marketing funnel

Se è vero che non esiste una formula magica per far in modo che la nostra comunicazione social ci porti velocemente a raggiungere i risultati desiderati, è vero anche che è necessario creare delle basi solide e indispensabili. Parliamo della pagina aziendale su Facebook.

1. La tua audience rispecchia i tuoi clienti?

Molto spesso mi capita di prendere in gestione pagine che, indipendentemente dal numero di fan, ha una fan base completamente fuori target.

Questo rappresenta la conseguenza diretta di una cattiva – per quanto in buona fede- gestione della pagina.

Molto spesso infatti, la fan base, cioè il numero di fan della pagina che dovrebbe rappresentare il nostro target primario, quello al quale indirizzare la nostra comunicazione, è formata da parenti, amici, amici di amici, di chi si è occupato della pagina fino a quel momento.

Ma credete davvero che tutte queste persone siano profilate e interessate a quello che pubblicate? Direi di no! I vostri sforzi di creare contenuti interessanti per il target vengono praticamente già distrutti a monte.

Se io invitassi i miei 3000 amici (del mio profilo personale) a seguire tutte le pagine che gestisco, così a caso, farei danno alla mia immagine (diventerei una che fa spam!), oltre che a quella dell’azienda, in quanto non professionale.

Meglio avere numeri più bassi, ma di veri followers, di persone davvero interessate. Questo anche per razionalizzare gli investimenti pubblicitari, che sono comunque necessari.

Una fan base solida è il primo dei punti che dovrai “ottimizzare”.

 

2. I tuoi contenuti sono di valore per il tuo cliente?

Uno degli errori più penalizzanti è l’autoreferenzialità: il parlare sempre del nostro brand, prodotto, servizio come fosse il migliore.

Gli utenti odiano questo genere di post, se sono sempre e solo quelli. Proprio per questo creare un calendario editoriale prima di attuare una strategia è di fondamentale importanza.

I contenuti che pubblichi devono soprattutto coinvolgere l’utente. Come ho detto e scritto già anche nelle “my tips” , ovviamente le persone non vanno su Facebook con l’intento di “fare shopping”, ma per rilassarsi.

Nella costruzione dei tuoi post, concentrati sui benefici e sulla risoluzione di problemi per il tuo cliente. Evita una comunicazione del tipo “io sono il migliore…”

Ultima cosa: non pubblicare tanto per farlo – torniamo quindi al discorso del calendario editoriale.

 

3. Stabilisci un budget in Facebook Ads

Vige ancora, da qualche parte nel web, la convinzione che Facebook sia gratis. Sì certo, lo è per i profili privati, per coloro che non utilizzano i social come pubblicità. In realtà Facebook Ads è un potente strumento pubblicitario, uno dei più strutturati e dettagliati. E questo rappresenta la forza di Facebook per piccole e grandi aziende.

Ovviamente ha un costo. Proprio perché ha un costo, va utilizzato in maniera professionale. Lasciare la gestione amatoriale a chi conosce i social da utente (per quanto bene possa conoscerli) o improvvisarsi in “tanto che ci vuole?!” potrebbe farti sprecare molte risorse e ovviamente non raggiungerai mai risultati.

Perciò a seconda delle tue dimensioni aziendali e le tue possibilità, stabilisci subito un budget da destinare alla tua pubblicità sui social media, includendo anche quello destinato alle risorse umane, cioè chi gestirà il tutto, cioè la tua immagine o quella del tuo brand (scusa se è poco 🙂 )

Rispondi

  
  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.