Tag: social media strategy

Come creare una social media strategy per piccoli business

Come creare una social media strategy per piccoli business - Francesca Antonetti

Per una piccola impresa, avere una social media strategy è essenziale per aumentare la consapevolezza del marchio (brand awareness), raggiungere il pubblico di destinazione e aumentare le vendite.
Con una solida strategia sui social media, non rimarrai mai a corto di idee su cosa pubblicare e otterrai una community coinvolta.
Vediamo come creare una strategia sui social media per le piccole imprese?

Come creare una social media strategy per piccoli business - Francesca Antonetti

Che cos’è una social media strategy?

Una strategia sui social media racchiude tutto ciò che vuoi ottenere sui social media. Descrive in dettaglio ciò che pubblicherai, le piattaforme che utilizzerai e definisce obiettivi misurabili che supporteranno le tue esigenze aziendali specifiche.

Strategie di social media ben fatte per le piccole imprese possono aumentare la consapevolezza del marchio, costruire il tuo pubblico e aumentare le entrate.

Tuttavia, questa crescita non avverrà dall’oggi al domani. Richiede un approccio coerente e strategico.

Come creare una social media strategy per piccole imprese o professionisti

  1. Definisci la tua social media strategy
  2. Identifica le giuste piattaforme social
  3. Definisci la tua Brand Voice
  4. Crea i tuoi contenuti
  5. Misuri gli obiettivi

1. Definisci la tua social media strategy e gli obiettivi

La creazione di una social media strategy da zero può sembrare complessa, ma l’impostazione di obiettivi SMART mantiene il processo realistico e realizzabile.

Un obiettivo SMART è:

Specific: specific

Misurabile: misurabile

Achievable: realizzabile

Relevant: pertinente

Timely: tempestivo

Applica questo metodo al tuo piano di social media marketing basando gli obiettivi su metriche specifiche per la tua attività.

Ad esempio, potresti voler monitorare quante persone seguono il tuo account sui social media mese dopo mese o comunque quante persone riesci a raggiungere.

2. Identifica le giuste piattaforme social

Ogni piattaforma di social media ha una serie unica di pro e contro, il che significa che puoi scegliere quella giusta, in base al tuo approccio.

Iniziare con piattaforme che hanno più senso per la tua attività ti aiuterà a risparmiare tempo ed evitare di essere sopraffatto dal tuo calendario di contenuti.

Instagram è il principale social media “visivo”, quindi utile per condividere l’utilizzo di un prodotto/servizio e costruire una solida community.

Facebook è il social media più utilizzato e probabilmente il più avanzato a livello di tool per la gestione della community a vari livelli.

TikTok utilizza brevi video che possono essere informativi, divertenti o creativi, quindi un ottimo strumento; la audience principale è la gen z, tuttavia si sta man mano spostando e molti millennial si stanno unendo alla piattaforma.

YouTube consente di condividere video di forma più lunga, con un’enorme dimensione massima del file di caricamento di 128 GB (o 12 ore!).
Questo lo rende la piattaforma perfetta per contenuti educativi più approfonditi, come consigli di stile, interviste, tutorial e trasformazioni.

LinkedIn è un’ottima piattaforma per costruire la tua rete, aumentare la brand awareness e attirare nuovi talenti per entrare a far parte della tua attività.
Simile a Twitter, molti marchi utilizzano LinkedIn per condividere aggiornamenti aziendali, comunicati stampa, copertura mediatica, articoli o blog post.

3. Definisci la tua brand voice

Parliamo di “personalità” del tuo brand. La brand voice è il modo in cui parli alla tua audience.

Se stai cercando di capire qual è il tono giusto, concentrati sui valori e la mission del tuo brand. Sei formale e serio o socievole e friendly?

Il tono può anche essere leggermente differente a seconda della piattaforma, purché resti coerente.

4. Crea e pianifica i tuoi contenuti

Una volta definiti gli obiettivi, le piattaforme e la brand voice è il momento di creare i contenuti.

Come titolare di un piccolo business (o come professionista), l’ideale per non essere sopraffatti è pianificare e programmare più contenuti. Puoi usare il Creator Studio per Facebook e Instagram o tool esterni com PostPickr per Linkedin. Per TikTok il discorso è differente, ma puoi salvare in bozza direttamente in app e ultimare il video in un altro momento.

5. Monitora e analizza gli obiettivi

Non dimenticare che la chiave per una strategia di social media di successo per le piccole imprese è la coerenza.

