Tag: SEO

SEO Copywriting: come scrivere contenuti per le persone e ottimizzare per Google

SEO Copywriting: come scrivere contenuti per le persone e ottimizzate per Google - Francesca Antonetti

Se vuoi aumentare il pubblico del tuo blog, dovrai diventare più intelligente con i tuoi contenuti.

Una delle maggiori sfide che devono affrontare i blogger e i content marketer è la scrittura di contenuti ottimizzati per i motori di ricerca, ma piacevoli anche per i lettori.

L’argomento SEO è molto frainteso.  Ma il SEO copywriting non è complicato, una volta compreso che le persone vengono prima, prima degli algoritmi di ricerca.  

Prosperare nel tuo business online significa che devi andare oltre la semplice “scrittura di contenuti”. I tuoi contenuti devono raggiungere due obiettivi: in primo luogo, attirare l’utente finale (clienti, clienti, potenziali clienti, lettori, ecc.) E in secondo luogo, risolvere un problema particolare.

Ma come si creano contenuti che soddisfano tali obiettivi? Come si creano contenuti che si allineano bene con Google e convincono anche le persone? Questo è il copywriting SEO.  

SEO Copywriting: come scrivere contenuti per le persone e ottimizzate per Google - Francesca Antonetti

Con questo articolo saprai:

  • Che cos’è il SEO?
  • Comprendere del copywriting
  • Che cos’è SEO Copywriting?
  • Elementi di SEO Copywriting
  • Scrivere contenuti utili per le persone (la tua audience!)
  • Ricercare parole chiave per la creazione di contenuti
  • Copywriting: convincere le persone all’azione

Iniziamo…

Che cos’è il SEO?

Sappiamo tutti cosa succede quando si digita una query di ricerca in un motore di ricerca e si preme “invio”: si ottiene un elenco di risultati di ricerca pertinenti al termine di ricerca.

Le pagine dei risultati vengono visualizzate come risultato dell’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO). In breve, la SEO è un metodo per ottimizzare (migliorare l’efficacia) dei tuoi contenuti per i motori di ricerca, al fine di aiutarli a posizionarsi più in alto rispetto ai contenuti di altri siti che hanno come target gli stessi termini di ricerca.

Alpha Bee Design offre un quadro chiaro del processo SEO:

Quindi, SEO è quando:

  • Cerchi parole chiave …
  • Quindi selezioni una determinata keyword e …
  • Usi quella parola chiave per scrivere contenuti …
  • Che altre persone leggono e condividono su Twitter, Facebook, i loro blog e altre piattaforme di social media.

Secondo Redevolution, Google visualizza le pagine Web nei risultati di ricerca in base all’autorità e alla pertinenza della pagina per migliorare l’esperienza dell’utente. Come si misura l’autorità e la pertinenza?

  • Google determina la pertinenza della tua pagina analizzandone il contenuto in base a diversi fattori, tra cui dove e con quale frequenza usi determinate parole in quel contenuto.
  • Google misura l’autorità in base al numero di link che puntano a quella pagina e alla loro attendibilità.

Su Internet, i collegamenti sono come voti, con una leggera differenza. Il vincitore delle elezioni è determinato esclusivamente dal numero di voti, mentre il grado della tua pagina web non dipende tanto dal numero di link in entrata che ha (quantità), ma piuttosto dalla qualità di tali link. Tu e il tuo team di marketing dovete capirlo.

La qualità è diventata il fattore di classificazione n.1 in Google, soprattutto dopo gli aggiornamenti di Panda e Penguin di Google.

Che cos’è il copywriting

Il copywriting è l’arte e la scienza della creazione di contenuti che richiede al lettore / utente finale di acquistare un prodotto, iscriversi a un elenco, fare una prova o intraprendere altre azioni che potrebbero essere utili.

Il copywriting è vendita, afferma Bruce Bendinger. 

Chi spinge un utente ad agire? Lo fa un copywriter. Un copywriter è un abile professionista che scrive copie per pubblicità, promozioni e coinvolgimento dei clienti. Nel mondo del marketing, vengono spesso definiti “creativi”. Un copywriter SEO adatta questo al contenuto online.

Un copywriter è qualcuno che capisce le persone, sa cosa piace al suo pubblico e sceglie le parole che piaceranno loro. Il titolo, le parole, le frasi e i paragrafi utilizzati nel contenuto devono persuadere e indurre i lettori a intraprendere un’azione specifica. Un copywriter SEO capisce anche come Google si sente su determinate parole e frasi, in particolare le frasi a coda lunga.

Long tail keyword: 4 o più parole con volume di ricerca basso, ma molto vicine alla conversione dell’utente. Essendo le long tail keyword più lunghe e specifiche, più semplice sarà il loro posizionamento, maggiore sarà la probabilità di conversione. Ciò significa che le long tail keyword rappresentano le ricerche degli utenti che molto probabilmente si trasformeranno in conversioni. (Digital Coach)

Se sei un blogger, uno scrittore freelance o un imprenditore online, puoi diventare un buon copywriter sviluppando la tua creatività e perfezionndo le tue capacità di scrittura.

Se vuoi costruire un fiorente business online e sopravvivere in questo mondo mutevole di SEO, il tuo compito è quello di creare contenuti utili che siano interessanti, persuasivi e ottimizzati per i motori di ricerca, e devi farlo in modo coerente. Questo fa parte dell’esperienza dell’utente, ottenendo nuovi contenuti freschi su richiesta.

SEO Francesca Antonetti

Che cos’è SEO Copywriting?

Il copywriting SEO si è evoluto, da quando Google ha iniziato a implementare i suoi aggiornamenti.

Se desideri creare contenuti di grande utilità che si posizionano bene in Google e contemporaneamente incanalano i clienti nel tuo business online, devi pensare ai componenti dell’algoritmo di ranking di Google.

Il copywriting SEO si basa sulla creazione di contenuti utili, avvincenti e preziosi che comprendono parole chiave specifiche in modo che gli utenti o professionisti del settore siano portati a promuoverlo volentieri e condividerlo sui propri canali social. Ciò aumenta l’autorità e la pertinenza dei tuoi contenuti e migliora il posizionamento in Google per le parole chiave selezionate.  

Il copywriting SEO ti aiuta a indirizzare i tuoi clienti e a risolvere i loro problemi specifici con contenuti ben realizzati.

1. Elementi di SEO Copywriting

Alcuni elementi di contenuto di valore, come l’appeal visivo e la tempestività, sono i segni distintivi dell’efficacia del copywriting.

