contenuti emozionali. Visto che è nella sfera emotiva dell’utente che agiscono. Attraverso un’intervista con Andrea Khaldi.

D: Che cosa si intende per Gamification?

Questa domanda sembra banale, ma non lo è! Pensa che neanche gli addetti al settore concordano su quale sia la definizione precisa della Gamification!

Per certi versi per gamification si intende l’uso dei meccanismi dei principi dei giochi e dei videogiochi all’interno delle normali attività umane, che magari possono risultare noiose o frustranti.

Ma scavando più a fondo si impara che non basta mettere dei punti o dei trofei per gamificare una situazione: occorre costruire una relazione molto più intensa con il Giocatore/utente, capendo quali sono le sue vere motivazioni.
Ed ecco che allora esce fuori forse, cos’è davvero la Gamification: il più sofisticato filtro conoscitivo dell’animo umano e lo strumento più pratico per far concentrare le persone su quello che stanno facendo.
Una sorta di Mindfulness molto molto pratica!

D: Quali sono gli elementi imprescindibili per creare una comunicazione efficiente utilizzando la gamification

Direi soprattutto uno: mettere al centro di tutto l’utente che hai davanti.

Capire chi è, cosa lo motiva, come “funziona” e costruire un “cerchio magico”, l’insieme di regole, premi e punizioni che regoleranno il “gioco”.

Questo Cerchio Magico è fisiologicamente diverso per ogni giocatore, per questo è importante calibrarlo bene attraverso una relazione conoscitiva approfondita. Per fortuna capire il tipo di Giocatore che si ha davanti è abbastanza facile.

Ed è a quel punto che si si passa alla parte operativa: stabilire le Meccaniche appropriate ed usare i Componenti necessari.

Una Meccanica è un processo specifico che fa agire una persona.

Magari il nostro utente ama ottenere premi e riconoscimenti, oppure ama scoprire tutte le sfumature di una storia. C’è chi ha bisogno di sapere di essere il numero 1 e chi invece ama poter partecipare alla costruzione del gioco.

Quando abbiamo capito la meccanica più adatta, a quel punto possiamo scegliere i “componenti”, ovvero gli elementi che verranno effettivamente usati da un utente.

Hai presente un Avatar per un social network, il sistema a punti di un super market o un sondaggio per creare un Lead?

Sono componenti, che attivano meccaniche per far compiere un’azione ad un utente.

Un cerchio magico, insomma!

D: Ogni buon social media strategist sa che all’interno di una Social media strategy, è sempre più difficile riuscire a raggiungere il proprio target. Può riuscirci solo con contenuti di valore e coinvolgendolo anche attraverso le emozioni. La gamification è utile in questo senso?

Assolutamente sì!
In due modi: innanzitutto, come ho detto prima, la Gamification sfrutta le Leve Motivazionali fisiologiche degli esseri umani. Per questo dicevo che gamificare un’attività non significa solo usare punti o trofei, ma costruire un processo in cui la motivazione e le emozioni di un utente siano il perno centrale.
La vendita verrà dopo, in modo naturale.
Yukai Chou, uno dei massimi esperti mondiali sull’argomento, preferisce parlare di “Human Driven Motivation” contrapposta a “Data Driven Motivation”, quando parla di Gamification.


Poi c’è la quantità stratosferica di storie, metafore, personaggi che ormai sono diventati parte del nostro immaginario e che provengono dal mondo “nerd”: pensa al successo degli Avengers ad esempio, ed in generale dell’MCU.
Personaggi come Spider Man, o Black Panther, ormai possono essere usati come simboli, metafore… come ancore, insomma, per solleticare la curiosità di un utente e generare un’interazione molto forte.
Le più moderne piattaforme social, Twitch e Tik Tok, si basano proprio su questo: far giocare gli utenti con immaginari e scenari che fino a qualche anno fa erano considerati negativamente o con superficialità!

D: Quindi ad esempio, i giveaway e le challenge sono un esempio di gamification nel social media marketing?

Esatto, sono gli esempi più lampanti di Gamification nel Social Media Marketing.

Sono efficaci perché attivano meccaniche molto forti: la competizione, il desiderio di essere i numeri uno e sconfiggere gli avversari, ottenere una ricompensa etc.

Si tratta di strumenti semplici ed efficaci ma attenzione: non basta inserire un premio o dei punti per pensare di aver gamificato un’attività.

Occorre costruire una strategia precisa perché come tutto ciò che riguarda la comunicazione ed il social media management in particolare le nostre azioni devono essere calibrate in modo preciso sul tipo di utenza che vogliamo raggiungere (chi sono i miei follower? che tipo di giocatori sono?).

Io ad esempio sono totalmente insensibile alle challenge che mettono in palio un premio basato sulla fortuna, ma reagisco bene alle classifiche in cui posso impegnarmi per dimostrare il mio valore. E questo è solo un esempio tra i tanti possibili. Dopotutto di tecniche di gamification ne esistono tante: è scegliere quella giusta per te, la vera sfida!

D: Ad un brand (o personal brand) occorrono almeno 16 interazioni per far sì che una persona, guardando anche solo il logo o la faccia, li riconosca. La gamification può aiutare nel generare queste interazioni?

Certo!

Al punto che non spiego come non venga usata di più dai brand.

Uno degli elementi più importanti della Gamification è il cosidetto “Player’s Journey”, che indica le 4 fasi che un giocatore segue quando inizia un gioco: Discovery, Onboarding, Scaffolding, Endgame.

Quando un utente ci scopre si trova inevitabilmente nella fase di Discovery, momento fondamentale in cui decide se continuare o meno a conoscerci.

Attraverso alcune meccaniche molto semplici da applicare al giorno d’oggi è possibile fargli iniziare il suo Player’s Journey verso il nostro Brand, agendo non su quello che noi possiamo fare per lei/lui, ma su quello che il l’Utente vuole: continuare a giocare.

In questo modo, calibrando bene il Copy e sfruttando una buona strategia cross-canale è possibile far salire vertiginosamente il numero di interazioni che un utente compirà.

Andrea fa parte della community di cui faccio parte anche io e ne sono admin Officina2030 di Alessandro Principali, con il quale collaboro e che ha recentemente intervistato Andrea nell’ambito del suo nuovo interessantissimo format Live2030.

Ecco l’intervista!

Live2030 – Sviluppare Disciplina per apprendere velocemente – Andrea Khaldi, Architetto della Mente

Se ti interessa approfondire e conoscere meglio Andrea Khaldi, ecco i suoi contatti!