Monitorare le tue analisi per vedere quante persone stai raggiungendo e come interagiscono con i tuoi post è fondamentale per la tua strategia in quanto ti mostrano cosa funziona e cosa no.

Puoi utilizzare anche gli strumenti di analisi di base all’interno delle piattaforme, soprattutto in fase iniziale, come Facebook Insight, la dashboard di Instagram, ecc.


Gamification e social media

Gamification e Social media - Francesca Antonetti

Cosa fa un social media manager, tra le altre attività? Crea la strategia, definisce gli obiettivi da raggiungere e crea un piano editoriale e relativo calendario per raggiungerli.

Trovare e creare i contenuti giusti è una sfida quotidiana. Cosa vuol dire giusti? Vuol dire contenuti in grado di catturare l’attenzione dell’utente, con l’obiettivo di coinvolgerlo, fidelizzarlo e trasformarlo poi in cliente.

La gamification è un tipo di attività che può aiutarci in questo obiettivo. Per spiegartela bene, ho chiesto aiuto ad Andrea Khaldi, meglio noto come l’Architetto della Mente, coach esperto in tecniche di apprendimento rapido e Gamification. Grazie Andrea per il tuo contributo!

Gamification e Social media - Francesca Antonetti

Con questo articolo-intervista saprai:

  • Quali sono i 4 tipi di contenuti che devi utilizzare nel tuo piano editoriale
  • Che cosa si intende per Gamification
  • Quali sono gli elementi imprescindibili per creare una comunicazione efficiente utilizzando la Gamification
  • Come utilizzare la Gamification nella tua social media strategy
  • Come la Gamification può aumentare la tua brand awareness

4 tipi di contenuti che devi utilizzare nel tuo piano editoriale

Ecco i 4 tipi di contenuti che io utilizzo nei miei piani editoriali:

  • CONTENUTI EDUCATIVI: insegna quello che sai, offri valore ai tuoi utenti.

  • CONTENUTI EMOZIONALI: che tu rappresenti un brand o stia promuovendo il tuo personal brand raccontare te stesso, qualcosa di te, della tua vita, la tua storia (il tanto citato storytelling insomma) o della storia del prodotto che vendi o la tua attività, ti aiuterà a costruire fiducia nei tuoi confronti.

  • CONTENUTI VIRALI O CONDIVISIBILI: è un tipo di contenuto che ai miei clienti propongo sempre perché funziona sempre. Post grafici, citazioni, meme.

  • CONTENUTI PROMOZIONALI: anche se questo tipi di contenuti dovrebbe rappresentare solo il 20% dei post e se hai fatto bene l’altro 80% questo 20% è abbastanza, ovviamente non viviamo di like, commenti e followers ma di quello che vendiamo. A questo livello io inserisco qualsiasi post con CTA, che quindi portano l’utente a compiere un’azione, quindi anche la lead generation.

Ne parlo approfonditamente qui: Piano editoriale: la regola dell’80 20

Oggi mi concentrerò sui contenuti ludici, che quindi inserisco all’interno dei contenuti emozionali. Visto che è nella sfera emotiva dell’utente che agiscono. Attraverso un’intervista con Andrea Khaldi.

D: Che cosa si intende per Gamification?

Questa domanda sembra banale, ma non lo è! Pensa che neanche gli addetti al settore concordano su quale sia la definizione precisa della Gamification!

Per certi versi per gamification si intende l’uso dei meccanismi dei principi dei giochi e dei videogiochi all’interno delle normali attività umane, che magari possono risultare noiose o frustranti.

Ma scavando più a fondo si impara che non basta mettere dei punti o dei trofei per gamificare una situazione: occorre costruire una relazione molto più intensa con il Giocatore/utente, capendo quali sono le sue vere motivazioni.
Ed ecco che allora esce fuori forse, cos’è davvero la Gamification: il più sofisticato filtro conoscitivo dell’animo umano e lo strumento più pratico per far concentrare le persone su quello che stanno facendo.
Una sorta di Mindfulness molto molto pratica!

D: Quali sono gli elementi imprescindibili per creare una comunicazione efficiente utilizzando la gamification

Direi soprattutto uno: mettere al centro di tutto l’utente che hai davanti.

Capire chi è, cosa lo motiva, come “funziona” e costruire un “cerchio magico”, l’insieme di regole, premi e punizioni che regoleranno il “gioco”.