L’implementazione coerente delle migliori pratiche SEO in tutti i tuoi contenuti spingerà naturalmente i contenuti nella top 10 di Google e aumenterà il traffico.

Tuttavia, ci sono elementi che ti permetteranno sempre di posizionarti in alto su Google, oltre ad aumentare il tasso di conversione. Prima di implementare gli elementi del copywriting SEO, ricorda che  ci sono cose che dovrebbero venire prima come l’ottimizzazione on-page.

Ecco i 6 elementi del copywriting SEO che contano:

1) Velocità del sito

  • Il 40% delle persone abbandonerà una pagina Web se il caricamento completo richiede più di 3 secondi.
  • Il 47% degli utenti finali si aspetta  il caricamento di una pagina Web in due secondi o meno.

L’attenzione degli utenti è breve. Quindi anche se i tuoi contenuti sono utili e interessanti, ma ci vuole molto tempo perché la tua pagina si carichi completamente, i tuoi visitatori se ne andranno.

Come si misura il tempo di caricamento del sito?  

Ci sono diverse piattaforme, come ad esempio Pingdom

Attraverso la cronologia puoi effettuare una ricerca più accurata e capire dove puoi effettuare miglioramenti..

Accelerare il tempo di caricamento del tuo sito può migliorare le tue conversioni del 7%.

2) Titolo

I tuoi contenuti possono essere preziosi, ma se il titolo è mediocre, la percentuale di clic sarà bassa. Non sprecare un copy SEO di valore!

In media, il titolo viene letto da un numero di persone 5 volte maggiore di quelle che leggeranno il corpo del testo. Quindi, quando scrivi un titolo, sappi che hai già speso 80 centesimi del tuo dollaro.

David Ogilvy

Nel SEO copywriting, il tuo titolo dovrebbe attirare l’attenzione delle persone, quindi spingerle a fare clic e a leggere ulteriormente.

Il titolo è la parte che i lettori vedranno per prima!

Quando ti trovi nella top 10 di Google, se il tuo titolo è cliccabile e attraente, non importa se ti classifichi al primo o al quarto posto, perché attirerai comunque visitatori organici sul tuo sito. Come regola generale, un copywriter SEO di successo crea il titolo prima di passare al corpo del tuo articolo o post di blog.

Nota: i titoli che trasmettono un messaggio o un’idea specifici funzionano meglio con gli utenti della ricerca. Secondo alcune ricerche, i titoli con i numeri sono sempre vincenti.

Numerosi siti di contenuti autorevoli utilizzano i numeri nei loro titoli. 

Esempio di titolo con numeri - Francesca Antonetti
Esempio di titolo con numeri.

I titoli che contengono numeri in genere vengono condivisi di più anche su Facebook e Twitter.  

Esistono diverse risorse per scrivere titoli degni di clic e condivisibili.  

I copywriter SEO nuovi ed esperti raccomandano caldamente di scaricare Yoast SEO come plugin per WordPress per ottimizzare i copy  SEO. Dopo aver appreso il copywriting SEO, puoi scrivere contenuti che avranno sia un posizionamento elevato nelle pagine dei risultati di Google, che molti click da parte degli utenti!

Nota: se vuoi che l’intero titolo sia visibile nei risultati dei motori di ricerca, tienilo sotto i 72 caratteri. Ciò aumenterà anche le percentuali di clic.

3) Contenuto

Il contenuto stesso è un elemento vitale del copywriting SEO. Il motivo principale per cui le persone conducono ricerche su Google e altri motori di ricerca è che sono alla ricerca di contenuti utili. I motori di ricerca si nutrono anche di nuovi contenuti SEO, motivo per cui è necessario aggiornare costantemente il tuo sito.

 Se vuoi scrivere i migliori contenuti che si classificheranno bene su Google, devi scegliere bene le keywords. Evita di riempire eccessivamente  il testo di parole chiave. I 

Un post o articolo di blog generalmente  dovrebbe contenere almeno 1000 parole. Ma non si tratta solo di lunghezza, perché diversi articoli dettagliati fanno ugualmente  fatica a classificarsi e mantenere il loro posizionamente nelle pagine dei risultati di Google.

Prima di scrivere i tuoi contenuti SEO, è essenziale capire il tuo lettore. Quindi la nicchia e concentrarsi su un problema specifico che il lettore deve risolvere.  Abbiate il coraggio di risolvere quel problema con i vostri contenuti!

Ogni contenuto che scrivi ha bisogno di un’introduzione convincente. L’introduzione è la parte che viene subito dopo il titolo (e il sottotitolo se ne includi uno nei tuoi contenuti). La tua presentazione deve contenere almeno una delle tue parole chiave mirate, in particolare una parola chiave a coda lunga.

Tuttavia, è fondamentale capire che il moderno copywriting SEO è andato oltre il targeting e il posizionamento delle parole chiave. L’approccio migliore ora è scrivere contenuti che raggiungano  l’intento delle parole chiave.  

4) Meta Description

Prima di scrivere i tuoi contenuti e di nuovo, prima di pubblicarli, usa le meta descrizioni per guidare i motori di ricerca. Le meta descrizioni aiutano i motori di ricerca e gli utenti che effettuano ricerche a capire qual è l’argomento.

La meta descrizione è l’attributo HTML che fornisce una “spiegazione concisa” ai motori di ricerca del contenuto della tua pagina. Il tag è racchiuso nella <head> sezione </head> sulla tua pagina web.  

Google utilizza la meta descrizione sulla tua pagina come snippet quando gli utenti cercano parole chiave pertinenti alla tua pagina. Questa copia dello snippet è ciò che determinerà se si ottengono o meno clic, indipendentemente dalla posizione in alto nei risultati di ricerca.

Ai fini SEO, la meta descrizione dovrebbe essere di 150-160 caratteri e di solito appare così in Google:

Esempio di meta description di Google - Francesca Antonetti

La grande domanda: come faccio a scrivere meta descrizioni che catturino l’attenzione delle persone, oltre a classificarsi bene in Google?

  1. Comprendere l’intento della parola chiave. L’intento di parole chiave è lo scopo principale o la ragione dietro le parole chiave (se parole chiave seed o long-tail).

Ad esempio, supponi di essere un consulente di social media e desideri attirare clienti nella tua attività. Quindi, la tua parola chiave principale potrebbe essere “consulenza di esperti sui social media”.