Questo Cerchio Magico è fisiologicamente diverso per ogni giocatore, per questo è importante calibrarlo bene attraverso una relazione conoscitiva approfondita. Per fortuna capire il tipo di Giocatore che si ha davanti è abbastanza facile.

Ed è a quel punto che si si passa alla parte operativa: stabilire le Meccaniche appropriate ed usare i Componenti necessari.

Una Meccanica è un processo specifico che fa agire una persona.

Magari il nostro utente ama ottenere premi e riconoscimenti, oppure ama scoprire tutte le sfumature di una storia. C’è chi ha bisogno di sapere di essere il numero 1 e chi invece ama poter partecipare alla costruzione del gioco.

Quando abbiamo capito la meccanica più adatta, a quel punto possiamo scegliere i “componenti”, ovvero gli elementi che verranno effettivamente usati da un utente.

Hai presente un Avatar per un social network, il sistema a punti di un super market o un sondaggio per creare un Lead?

Sono componenti, che attivano meccaniche per far compiere un’azione ad un utente.

Un cerchio magico, insomma!

D: Ogni buon social media strategist sa che all’interno di una Social media strategy, è sempre più difficile riuscire a raggiungere il proprio target. Può riuscirci solo con contenuti di valore e coinvolgendolo anche attraverso le emozioni. La gamification è utile in questo senso?

Assolutamente sì!
In due modi: innanzitutto, come ho detto prima, la Gamification sfrutta le Leve Motivazionali fisiologiche degli esseri umani. Per questo dicevo che gamificare un’attività non significa solo usare punti o trofei, ma costruire un processo in cui la motivazione e le emozioni di un utente siano il perno centrale.
La vendita verrà dopo, in modo naturale.
Yukai Chou, uno dei massimi esperti mondiali sull’argomento, preferisce parlare di “Human Driven Motivation” contrapposta a “Data Driven Motivation”, quando parla di Gamification.


Poi c’è la quantità stratosferica di storie, metafore, personaggi che ormai sono diventati parte del nostro immaginario e che provengono dal mondo “nerd”: pensa al successo degli Avengers ad esempio, ed in generale dell’MCU.
Personaggi come Spider Man, o Black Panther, ormai possono essere usati come simboli, metafore… come ancore, insomma, per solleticare la curiosità di un utente e generare un’interazione molto forte.
Le più moderne piattaforme social, Twitch e Tik Tok, si basano proprio su questo: far giocare gli utenti con immaginari e scenari che fino a qualche anno fa erano considerati negativamente o con superficialità!

D: Quindi ad esempio, i giveaway e le challenge sono un esempio di gamification nel social media marketing?

Esatto, sono gli esempi più lampanti di Gamification nel Social Media Marketing.

Sono efficaci perché attivano meccaniche molto forti: la competizione, il desiderio di essere i numeri uno e sconfiggere gli avversari, ottenere una ricompensa etc.

Si tratta di strumenti semplici ed efficaci ma attenzione: non basta inserire un premio o dei punti per pensare di aver gamificato un’attività.

Occorre costruire una strategia precisa perché come tutto ciò che riguarda la comunicazione ed il social media management in particolare le nostre azioni devono essere calibrate in modo preciso sul tipo di utenza che vogliamo raggiungere (chi sono i miei follower? che tipo di giocatori sono?).

Io ad esempio sono totalmente insensibile alle challenge che mettono in palio un premio basato sulla fortuna, ma reagisco bene alle classifiche in cui posso impegnarmi per dimostrare il mio valore. E questo è solo un esempio tra i tanti possibili. Dopotutto di tecniche di gamification ne esistono tante: è scegliere quella giusta per te, la vera sfida!

D: Ad un brand (o personal brand) occorrono almeno 16 interazioni per far sì che una persona, guardando anche solo il logo o la faccia, li riconosca. La gamification può aiutare nel generare queste interazioni?

Certo!

Al punto che non spiego come non venga usata di più dai brand.

Uno degli elementi più importanti della Gamification è il cosidetto “Player’s Journey”, che indica le 4 fasi che un giocatore segue quando inizia un gioco: Discovery, Onboarding, Scaffolding, Endgame.

Quando un utente ci scopre si trova inevitabilmente nella fase di Discovery, momento fondamentale in cui decide se continuare o meno a conoscerci.