  1. Una volta che il tuo articolo o post sul blog è stato scritto, la prossima cosa da fare è scrivere la sua meta descrizione.  

 a) Inizia con una domanda: stai cercando suggerimenti di social media per acquisire nuovi contatti, convertire i visitatori in clienti e migliorare il tuo marchio? Innanzitutto, fissa un obiettivo definito.

Lunghezza – 141 caratteri.

b) Dichiarare l’ovvio: molte aziende hanno rinunciato al marketing sui social media, perché non sanno cosa fare. Tutto ciò che serve è una consulenza di esperti che ha prodotto successo.

Lunghezza: 148 caratteri.

Nota: non è necessario includere necessariamente le parole chiave esatte nella meta descrizione, soprattutto quando non scorre in modo uniforme.  

5) Frequenza delle Keywords

La frequenza delle parole chiave indica quante volte le parole chiave scelte vengono visualizzate nella pagina Web.

 Al contrario, la densità delle parole chiave riguarda il rapporto tra la keyword e le altre parole nella stessa pagina.

La frequenza e la densità delle parole chiave non sono più efficaci come una volta, prima che Google iniziasse a distribuire aggiornamenti frequenti, ma sono ancora parti importanti del contenuto SEO. Evita errori di ottimizzazione sulla pagina, come l’inserimento eccessivo di parole chiave.

Tuttavia, la densità delle parole chiave influisce ancora in qualche modo sul ranking organico.  

6) Link esterni

I link  sono i mattoni di base della tua pagina web.  

I link alle pagine indicano a Google che sei connesso e socievole e che hai contenuti utili a cui le persone possono accedere altrove. Questo contenuto potrebbe essere tuo o potrebbe essere di un altro autore o sito.

Il collegamento ad altri siti e pagine autorevoli  indica che apprezzi ciò che altre persone creano. Google ti ricompenserà per essere in sintonia con la sua missione: organizzare le informazioni del mondo e renderle universalmente accessibili. Un buon team di marketing raccomanderebbe caldamente di creare link in modo appropriato.

Ad esempio questo mio articolo è una traduzione e rielaborazione dell’articolo originale di Neil Patiel, il mio riferimento nella redazione di articoli di valore!

Le regole per i link  ad altri siti non sono fisse. Tuttavia, come un marketer online e smart che vuole ottenere risultati eccezionali nei motori di ricerca, dovresti:

  • Link a pagine pertinenti all’interno e all’esterno del tuo sito nella tua introduzione
  • Link a guide o contenuti più approfonditi sulla tua pagina o su altri siti
  • Collegamento con il testo di ancoraggio appropriato, che scorre naturalmente con il contenuto

Come detto prima, queste regole non sono stabilite da Google o da altri motori di ricerca. Se riesci a capire il tuo pubblico di destinazione e produci i migliori contenuti che risolveranno i problemi dei tuoi lettori, non devi preoccuparti della densità delle parole chiave, dei collegamenti alle pagine e dei segnali sociali, perché si verificano in modo naturale.

Ricorda che contenuti estremamente utili attireranno sempre migliaia di condivisioni social, commenti, lead, clienti e vendite. Questo è il tuo lavoro come SEO copywriter.

Strumenti e risorse di SEO Copywriting: per comprendere e implementare pienamente le migliori pratiche di SEO copywriting, sono necessari strumenti e risorse fattibili. Ecco quello che consiglio:

Digital Coach offre corsi di specializzazione in Web Content Editor, dove si apprende anche il SEO copywriting.

Tuttavia, ci sono azioni che puoi intraprendere per aumentare la probabilità che la tua pagina web venga visualizzata in Google per ricerche pertinenti. Esploriamo questi fattori:

Tag del titolo: è una buona idea sapere come scrivere i tag del titolo per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Ancora una volta, Yoast SEO può aiutarti. Il tag title è un tag meta HTML, come la meta descrizione che abbiamo visto in precedenza. È come il titolo di un libro. È la prima cosa che appare nei risultati di ricerca di Google.

Il tag del titolo dovrebbe essere una descrizione concisa e accurata della tua pagina web. Google visualizzerà 50 – 60 caratteri del titolo nei risultati di ricerca. Oltre a pensare alla lunghezza, scrivi titoli che si allineino al tuo marchio.

Heading tag: i tag di intestazione sono etichettati h1 – h6. I tag di intestazione aumenteranno la dimensione del carattere e lo faranno risaltare. Quando scrivi un contenuto, dovrebbe essere ben strutturato per i lettori.

Ottimizzare il tuo titolo: questa è una delle cose più importanti che puoi fare per assicurarti che il tuo titolo sia classificato su Google, oltre ad attirare un pubblico.  

2. Scrivere contenuti utili per le persone

Le parole sono potenti. Le parole guidano il coinvolgimento. Se riesci a mettere insieme le parole per produrre un prezioso contenuto, il tuo pubblico di destinazione ti adorerà.

Il numero di blog che producono quotidianamente nuovi contenuti è in continua crescita. Ricorda che contenuti duplicati, contenuti con parole chiave e contenuti di bassa qualità non aiuteranno il raggiungimento del  tuo pubblico di destinazione.  

Uno studio recente mostra che, anche se i tuoi contenuti sono utili, sono necessari tre elementi aggiuntivi, al fine di favorire il traffico organico:

  • Ottimizzato per molte parole chiave con molte ricerche
  • Un numero ragionevole di backlink affidabili
  • Un’idea / argomento evergreen

Cerca l’intenzione degli utenti: la ricerca di parole chiave è ancora necessaria. Ma l’aspetto più importante di qualsiasi parola chiave utilizzata dagli utenti della ricerca è l’intento. Prima di poter scrivere grandi contenuti che risolvono un problema particolare, devi conoscere il significato di ogni parola chiave.

Greg Meyers consiglia di prestare attenzione alla classificazione delle parole chiave. In altre parole, capire se gli utenti della ricerca vogliono acquistare un prodotto o meno.

Esistono due importanti classificazioni delle parole chiave: parole chiave informative e commerciali.

Parole chiave informative: il motivo principale per cui le persone cercano con queste è che desiderano informazioni utili senza doverle pagare.

Le parole chiave informative sono di solito “come fare” in natura.  

 Come copywriter SEO, puoi scrivere contenuti utili attorno a parole chiave informative, ma non aspettarti di convertire i lettori in clienti, perché la maggior parte di loro non vuole acquistare. Usa invece parole chiave informative nei tuoi contenuti per alimentare un pubblico, coinvolgerli e costruire il tuo brand.