Attraverso alcune meccaniche molto semplici da applicare al giorno d’oggi è possibile fargli iniziare il suo Player’s Journey verso il nostro Brand, agendo non su quello che noi possiamo fare per lei/lui, ma su quello che il l’Utente vuole: continuare a giocare.

In questo modo, calibrando bene il Copy e sfruttando una buona strategia cross-canale è possibile far salire vertiginosamente il numero di interazioni che un utente compirà.

Andrea fa parte della community di cui faccio parte anche io e ne sono admin Officina2030 di Alessandro Principali, con il quale collaboro e che ha recentemente intervistato Andrea nell’ambito del suo nuovo interessantissimo format Live2030.

Ecco l’intervista!

Live2030 – Sviluppare Disciplina per apprendere velocemente – Andrea Khaldi, Architetto della Mente

Se ti interessa approfondire e conoscere meglio Andrea Khaldi, ecco i suoi contatti!

Come la tua piccola impresa può fare marketing efficacemente sui social media

Social media marketing per piccole imprese

Oggi vi propongo la traduzione e rielaborazione di un articolo, anzi una vera e propria guida di Neil Patel, un genio assoluto del marketing e web marketing, su come poter utilizzare i social media a favore del tuo business, anche e soprattutto se hai una piccola impresa.

Puoi trovare l’articolo originale qui!

 

Il social media marketing non è un’opzione per i piccoli business nel 2018.

Noto questo problema ogni volta che faccio una consulenza a proprietarie di piccole imprese. Loro hanno questa mentalità per cui credono che i social media non diano loro benefici.

“Our customers know who we are, and they know where to find us.”(“I nostri clienti sanno chi siamo e dove trovarci”)

Vi suona familiare?  Non fraintendetemi: è grandioso che tu abbia una stabile base clienti. Ma l’utilizzo dei social media nella strategia di marketing della tua piccola impresa ti aiuterà a continuare a vendere e fare soldi dai tuoi clienti esistente ed acquisirne tanti altri.

La mancanza di una strategia efficace sui social media può essere dannosa per la tua piccola impresa.

Mentre tu potresti pensare che la tua assenza dai social media non abbia alcun impatto su di te ad oggi, alla fine questo impatto ci sarà. Dunque non aspettare che sia troppo tardi per iniziare.

Devi stare al passo con le ultime tendenze dei social media e applicarle alla tua piccola impresa.

Se sei un piccolo imprenditore non del tutto convinto di dover utilizzare i social media per migliorare la tua attività, trarrai enormi benefici dalla lettura di questa guida.

Se attualmente utilizzi i social media per commercializzare la tua piccola impresa ma non vedi i risultati sperati, ti guiderò verso la strada del successo.

Segui i suggerimenti e le strategie di marketing che ho delineato in questa guida e ti propongo per una crescita sostenibile oggi e in futuro.

 Crea profili su più piattaforme

Siamo su Facebook!”

Questo è quello che sento ogni volta che parlo con i proprietari di piccole imprese della loro social media strategy.

Se hai una pagina Facebook per il tuo business è grandioso. Hai iniziato bene e sei nella giusta direzione!

Ma facebook da solo non basterà ad ottimizzare la tua reach (cioè la portata). Hai bisogno di stabilire una presenza su più piattaforme social possibile.

Qui puoi dare uno sguardo ai social media channels che i small businesses usano di più:

social media channels piccole imprese

Come puoi vedere, Facebook apre la strada alle piccole imprese.

Meno della metà delle piccole imprese utilizza Instagram, YouTube e Twitter per commercializzare i loro marchi.

Inoltre, meno di un terzo dei proprietari si avvale di LinkedIn e Snapchat.

Prima di correre a creare un profilo su tutti i canali sopra elencati, è importante capire il tuo mercato di riferimento.

Ad esempio, LinkedIn è più vantaggioso per le aziende B2B. Questo perché l’80% dei lead generati dai marchi B2B proviene da LinkedIn.

Supponiamo che la tua piccola impresa stia prendendo di mira Generation Z come pubblico principale. Bene, il 71% di Gen Z utilizza Snapchat almeno sei volte al giorno. Più della metà di questa generazione utilizza Snapchat oltre 11 volte al giorno.

Ma se la tua piccola impresa sta cercando di generare lead da Baby Boomers, non avrebbe senso dare la priorità a Snapchat.