Parole chiave commerciali: le parole chiave commerciali mostrano un “intento” di acquistare. Queste parole chiave di solito mostrano “disperazione” da parte di chi effettua la ricerca. Vogliono soluzioni rapidamente, ad esempio “perdere 10 chili in 3 giorni“.

La persona alla ricerca di parole chiave commerciali probabilmente acquisterà un prodotto o si iscriverà a un elenco e-mail che alla fine li convertirà in clienti.
Il fatto che qualcuno abbia digitato una parola chiave commerciale in Google significa che è pronta ad agire. Le parole chiave commerciali di solito contengono determinati prefissi e suffissi, come recensioni, acquisto, ordine, revisione, confronto, confronto, spedizione gratuita, migliore, veloce, ecc.  

N.B.: quando si scrive un contenuto attorno a parole chiave commerciali, l’obiettivo finale è quello di fornire informazioni utili su come utilizzare il prodotto, i suoi vantaggi e caratteristiche e come installarlo, se necessario.

Storytelling: come copywriter SEO, lo storytelling può distinguerti, perché gli esseri umani adorano le belle storie. Se riesci a intrecciare la storia del tuo marchio nel tuo post, articolo o video sul tuo blog, attirerai più attenzione.

 Umorismo: uno dei motivi per cui dovresti scrivere con umorismo è mantenere il lettore / pubblico impegnato. Puoi anche infondere umorismo per semplificare un argomento scomodo o controverso.

Il copywriting SEO non riguarda solo la scrittura di contenuti utili che risolvono un problema particolare in modo noioso. Il tuo contenuto deve anche eccitare i tuoi lettori.

3. La ricerca di keywords per la creazione di contenuti

Oltre il 66% di tutti i clic va ai primi 3 risultati del motore di ricerca. Se vuoi sfruttare questa rara opportunità per classificarti nelle prime 3 posizioni, allora dovresti imparare le migliori pratiche di ricerca per parole chiave.

Le parole chiave a coda lunga sono il modo migliore per raggiungere il successo nel SEO moderno, perché i brand più forti, non si rivolgono a queste keywords. E, se riesci a produrre contenuti di qualità mirando naturalmente a questi tipi di parole chiave, dominerai sicuramente i motori di ricerca.

Nel marketing di nicchia, scegliere le parole chiave giuste è l’aspetto più impegnativo della costruzione di un sito di nicchia redditizio.

Optimizing content for search robots: Quando uno spider di Google esegue la scansione della tua pagina web, è alla ricerca di nuovi contenuti. Alcune persone sostengono addirittura che i ragni / i crawler si nutrono di nuovi contenuti e quindi ricordati di aggiornare spesso il tuo sito!

Tuttavia, tieni presente che quando gli spider di Google indicizzano sono interessati solo ai meta tag (tag del titolo e meta description).

Ancora più importante, vogliono conoscere le parole chiave a cui ti rivolgi. Ciò consente a Google di determinare il settore di cui beneficeranno i tuoi contenuti, ad esempio salute, affari, piccole imprese, marketing su Internet, ecc.

Per risultati ottimali, è necessario ottimizzare per i robot di ricerca come questo:

Aggiungi una volta la parola chiave principale nel tag del titolo e nella meta descrizione.

Aggiungi parole chiave alternative nella tua introduzione e assicurati che scorra bene. Se la parola chiave non scorre bene, ignorala e scrivi semplicemente.

Parole chiave come “miglior seo web design Roma” non funzionano nel tag del titolo, nella descrizione e nei contenuti. L’approccio migliore è utilizzare la parola chiave naturalmente, in questo modo:

Come trovare la migliore ditta SEO e Web design a Roma

Ottimizzazione on-page: il SEO on-page non deve essere noioso o complicato.  

Gli elementi che aggiungono valore al tuo sito, come i collegamenti interni, sono molto importanti.

Controlli il 98% di ciò che accade all’interno del tuo sito.

Ecco perché Google presta attenzione alle tue pagine web e misura il coinvolgimento, la frequenza di rimbalzo, la percentuale di fidelizzazione e le condivisioni social.

La base di un’efficace campagna SEO è ciò che accade internamente (sul tuo sito). In altre parole, presta attenzione al modo in cui scegli le tue parole chiave, quale ancora viene utilizzata per collegare pagine interne, meta tag, ecc.

Ottimizzazione off-page: nel digital marketing di oggi, il pubblico determina quanto siano pertinenti e utili i tuoi contenuti. Inoltre, Google utilizza i fattori fuori pagina per valutare l’autorevolezza e il valore dei tuoi contenuti.

In generale, non puoi controllare cosa succede al di fuori del tuo sito. Ad esempio, non controlli chi ti collega e non controlli la qualità dei siti che scelgono di fare riferimento al tuo lavoro.

Ma se sei intelligente, puoi utilizzare tecniche SEO off-page per costruire un solido marchio online e aumentare il traffico organico.

Secondo Chris Ainsworth, le 5 strategie SEO off-page comprovate che funzionano bene sono:

  • Costruisci e coinvolgi una community entusiasta attraverso i social media
  • Esponi la tua attività e approfitta dei servizi locali
  • Installa la fiducia del marchio attraverso revisioni aziendali
  • Promuovi la local citation e la coerenza di nome / indirizzo / telefono  
  • Crea di collegamenti attraverso: blog, pubblicazione di guest post, analisi di collegamenti della concorrenza.

4. Copywriting – Far agire le persone

L’ultimo pezzo del puzzle in questo articolo di approfondimento è la “persuasione” – la capacità del tuo copy di spingere le persone all’azione. Questo non è difficile, perché ci sono molte risorse e strumenti di alta qualità che puoi usare.

Il copy è scritto per vendere un prodotto, un servizio o un’idea. Ma tutto inizia con la vendita di te stesso, perché hai solo un massimo di 30 secondi per vendere te stesso e lasciare la gente che desidera di più.

Usa i punti elenco: uno dei modi per spingere le persone all’azione è evidenziare i punti chiave del contenuto o dell’argomento utilizzando gli elenchi puntati. Prima di scrivere articoli Vivian Giang consiglia di elencare 3 o 4 forti vantaggi che tratterai. Questo è molto importante, poiché ti aiuta anche a creare titoli e paragrafi potenti.

La Columbia University ha riconosciuto i titoli come l’elemento più importante del copy. Pensa come un lettore e scrivi prima il titolo. Il titolo dovrebbe essere mirato a una parola chiave e apparire attraente.

Creiamo titoli più cliccabili, utilizzando alcuni dei risultati in Google.  