Per la maggior parte, iniziare con un profilo Facebook è una scommessa sicura. Con circa 1,5 miliardi di utenti attivi al giorno, puoi presumere che il tuo pubblico di destinazione sia presente.

Che ci crediate o no, dopo tutti questi anni, Facebook è ancora il social network in più rapida crescita. Quindi non andrà da nessuna parte nel prossimo futuro.

Dopo aver creato una pagina Facebook, devi determinare quali altri canali sono adatti al tuo marchio e alla tua strategia di marketing. Consiglierei di creare un canale YouTube.

I contenuti video che carichi su YouTube saranno facili da riutilizzare per gli altri canali di marketing. Questi video ti daranno una scusa per pubblicare contenuti su altre piattaforme quando le idee stanno per finire, ma ne parleremo più dettagliatamente a breve.

Definisci i tuoi obiettivi di marketing

Non puoi iniziare ciecamente a postare contenuti sui social media senza una sorta di rima o motivo. Prima di fare qualsiasi altra cosa, devi identificare i tuoi obiettivi di marketing.

Questi sono alcuni degli obiettivi principali che le piccole imprese possono ottenere con le loro strategie sui social media:

obiettivi di marketing

Lead generation, brand awareness e customer engagement sono tutti buoni motivi per utilizzare i social media, ciò non significa che questi debbano necessariamente essere anche i tuoi obiettivi.

È possibile utilizzare i social media per fornire un servizio clienti migliore o guidare direttamente le vendite.

Qualunque siano le tue ragioni, assicurati che siano chiaramente definite. Pensala come faresti con qualsiasi altra strategia di marketing per la tua azienda.

Non pubblicheresti mai un annuncio alla radio o una pubblicità stampata senza stabilire prima un obiettivo, quindi devi trattare la tua strategia sui social media allo stesso modo.

Una volta che decidi lo scopo delle tue campagne sui social media, sarà molto più facile per te creare contenuti da pubblicare.

Come vedremo presto, può essere difficile pensare a idee per nuovi post. Ma se riesci a stabilire cosa vuoi ottenere con i tuoi contenuti, saprai cosa pubblicare per raggiungere questi obiettivi.

Pubblica contenuti su base giornaliera

Ora che hai un profilo di social media su più piattaforme, devi assicurarti che quegli account siano attivi.

Se qualcuno si imbatte in una delle tue pagine e il post più recente è di tre settimane fa, non ti seguiranno. Perché seguire un marchio che non pubblica contenuti?

Inoltre, pensa a tutte le persone che già seguono la tua pagina aziendale.

Queste persone non si limiteranno a navigare in quella pagina da soli per vedere cosa stai facendo. Devi pubblicare nuovi contenuti che verranno visualizzati nelle loro home page e timeline.

Diamo un’occhiata a quanto spesso le piccole imprese pubblicano sui social media:

Frequenza pubblicazione post per piccole imprese

Come puoi vedere da questo grafico, poco più della metà delle piccole imprese pubblica su base giornaliera.

Questa è la tua opportunità per distinguerti dai tuoi concorrenti. Se i tuoi concorrenti pubblicano solo una volta a settimana o qualche volta al mese, sarà più facile per te dare un’impressione duratura ai tuoi follower pubblicando ogni giorno.

Ogni volta che pubblichi nuovi contenuti, ricordi ai tuoi follower che il tuo marchio esiste.

Quando hanno bisogno o vogliono qualunque cosa tu stia offrendo, penseranno alla tua azienda piuttosto che a un’altra piccola impresa della zona.

Uno dei motivi per cui le piccole imprese non pubblicano contenuti ogni giorno è perché semplicemente non sanno cosa pubblicare. Se rientri in questa categoria, fai riferimento ai tuoi obiettivi di marketing.

Leggi anche Il Piano Editoriale la regola dell’80-20

Ad esempio, se il tuo obiettivo è promuovere nuovi prodotti in vendita sul tuo sito di e-commerce, pubblica un’offerta promozionale per tali prodotti.

Riutilizza contenuti pubblicati in precedenza:

Supponiamo che tu abbia una guida o un’esercitazione didattica su come utilizzare un prodotto che hai pubblicato sulla tua pagina YouTube. Puoi pubblicare lo stesso video o snippet di quel video sugli altri canali di distribuzione.

Condividi nuovi contenuti dal tuo sito web. Pubblica link ai tuoi post pubblicati più di recente.

Oltre a pubblicare contenuti ogni giorno, è anche importante che tu risponda ai tuoi clienti. Mi riferisco ai messaggi diretti e ai commenti.

Leggi anche Il Community Manager contro gli Haters

Il 48% dei consumatori afferma che quando un’azienda risponde ai social media, li spinge a effettuare un acquisto.

Offri ai consumatori un motivo per seguirti

Per avere una strategia di marketing social media di successo per la tua piccola azienda, devi avere molti followers. Altrimenti, nessuno vedrà il tuo contenuto. (E devi fare molto advertising, aggiungo io!)

Una volta che sarai in grado di far crescere il tuo seguito sociale, sarà più facile per te convertire i tuoi follower in clienti.

Questo perché i consumatori hanno maggiori probabilità di acquistare dai marchi che seguono sui social media.

da follower a clienti

Ecco alcuni dei principali motivi per cui le persone sarebbero interessate a seguire la tua piccola impresa sui social media:

  • sono curiosi dei tuoi prodotti o servizi
    offri promozioni esclusive
  • il tuo contenuto è divertente
  • hanno bisogno di raggiungere un rappresentante del servizio clienti
  • hai offerto un incentivo
  • i loro amici o familiari seguono il tuo marchio

Quindi assicurati che il tuo contenuto sia di qualità e valga la pena di essere seguito. Come hai visto, ottenere più follower alla fine aumenterà le tue possibilità di incrementare le vendite.

Proponi un Contest. Promuovi vendite flash e sconti.

Non pubblicare troppe promozioni, altrimenti le persone smetteranno di seguirti. In effetti, il 46% dei consumatori dichiara che smetterà di sviare i marchi che pubblicano troppi contenuti promozionali.

Leggi ancora Il Piano Editoriale. La Regola dell’80-20.

C’è una differenza tra la pubblicazione giornaliera e lo spamming dei follower.

Le persone non vogliono solo vedere i post del tuo marchio. Se pubblichi più volte al giorno, questi post invaderanno le  timeline e le home page dei tuoi follower. Nessuno vuole vederlo.

Se vuoi pubblicare contenuti più volte al giorno, considera la possibilità di condividere contenuti effimeri, di cui parleremo più dettagliatamente.

Crea relazioni con gli influencer

E se ti dicessi che c’è un modo per aumentare la tua presenza sui social media senza pubblicare alcun contenuto nella tua pagina?

Beh, come sono sicuro che tu sia stato in grado di indovinare, questa è sicuramente una possibilità.

Quando le persone pensano agli influencer sociali, pensano alle celebrità e agli atleti. Ma la collaborazione con una celebrità probabilmente non si adatta al budget di marketing di una piccola impresa.

Tuttavia, l’influencer marketing è il metodo più veloce per l’acquisizione di clienti nel mondo digitale.

influencer marketing per piccole imprese

Inoltre, il 67% dei brand prevede di aumentare il proprio budget in influencer marketing entro il prossimo anno.

Quindi, come può una piccola impresa permettersi di attuare una strategia come questa? Puoi trovare influencer sociali che sono molto più economici di una celebrità.

Prova a collaborare con i micro influencer per aumentare la credibilità del tuo prodotto.

Questo tipo di influencer potrebbe non avere milioni di follower, ma puoi far pubblicare loro contenuti sul tuo brand per poche centinaia di euro. Potresti anche riuscire a offrire loro solo dei prodotti gratuiti in cambio di un post sul tuo marchio.

Questa strategia è efficace perché i micro influencer hanno parametri di coinvolgimento più forti con i loro follower. Questo perché sono solo persone normali.

Leggi anche Igers: chi sono e cosa fanno su Instagram

Un cittadino medio non può riferirsi alle vite di Kanye West e dei Kardashian. Ma possono sicuramente riguardare qualcuno che ha un lavoro regolare.

Considera la ricerca di influencer sociali che vivono nell’area o nella regione della tua piccola azienda. È più probabile che i loro follower siano interessati a supportare il tuo marchio.

Implementa strumenti di automazione

So cosa stai pensando. Tutto ciò che abbiamo discusso finora richiede molto tempo.

Come proprietario di una piccola impresa, è necessario indossare ruoli multipli per tutto il giorno. A seconda delle dimensioni della tua attività, potresti gestire la maggior parte delle responsabilità dell’azienda.

Diventare un content manager per i social media non era qualcosa che avevi messo in conto, e potrebbe sembrare che non ci siano abbastanza ore al giorno per gestirli.