Abbi chiarezza di intenti. Quando scrivi contenuti per il tuo blog, concentrati su un’idea e scrivi il tuo post per affrontare una sfida, risolvere un problema o spiegare un problema complicato.

Conclusione

Utilizzando questi accorgimenti  genererai più traffico, migliorerai il tuo brand e ti innamorerai del content marketing.

Se non stai sfruttando la “persuasione” e la “psicologia” per migliorare le classifiche organiche e affascinare il tuo pubblico, consiglio vivamente che ora sia il momento migliore per iniziare.

Qual è la tua opinione sul copywriting SEO? Pensi che sia un fattore importante per il successo del marketing dei contenuti online?

Come hai potuto leggere, questo argomento è particolarmente vasto e qualora volessi approfondire ci sono scuole specializzate come Digital Coach che offrono corsi di specializzazione in Web Content Editor, dove si apprende anche il SEO copywriting.

8 modi per aumentare il coinvolgimento e il traffico al tuo blog attraverso i social

8 modi per aumentare il coinvolgimento e il traffico al tuo blog attraverso i social - Francesca Antonetti web e social media specialist

Neil Patel (per i lettori abituali del mio blog… sì, sempre lui!) ha analizzato 5,860,631,392 blog post, quindi articoli, di 64 paesi diversi per capire cosa genera maggior coinvolgimento, quindi like, commenti e soprattutto condivisioni e traffico. I risultati sono davvero interessanti quindi ho deciso di riportarli qui, sul mio blog.

8 modi per aumentare il coinvolgimento e il traffico al tuo blog attraverso i social

Come saprete la portata organica di Facebook è progressivamente diminuita fino quasi a scomparire, quindi è sempre più consigliato e e necessario investire qualche soldo in advertising per raggiungere gli obiettivi prefissati. Tuttavia con qualche accorgimento e tecnica si possono ottenere buoni risultati.

1. Quale tipo di contenuti genera maggiori “mi piace” nel lungo periodo?

Ci sono diversi articoli che mostrano che i list post e le infografiche generano maggiori condivisioni. E’ abbastanza ovvio perché tutti amiamo i contenuti visivi come le infografiche (dell’importanza dei contenuti visivi ne parlo qui!)

Però, se vogliamo le condivisioni durino nel tempo, bisogna osservare che

Osservando quante condivisioni sociali ogni articolo genera su base mensile, siamo stati in grado di vedere il tasso di crescita e i tipi di articoli che generano la maggior parte delle azioni sociali nel tempo.

Ecco il tasso di crescita delle azioni nel tempo per tipo di articolo:

social share growth

Quindi:

se desideri un rapido incremento di likes e condivisioni, utilizza un’infografica. Ma se vuoi un traffico Facebook più consistente utilizza degli articoli “how to”ovvero gli articoli “come fare..”. Con il tempo infatti, genereranno un traffico più consistente.

Pensaci, quante volte cerchi su Google “come fare qualcosa”?

La ragione di questo è che le infografiche sono più difficili da classificare su Google perché non contengono molto testo.

Creando contenuti come “come fare” gli articoli tendono a essere consultati frequentemente, puoi quindi ottenere un traffico coerente ai tuoi articoli che causerà più condivisioni sociali.

2. Quanto deve essere lungo il titolo?

Gli utenti di Facebook preferiscono titoli brevi o lunghi? Se dovessi fare una supposizione, cosa penseresti?

La maggior parte delle persone pensa che più breve è, meglio è …

Diamo un’occhiata ai dati:

Average-Shares-by-Headline-Length

Gli utenti preferiscono titoli lunghi 7, 8 o 9 parole.

Insomma un numero di parole sufficienti a far comprendere di cosa tratterà l’articolo. Quindi il focus per creare un buon articolo è quello di fare in modo che sia descrittivo.

3. Le immagini influiscono sulle condivisioni?

Ovviamente sappiamo che agli utenti le immagini piacciono, altrimenti Facebook o Instagram non sarebbero così popolare!

Ma la domanda è: quante immagini hai davvero bisogno per articolo per ottenere il numero massimo di condivisioni sociali?

Average-Shares-Based-on-of-Images-in-an-Article

In generale, più immagini sono e meglio è.

4. Quanto dovrebbero essere lunghe le liste?

Tutti credono che il numero perfetto, quello da utilizzare sia 10.

Infatti, anche Neil Patel, durante l’analisi si accorge che i “vincitori” erano gli articoli basati su un elenco da 10. In realtà poi, hanno invece notato che risultavano vincenti solo perché la maggior parte di quelli presi in analisi erano più corti di 10. Quindi i risultati erano distorti.

Facendo un’analisi più approfondita invece, hanno riscontrato altri dati significati:

Median-Share-Count-Based-on-List-Length

Più dettagliato è l’elenco, meglio è.

Se decidi di scrivere un post basato su elenchi con oltre 100 voci, c’è una buona probabilità che le persone lo condividano, assumendo che sia super dettagliato.

5. Quanto devono essere lunghi gli articoli?

Meglio articoli brevi o lunghi?

Su questo nell’ambiente del marketing si è dibattuto parecchio:

Average-Shares-by-Content-Length

 

I dati mostrano, più lungo è, meglio è.

Se dovessi scrivere post sul blog di 10.000 parole genereresti più social share rispetto ad un post sul blog di 2.000 parole.

Ma, per un buon equilibrio, Neil Patel consiglia di scrivere articoli di 2000 parole ed espanderlo nel tempo. E ogni volta che espandi l’articolo, puoi condividerlo di nuovo su Facebook.

Se non ti interessa di Google e vuoi concentrarti solo su Facebook, allora vai per quell’articolo di 10.000 parole.

6. E’ meglio scrivere contenuti basati sulle news o contenuti “evergreen”?

Nel tempo, i contenuti evergreen aumentano il traffico. Non è solo a causa di Facebook, è che si classificano meglio in Google e permettono di ottenere un traffico più costante nel corso degli anni.

Nessuno è cerca su Google qualcosa accaduti un anno fa (salvo rare eccezioni!)

In ogni caso, diamo un’occhiata alla prima ora di pubblicazione di un articolo.

of-Social-Shares-Generated-Within-the-1st-Hour-by-Content-Type

Nel breve periodo, i contenuti basati sulle notizie vincono. Abbiamo già visto prima che gli articoli del tipo “come fare.. ” generano maggior traffico nel lungo periodo, ma per dare una “scossa” forte e veloce puoi considerare l’idea di creare un contenuto relativo ad una news.

7. Le emozioni influenzano il social sharing?

Sì, moltissimo! Ma occhio! Neil Patel dice di aver spesso utilizzato come emozione la paura. La paura genera moltissimo traffico, ma il sentiment ovviamente, è tutt’altro che positivo.

Inoltre ci sono emozioni che generano molte più condivisioni rispetto alla paura.

Popular-Emotions

Le persone amano i contenuti che fanno ridere, generano stupore e gioia, o almeno è quello che preferiscono condividere.

8. Quando dovresti pubblicare i tuoi contenuti?

Scrivere un fantastico articolo non è abbastanza. Se scrivi contenuti in una brutta giornata e li pubblichi durante un periodo in cui nessuno è online, non diventerai virale su Facebook.

Total-Shares-by-Day-of-Week-2

Le persone preferiscono condividere contenuti di martedì, più di ogni altro giorno.

Se hai intenzione di scrivere solo un articolo alla settimana, pubblicalo di martedì. Se stai scrivendo più articoli a settimana, concentrati su lunedì, martedì e mercoledì poiché sono i giorni più popolari.

E per quanto riguarda l’ora del giorno …

Total-Shares-by-Time-of-Day

Tendi a condividere contenuti tra le 11:00 e le 13:00.

E’ tra la pausa pranzo e il rientro, quando le persone generalmente sono in pausa tendono a stare sui social maggiormente e condividere.

In alternativa l’orario giusto è alle 18, cioè quando le persone finiscono di lavorare!

Conclusioni

E’ davvero molto più difficile raggiungere in maniera organica tante persone. Questo per due motivi almeno: il oprino è che Facebook preferisce che tu non porti gli utenti al di fuori; il secondo è che ti spinge a promuovere – quindi pagare – per raggiungere gli utenti.

Inoltre più le persone rimangono su Facebook più soldi guadagnano. Ecco perché ultimamente sono letteralmente esplosi i contenuti video.

Ma seguendo le linee sopra riportate puoi ancora raggiungere risultati e traffico.

I 5 fattori più importanti per il successo di un E-commerce

I f fattori di successo di un ecommerce - Francesca Antonetti web e social media specialisti

Quali sono i 5 fattori di successo di un e-commerce? Grazie a questo articolo-guida tratto dall’articolo originale di Neil Patel, avrai ben chiaro cosa devi e non devi fare nella gestione del tuo e-commerce.

L’e-commerce sembra stia mangiando il mondo del retail in questo momento.

Stiamo assistendo alla chiusura o alla bancarotta di marchi al dettaglio di vecchia data che non ci saremmo mai aspettati di vedere scomparire dieci anni fa.

D’altra parte, il mondo digitale è un posto eccitante, gli imprenditori stanno iniziando ad introdurre i loro marchi e competere nel mercato digitale.

La maggior parte dei negozi fisici sono stati costretti a creare una presenza online.

Ma non è sempre facile “fare centro” online. Devi conoscere alcuni trade secrets se vuoi arrivare in cima.

Ecco i cinque fattori più importanti per il successo nell’e-commerce che non puoi permetterti di ignorare.

Innanzitutto, parliamo del motivo per cui così tante aziende di e-commerce inizialmente trovano difficoltà.

Perché molte aziende di e-commerce hanno difficoltà

Ci sono molte ragioni comuni e i negozi a seconda dei diversi settori affronteranno diversi disagi.

Ma ci sono alcune battaglie generali che tutte le aziende di e-commerce devono combattere.

Circa l’80% di tutte le attività di e-commerce falliscono. E ci sono tre ragioni comuni per cui i clienti rischiano di lasciarti nella polvere:

  1. I clienti non sanno come usare il tuo sito
  2. Il Product Value (valore del prodotto) non è chiaro
  3. La navigazione è difficile

Non avere paura! La soluzione per risolvere questi problemi potrebbe essere più semplice di quanto pensi.

Per cominciare, le persone non giudicano le iniziative o i prodotti aziendali per i loro meriti. I clienti vogliono semplicemente ciò che vogliono quando lo vogliono.

E a volte, le loro aspettative possono essere piuttosto alte. Soprattutto online.

Se disponi di troppe opzioni di spedizione sul tuo sito, scoraggi i clienti che desiderano rapidamente i loro prodotti.

Circa l’80% degli acquirenti americani afferma che il prezzo e la velocità di spedizione sono molto o estremamente influenti nel determinare dove acquistano.

Ecco perché dovresti offrire una spedizione veloce e gratuita quando puoi, oppure offrire una spedizione gratuita per ordini di importo pari o superiore a 30,00 € .

Quando i clienti non devono pagare per la spedizione, sono più propensi a fare click per un acquisto che non possono toccare, sentire o provare perché c’è meno rischio.

I clienti non vogliono aspettare per sempre per ottenere ciò che hanno ordinato, quindi, se sei disposto a fornire la spedizione gratuita, scegli un’opzione veloce.

All’inizio del 2017, la National Retail Federation ha ipotizzato che la vendita al dettaglio online sarebbe cresciuta 3 volte più velocemente rispetto al resto del settore della vendita al dettaglio, con le vendite di e-commerce via mobile in crescita.

L’ascesa degli acquirenti online ha anche accorciato la pazienza dei consumatori. Gli acquirenti online sono alla ricerca di convenienza.

Non vogliono occuparsi di politiche di reso difficili o di lunghe attese per gli ordini.

A parte i lunghi tempi di attesa e le difficili opzioni di spedizione, le aziende che hanno difficoltà difficoltà non tengono conto di quanto segue:

  • Branding
  • SEO
  • User experience
  • Trasparenza
  • Coinvolgimento

Ma la buona notizia è che avviare un’attività di e-commerce nel 2018 è perfettamente fattibile. E così tenere conto di ciascuno di questi fattori, può aiutarti a distinguerti dai concorrenti.

Il primo passo è costruire il tuo marchio con alcuni great values alle spalle.

1. Il tuo brand è il tuo fine

La tua attività di e-commerce ha un marchio al centro della sua identità, che tu lo sappia o meno.

Per scoprire di cosa si tratta, devi pensare a cosa fai e perché lo fai.

Il tuo marchio racchiude un insieme di valori relativi agli sforzi centrali della tua azienda. Alcuni marchi più vecchi non invecchiano bene, perché non hanno una missione chiara.

Oppure lo fanno, ma non lo rivelano.

Nel 2017, l’indice del valore mondiale di Enso ha analizzato 150 marchi in base a come gli americani identificano la loro mission e quanto bene la loro mission è allineata ai valori del cliente.