Inoltre, assumere qualcuno per svolgere queste attività può essere costoso. Potrebbe non essere qualcosa che la tua azienda può permettersi in questo momento.

Fortunatamente, le risorse di automazione risolveranno questo problema per te.

L’utilizzo di una piattaforma di automazione ti consentirà di pianificare in anticipo i tuoi post. Puoi ad esempio dedicare del tempo a questa attività a inizio settimana e programmare tutti i post.

Un altro vantaggio dell’utilizzo di uno strumento di automazione è la capacità di rispondere ai messaggi in modo tempestivo.

Anziché dover controllare singolarmente ciascuna piattaforma social per questi messaggi, è possibile trovare software che invia tutti i messaggi a una singola casella di posta. Quindi puoi rispondere direttamente dal software.

Consiglio vivamente questi strumenti ai proprietari di piccole imprese che sentono di non avere abbastanza tempo per gestire in modo efficace i loro profili sui social media.

Non lasciare che ciò pregiudichi la tua strategia di marketing.

Puoi utilizzare ad esempio PostPickr

Incoraggia i contenuti generati dagli utenti

Questo si collega alla mia discussione sul tipo di contenuto che dovresti pubblicare.

Non puoi sbagliare condividendo contenuti che incoraggino gli user-generated content o UGC.

User-generated content

Come puoi vedere da questi numeri, i contenuti generati dagli utenti hanno una correlazione diretta con la decisione di acquisto dei consumatori.

L’UGC ti aiuterà anche a costruire la consapevolezza del marchio. Ecco perché.

Supponiamo che tu organizzi un concorso su Instagram in cui i partecipanti debbano pubblicare le foto nelle quali stiano utilizzando uno dei tuoi prodotti.

La tua piccola impresa è appena stata esposta a un pubblico più ampio. Chiunque segua le persone che partecipano al concorso vedrà il tuo marchio promosso, anche se queste persone non ti seguono.

Un enorme 92% dei consumatori afferma di fidarsi di un rinvio se proviene da qualcuno che conoscono.

UGC è un ottimo modo per ottenere più follower e in definitiva trasformare quei nuovi follower in acquirenti.

Sfrutta gli Ephemeral Content

Il contenuto effimero è diverso da un post normale. Questo tipo di contenuto viene visualizzato solo per un breve periodo di tempo, ad esempio 24 ore.

I luoghi più comuni in cui troverai contenuti effimeri per i social media sono su Instagram e Snapchat. Entrambe queste piattaforme hanno una funzione “storia”.

Consiglio vivamente di utilizzare una storia di Instagram per promuovere la tua attività.

Se vuoi postare più volte al giorno, fallo nella tua storia. Questo non invierà spam alle scadenze dei tuoi follower.

Se non hai ancora usato gli Ephemeral content prova nella tua prossima promozione per vedere come va.

Trasmetti stream video in diretta

Le piccole imprese possono anche trarre vantaggio dalla trasmissione di contenuti video live sui social media.

Facebook, YouTube e Instagram hanno tutte le opzioni per farlo.

Dai un’occhiata ad alcune di queste statistiche su Facebook Live:

Dati video live sui social

 

Fondamentalmente, il tuo live streaming aumenterà le tue metriche di coinvolgimento, il famoso engagement. Ti darà anche un’interazione più autentica con il tuo pubblico.

Puoi usare la tua trasmissione live in molti modi diversi. Ma uno dei miei preferiti per le piccole imprese è un aspetto “dietro le quinte”.

Mostra ai tuoi follower cosa succede a porte chiuse nella tua azienda. Offri loro un tour del tuo impianto di produzione, ufficio, e presentali al tuo staff.

Questo li farà sentire come se stessero vedendo qualcosa di esclusivo e in ultima analisi li avvicina al tuo marchio.

Il video dal vivo è anche un ottimo metodo di distribuzione per dimostrazioni di prodotti, eventi o sessioni di domande e risposte.

Il tuo pubblico dal vivo sarà in grado di commentare il tuo stream in tempo reale. Assicurati di riconoscere tali commenti e di rispondere ai tuoi follower.

Conclusioni

La tua piccola impresa ha bisogno di utilizzare i social media per essere rilevante ai nostri giorni.

Avere un profilo Facebook da solo non è più accettabile se vuoi massimizzare la tua attività di social media marketing.