La ricerca ha anche esaminato la misura in cui ciascuna azienda motiva la promozione del marchio e l’acquisto.

I risultati erano molto diversi per i diversi dati demografici. I baby boomer hanno valutato Newman’s Own come il numero sette della lista, mentre i millennial hanno valutato la società come numero 81.

Il marchio potrebbe perdere il suo fascino se non riescono a raggiungere i millenials poiché la loro generazione è molto più grande dei Baby Boomers e tre volte più grande della Generazione X.

Le persone costruiscono ipotesi sull’identità del tuo marchio in base alle interazioni con la tua azienda e non è facile che dimentichino la loro prima impressione.

Ciò significa che si ricordano di te quando scelgono di effettuare un altro acquisto. Il modo in cui si ricordano di te determinerà anche le recensioni.

Il 31% dei consumatori spende il 31% in più in prodotti e servizi di aziende con recensioni eccellenti, mentre le recensioni negative possono allontanare il 22% dei clienti.

Un buon 85% dei clienti si fida delle recensioni online tanto quanto si fidano delle raccomandazioni personali.

I clienti insoddisfatti hanno maggiori probabilità di condividere storie negative con amici e parenti rispetto al contrario.

Mentre i clienti felici potrebbero raccontare l’esperienza positiva agli amici, i clienti scontenti lo racconteranno certamente.

Ciò significa che avrai molti più “anti-referral” che raccomandazioni positive.

Quando non stai posizionando il tuo marchio come il migliore, i tuoi concorrenti lo sono.

Nell’era digitale, la concorrenza non è più limitata al negozio dall’altra parte della strada.

Se un marchio più forte offre lo stesso tipo di prodotto che offri tu, consumerà volentieri la tua quota di mercato.

Ecco perché hai bisogno di una proposta di vendita unica, o USP, per conquistarli.

Il punto di un USP è di differenziare il tuo prodotto. Il valore dei tuoi USP entra in gioco solo dopo che i tuoi potenziali clienti entrano nella tua canalizzazione.

Quando il tuo marchio è debole, i concorrenti con marchi migliori assorbiranno i clienti. Il marketing è più efficace in combinazione con un marchio forte.

Un buon marketing prende la voce del marchio e la estende verso l’esterno per raggiungere lead qualificati.

Se il marchio non espande la sua identità principale, farà fatica a raggiungere il suo pubblico di destinazione.

Ecco perché devi sempre abbinare il buon marketing con i valori del marchio.

Dovrai anche fare un po’ di SEO.

2. SEO Porta traffico

Google è un po’ come un usciere che decide quali siti web si mescolano in cima ai risultati dei motori di ricerca organici.

Ma con aggiornamenti costanti degli algoritmi, può essere piuttosto difficile da mantenere.

Algoritmo di Google Francesca Antonetti

L’aggiornamento dell’algoritmo di Fred, lanciato l’8 marzo 2017, è indirizzato a siti Web che violano le linee guida per i webmaster di Google.

La maggior parte dei siti interessati sono quelli con post di bassa qualità creati esclusivamente per generare entrate pubblicitarie.

Quindi, se hai qualcuno di questi post sul tuo sito, potresti rischiare di rovinare le classifiche attuali (o peggio, perdere definitivamente le posizioni di alto livello).

Consulta regolarmente le Linee guida sulla qualità della ricerca di Google ed evita di pubblicare troppi contenuti centrati sulla pubblicità.

Se pubblichi annunci o contenuti affiliati sul tuo sito, assicurati che le pagine su cui li esegui siano pertinenti e di alta qualità.

Se provi a indurre Google a pensare che la tua pagina abbia a che fare con qualcosa di prezioso ma in realtà è solo piena di  link di affiliazione, rischierai la tua posizione in classifica.

Le pagine di destinazione con parole chiave pertinenti riceveranno un ranking Google più elevato e avranno maggiori probabilità di essere visualizzate anche durante le ricerche pertinenti.

La ricerca per parole chiave può aiutarti a capire come posizionare il contenuto della tua pagina.

Usa un tool come Google Adwords Keywords Planner o Ubersuggest per iniziare.

Basta inserire una parola chiave per scoprire parole correlate da poter utilizzare.

Ubersuggest esempio

Ricorda che anche il tuo marchio è una parola chiave. Il traffico altamente qualificato cercherà il nome del tuo marchio, quindi ti consigliamo di classificarlo.

Ma se “hackeri” il SEO per portare traffico aggiuntivo, potenzialmente non qualificato al tuo sito, le conseguenze non saranno piacevoli.

L’idea di SEO è di offrire agli utenti i risultati più qualificati per le loro domande. Le pagine che utilizzano tattiche sfruttatrici vengono penalizzate da Google.

Tutto sommato, la SEO è qualcosa per cui vale la pena dedicare del tempo.

Una volta acquisita un po’ di padronanza della SEO, rivolgi la tua attenzione all’esperienza dell’utente o user experience.

3. I clienti apprezzano una grandiosa user experience

Se desideri incanalare il traffico verso un’azione desiderata, come fare un acquisto, devi ottimizzare l’user experience.

Se i visitatori del sito si confondono o non trovano facilmente quello che cercano, se ne andranno. La navigazione del sito dovrebbe essere sempre facile.

Sul tuo sito web, devi chiarire cosa fa la tua attività.

Rafforza ciò che il tuo marchio fa sul tuo sito. Ciò che è ovvio per te potrebbe non essere ovvio per qualcun altro.

Come sono arrivati a questa pagina di destinazione? Perché il contenuto della pagina di destinazione è rilevante per lui? Utilizza un invito all’azione – una call to action– chiara e concisa.

esempio call to action chiara

Assicurati inoltre che il carrello acquisti sia facile da visualizzare e accedere. La procedura di checkout deve essere semplice.

Nessuno vuole occuparsi di un processo di checkout che rende l’acquisto del prodotto più difficile di quanto non sia necessario.

Incorpora contenuti interattivi nel tuo sito web (se appropriati). Ciò comprende:

  • Video
  • Immagini animate
  • Giochi

Non dimenticare di ottimizzare la user experience anche per dispositivi mobili, dal momento che sempre più consumatori effettuano acquisti su dispositivi mobili nel 2018.

Assicurati che la grafica sia di qualità e i tempi di caricamento siano di tre secondi o meno e che la versione mobile del tuo sito sia facilmente navigabile tramite touch.