Crea profili su più piattaforme fino a quando il tuo pubblico di destinazione è attivo su quei canali.

Devi pubblicare i contenuti su base regolare. Assicurati che i tuoi post siano tutti correlati ai tuoi obiettivi di marketing chiaramente stabiliti.

I tuoi profili devono essere attraenti per i consumatori. Esegui campagne progettate per ottenere più follower.

Per estendere ulteriormente la tua portata, trova influencer sociali per promuovere la tua attività. Incoraggiare i contenuti generati dagli utenti.

Aggiungi Ephemeral content e trasmissioni live alla tua strategia di social media marketing.

Se non hai il tempo di gestire tutte le tue pagine di social media, considera l’utilizzo di strumenti di automazione per semplificarti la vita.

Segui i consigli che ho delineato in questa guida e porterà la social media marketing stategy della tua piccola impresa al livello successivo.

In che modo la tua piccola azienda sfrutta i social media per aumentare la consapevolezza del marchio e incentivare le vendite?

 

 

Il Piano Editoriale – La regola dell’80 – 20

Il principio di Pareto o “legge 80/20”

Pareto, studiando la distribuzione dei redditi, nel 1897 dimostrò che in una data regione solo pochi individui possedevano la maggior parte della ricchezza. Questa osservazione ispirò la cosiddetta “legge 80/20”, una legge empirica che fu poi riformulata anche da Joseph M. Juran ma che è nota anche con il nome di principio di Pareto (o principio della scarsità dei fattori), e che è sintetizzabile nell’affermazione: la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause (considerando grandi numeri). Questo principio, in realtà, è il risultato della distribuzione paretiana.

Naturalmente i valori 80% e 20% sono ottenuti mediante osservazioni empiriche e sono solo indicativi, ma è interessante notare come numerosi fenomeni abbiano una distribuzione statistica in linea con questi valori.

Per approfondire: https://it.wikipedia.org/wiki/Principio_di_Pareto

Principio di Pareto 80 -20

Il Principio dell’80/20 in marketing

La legge di Pareto è notevolmente efficace quando si applica alle situazioni di vendita e di marketing  nonostante l’uso della teoria di Pareto nelle vendite e nel marketing sia generalmente trascurata completamente.

“L’80 per cento dell’output è prodotto dal 20 per cento degli input”

Se si comprende questo, si potrà comprendere anche l’importanza dell’applicazione di tale principio.

Ad esempio, si consideri un’organizzazione che continua a dirigere le proprie attività in tutta la sua gamma di prodotti, quando forse il 95% dei suoi profitti deriva da appena il 10% dei prodotti e / o forse solo il 2% dei suoi profitti proviene dal 60%, idem con riferimento ai clienti.

Immaginate lo sforzo sprecato … Facendo un’adeguata analisi di Pareto, si potrebbe concentrare le proprie attività, sforzi, investimenti soltanto su clienti o prodotti più redditizi, senza dispendio di energie.

The rule of 80-20 Francesca Antonetti

La regola dell’80-20 nel piano editoriale

Una delle regole fisse per costruire una buona social media strategy è la stesura di un buon piano editoriale.

Un bravo e preparato social media manager prima di qualunque altra azione crea il piano editoriale.

Dunque se l’80% delle azioni è data dal 20% degli input, ha senso creare il 100% dei post con lo stesso obiettivo?

Assolutamente NO!

Utilizzare i Social per fare comunicazione, vuol dire cogliere l’opportunità di fare marketing differenziale e portare la propria attività ad un livello alto di comunicazione.

Vuol dire connettersi con i propri clienti-utenti, perciò non può bastare la comunicazione del tipo “compra il mio che è più bello..” (o costa meno, ecc.)

Ha senso fare social media marketing se si comprende l’importanza di trasferire valore attraverso la comunicazione.

Quindi applicare la regola dell’80/20 al piano editoriale può risultare una giusta strategia.

Questo si traduce in 80 per cento di contenuti percepiti come “di valore” per gli utenti: informazioni utili riguardanti l’area o il settore del quale l’azienda fa parte.

Soltanto il 20 per cento della comunicazione – cioè quella che genera azioni – sarà orientata all’azienda stessa o i propri prodotti e servizi.

Questo vuol dire stabilire una comunicazione “ragionata”, offrire contenuti di valori che genereranno un rapporto di fiducia tra utente e azienda, non annoiare con una comunicazione piatta, ma stimolare il dibattito.