Fondamentalmente, la versione mobile del tuo sito non dovrebbe apparire esattamente uguale al tuo normale sito web.

pagina web mobile

Se vuoi avere successo nel mondo dell’e-commerce, devi essere trasparente con i tuoi clienti o potrebbero non fidarsi di te.

4. La trasparenza crea fiducia

Uno dei modi più semplici per essere trasparenti è rendere le informazioni di contatto visibili sul tuo sito web.

Il tuo traffico dovrebbe essere in grado di trovare il tuo indirizzo email e il numero di telefono nella parte inferiore o superiore di ogni pagina del tuo sito.

In questo modo, i clienti sapranno come possono mettersi in contatto con te (e che sei un vero business con un indirizzo reale).

Quando si tratta di spese, comunicalo in anticipo. A nessuno piacciono le tasse nascoste. Mai.

Se si addebita un supplemento per la spedizione e la gestione, assicurarsi che questo sia comunicato a potenziali clienti prima che raggiungano la pagina di checkout.

Non dimenticare di dare informazioni ai tuoi potenziali clienti sul tuo eccezionale prodotto.
Il tuo prodotto potrebbe essere la migliore soluzione al problema dei tuoi clienti.

Le cattive notizie?

I visitatori Web non hanno un negozio fisico in cui provare il prodotto. Invece di “testare” i tuoi prodotti, vedono solo le informazioni disponibili.

La qualità delle informazioni sui prodotti e le immagini allegate possono essere determinanti per la tua pipeline di vendita.

Non dimenticare di evidenziare i principali vantaggi, come fa Apple:

apple-imac-description

E assicurati che il tuo prodotto abbia un prezzo competitivo.

Un prodotto troppo caro può essere percepito come non in linea con la sua utilità. Un prodotto sottocosto può essere sospetto o apparire meno prezioso rispetto a prodotti simili con prezzi più elevati.

Non valutare il tuo articolo per più di quanto lo pagheresti come cliente. O come se avesse più valore di quello che realmente ha.

Condividi testimonianze e recensioni.

Se vuoi trovare successo nell’e-commerce, avrai bisogno di visitatori del sito coinvolti. Ecco come ottenerli.

5. Aumenta l’engagement generale

Il modo più semplice per aumentare il coinvolgimento con il tuo negozio è utilizzare i social media organici per promuovere il tuo marchio in tempo reale.

Il content marketing è importante. Secondo il Content Marketing Institute, il 42% dei B2C content marketers si ritiene “molto impegnato nel content marketing”.

Se non lo hai già fatto, crea un blog sul tuo settore e sulle linee di prodotti.

Aiuta i tuoi clienti condividendo informazioni utili o guadagna nuovi potenziali rispondendo alle loro domande.

Potresti anche scrivere blog post sugli aggiornamenti e sviluppo di nuovi prodotti. Hai appena pianificato il lancio di un nuovo prodotto sul calendario? Scrivi un blog post per raccontarlo!

Spiega ai tuoi clienti perché il nuovo prodotto è utile, quali sono le sue caratteristiche e quando sarà disponibile.

Questo creerà interesse per il nuovo prodotto prima ancora di essere lanciato.

Il contenuto del blog aumenta il coinvolgimento perché aiuta a creare link a ritroso. E ogni volta che il tuo sito web è linkato, guadagni brand awareness.

Ora che hai un marchio forte, un’esperienza utente fantastica, contenuti pertinenti e trasparenza con il cliente, puoi iniziare a spendere il budget pubblicitario.

Prova a spendere parte del budget pubblicitario per la pubblicità diretta o per la pubblicità sui social media. Scegli saggiamente tra i due, però.

Tra tutte le opzioni di pubblicità a pagamento, i social media sono i meno costosi.

Guarda l’importo speso per raggiungere 1.000 persone per la pubblicità sui social media? Solo $ 2,50.

marketing-channels-cost

Investi in Facebook Ads o Instagram Ads, crea un community forte e altamente coinvolta. Ad esempio Nike ha creato Nike Talk, un forum in cui i clienti Nike possono pubblicare e commentare i propri contenuti.

Crea un evento.

Centra l’intero evento attorno al tuo marchio. Assicurati di avere i tuoi prodotti in vendita durante l’evento.

Parla con i clienti di ciò che i tuoi prodotti possono fare per loro e di come possono migliorare la loro vita. Distribuisci biglietti da visita con l’URL del tuo sito web e gli handle dei social media.

Solo perché il tuo sito web si trova online non significa che non puoi aumentare il coinvolgimento generale del marchio incontrando di persona i clienti.

Conclusioni

I giorni dei “negozi di mattoni” che dominano l’intero mondo del commercio sono ormai lontani.

Il panorama digitale è qui per rimanere, rendendo i negozi online il posto migliore per vendere.

Ma renderlo grande online è molto più difficile di quanto sembri. E molte aziende di e-commerce hanno difficoltà a distinguersi in un pubblico così saturo.

I clienti che non sanno come utilizzare il sito, i costi di spedizione nascosti, il valore del prodotto sconosciuto, la scarsa navigabilità e altro ancora sono da biasimare.

Fortunatamente, puoi prendere il controllo del successo del tuo e-commerce.

Prima di tutto, capisci che il tuo marchio ha un valore, e devi far sapere alla gente esattamente di cosa si tratta.

I valori del tuo brand dovrebbero allinearsi con i valori dei clienti, servire a uno scopo e supportare operazioni etiche.

Il SEO porta traffico, quindi devi lavorare per ottimizzare le tue classifiche. Fai qualche ricerca per parole chiave e aggiungi parole chiave sul tuo sito per attirare più clienti.

Ma non cercare di imbrogliare il sistema, o Google potrebbe penalizzarti, il che potrebbe portare a una diminuzione delle classifiche.

I clienti adorano una user experience fantastica. Metti in chiaro cosa vendi e aggiungi gli inviti all’azione in modo da poter incanalare le persone attraverso le pagine del tuo sito.

Ottimizza il tuo sito anche per gli utenti mobile.

Crea trasparenza aggiungendo le informazioni di contatto al tuo sito, rivelando eventuali costi aggiuntivi o costi di spedizione prima del checkout e incorporando le recensioni dei clienti.

Questo aiuta a costruire la fiducia con gli acquirenti.

Non dimenticare di aumentare i tassi di coinvolgimento generale. Diventa attivo sui social media, crea un blog con contenuti di valore o aggiornamenti di prodotti o pubblica online alcuni annunci a pagamento.

Crea una sezione “forum” o “community” sul tuo sito web in cui gli utenti possono incontrarsi o ospita eventi.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: