Tag: instagram

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle - Francesca Antonetti social media strategist

Oggi torno a parlare di Instagram. In particolare di stories, ancora più nello specifico di highlights! Già, perché anche questa funzione, se usata con strategia, può essere molto utile allo sviluppo del nostro brand/business su Instagram!

Storie in evidenza di Instagram: come utilizzarle - Francesca Antonetti social media strategist

CHE COSA SONO LE STORIE IN EVIDENZA O HIGHLIGHTS?

Si tratta di stories che mettiamo in evidenza e quindi restano sul nostro profilo più delle 24h di vita delle normali stories, anzi fino a che non le togliamo!Utilizzarle strategicamente, vuol dire però di più: non basta valutare le performance di una stories, cioè risposte, reazioni e visualizzazioni – per decidere di metterle in evidenza, è un buon parametro, ma possiamo fare di più.Per i miei clienti è una delle prime impostazioni di cui mi occupo!

ECCO ALCUNE IDEE PER IMPOSTARLE E UTILIZZARLE AL MEGLIO

(N.B. impostarle prima ci aiuta anche a definire il piano editoriale delle nostre stories, quindi ne vale la pena!)

  1. FAQ: crea stories in cui rispondi a domande frequenti e crea questa serie di storie in evidenza.
  2. Articoli di blog: nuovo articolo? Fai una storia e metti in evidenza!
  3. Recensioni/feedback: così saranno sempre disponibili per chi atterra sul tuo profilo.
  4. Prodotti/servizi di punta
  5. Dietro le quinte: ecco qui puoi inserire le stories più performanti.
  6. UGC: i tuoi clienti ti taggano nelle loro stories? Premiali così!
  7. Offerte/promo
  8. Chi sono/vita quotidiana: Inserisci le stories che parlano di te e ti raccontano.

LA COPERTINA

Quando crei una storia e la metti in evidenza, potrai inserire un titolo per la storia in evidenza (e aggiungere successivamente lì tutte le storie in evidenza che desideri) e la prima storia inserita diventerà di default la copertina della serie di hightlights.

Il mio consiglio è di personalizzare le copertine per ciascuna raccolta di hightlights.

Anche in questo caso, guardiamo all’aspetto strategico e estetico, perché Instagram è una piattaforma basata sul visual, non dimentichiamolo! 

Cerchiamo di creare delle copertine in armonia con il nostro feed!

Per esempio, io creo le copertine in maniera molto semplice e veloce utilizzando i colori del brand.

Tu, utilizzi gli hightlights in maniera strategica?

9 modi per battere l’algoritmo di Instagram e migliorare la copertura e i likes

9 modi per battere l'algoritmo di Instagram Francesca Antonetti

9 modi per battere l'algoritmo di Instagram Francesca Antonetti

Su Instagram qualcosina ne so di certo, curo le pagine dei miei clienti nei minimi dettagli e anche se non sono sempre perfette dal punto di vista grafico, crescono come devono crescere e hanno sempre un buon engagement. Ora però voglio riportare questi 9 modi per battere l’algoritmo di Instagram e avere maggiore visibilità e più likes, secondo uno dei miei punti di riferimento Neil Patel.

 

9 modi per battere l’algoritmo di Instagram per una migliore copertura e ricevere più likes

Al giorno d’oggi le piattaforme di social media cambiano con una frequenza allarmante.

Per anni su Instagram i post comparivano in ordine cronologico, garantendo quindi una certa visibilità, purché i post fossero di qualità.

Ma quella realtà non c’è più.

Le modifiche recenti offrono agli utenti un maggiore controllo sui loro feed, il che significa che potrebbe essere più difficile coinvolgere il pubblico.

Gli utenti di Instagram potrebbero essere in grado di vedere post più recenti, ma non è garantito che vedranno mai i tuoi contenuti.

Ciò significa che dovrai cambiare approccio se vuoi rimanere in cima al feed di Instagram.

E per farlo, devi sapere cosa effettivamente funziona per gli altri brand che sono riusciti a decifrare il codice.

Questo post ti darà nove modi per fare proprio questo.

Ma prima devi capire il panorama attuale di Instagram e come influenza il tuo marchio.

Il panorama di Instagram

Nel 2016, Instagram ha annunciato i loro sforzi per favorire i post che “ti interessano di più” nel tuo feed.

Da allora, i marketer sono alla ricerca di modi per ottimizzare i loro contenuti e stare al passo con l’algoritmo di Instagram per mantenere alti i livelli di coinvolgimento.

Dato che non ti è più garantito di comparire in un feed cronologico, devi trovare un modo creativo per rimanere visibile di fronte al tuo pubblico online.

E come indica il comunicato stampa, l’attuale algoritmo di Instagram filtra i contenuti in base al comportamento precedente dell’utente.

Quindi, in teoria, più il tuo pubblico interagisce con il tuo brand, più vedranno i tuoi post.

Questa non è esattamente una buona notizia per la maggior parte dei marketer.

La tendenza schiacciante è quella di considerare l’engagement come il parametro numero uno su Instagram, e tutti questi cambiamenti hanno causato il calo dello stesso engagement.

success instagram

 

Quindi il successo su Instagram richiede ai marchi di trovare nuovi modi per continuare a costruire il coinvolgimento e il conteggio dei follower.

Ma per iniziare a coinvolgere gli utenti di Instagram in primo luogo, devi sapere chi sono e come sono.

Instagram users Francesca Antonetti Neil Patel

Innanzitutto, gli utenti di Instagram sono prevalentemente giovani.

Il pubblico che ritroverai su Instagram è formato principalmente da millennials (cioè i nati tra i primi anni 80 e il 2000) e hanno modelli di acquisto diversi rispetto alle generazioni precedenti.

E tra l’altro, l’utente medio perde oltre il 70% del proprio feed.

Ciò significa che ai tuoi contenuti migliori non è garantito di essere visibile al tuo pubblico, qualunque cosa tu faccia.

Quindi, se è così difficile avere opinioni e coinvolgimento, perché concentrarsi su Instagram?

Per capirlo, devi capire il potere del marketing del coinvolgimento visivo.

Secondo la ricerca, le immagini sono una forma più conservabile di condivisione di informazioni e notizie.

visuals Francesca Antonetti Neil Patel

Conserviamo molte più informazioni dalle cose che vediamo, il che significa che le immagini sono importanti.

Questo rende Instagram, che è un canale principalmente visivo, una parte essenziale della presenza digitale di molti marchi.

I brand che creano oggetti visivamente accattivanti o artigianali spesso si affidano a Instagram per coinvolgere il loro pubblico quando postano sul blog.

Usano Instagram come parte essenziale dei loro funnel  di vendita sui social media, quindi il successo su questa piattaforma è la vita o la morte. 😉

E gli studi hanno dimostrato che le persone acquistano sempre più spesso gli articoli che vedono sui social media.

 

purchase-influence-on-social-media-Francesca Antonetti Neil Patel

Oltre il 42% degli utenti di social media ha effettuato un acquisto semplicemente perché l’ha visto nel proprio feed.

Quindi trovare un modo per muovere l’algoritmo a tuo favore e aumentare il tuo engagement può aiutare il tuo brand a spingere le vendite attraverso Instagram.

E per farlo, devi creare contenuti che risuonino sul tuo pubblico e favoriscano l’interazione tra i tuoi follower e il tuo marchio.

Per fortuna, ci sono molti metodi collaudati che ti permetteranno di farlo regolarmente.

Le nove soluzioni in questo post sono metodi supportati dai dati e approvati da molti brand per aumentare il coinvolgimento.

E il primo puoi iniziare ad utilizzarlo in questo momento.

Soluzione 1: Utilizza le storie di Instagram

Instagram Stories è l’elemento Snapchat-esque di Instagram che consente agli utenti di creare e condividere contenuti che scompaiono dopo 24 ore.

Lanciato alla fine del 2016, è diventato rapidamente il preferito da brand e utenti per condividere le proprie giornate con i propri follower.

Già ad ottobre 2017, oltre 300 milioni di utenti stavano creando storie quotidianamente.

Instagram stories user Francesca Antonetti Neil Patel

Inoltre, sempre più esperti di marketing utilizzano Stories per favorire il coinvolgimento con il proprio brand.

Instagram stories-dominate Francesca Antonetti Neil Patel

Ma le storie sono davvero un modo efficace per i brand di interagire con il loro pubblico?

Secondo questo caso di studio, la risposta è sì.

Il marchio di stilisti Revolve ha utilizzato Instagram Stories per creare e condividere potenti campagne sul proprio profilo.

Nel caso di studio collegato sopra, hanno lanciato la loro campagna #Revolveme.

 

Lo scopo di questo sforzo era trovare e condividere contenuti generati dagli utenti incentrati sul loro marchio.

I clienti possono acquistare vestiti e poi caricare le proprie foto con l’hashtag #revolveme nella speranza di essere presenti nelle storie del marchio.

Mentre si potrebbe pensare che la maggior parte delle storie che condividono siano modelli professionali, la realtà è che sono tutti inviati dagli utenti.

Ciò significa che non stanno solo condividendo i contenuti del loro pubblico, gratificandoli, ma stanno anche ottenendo contenuti gratuiti e di alta qualità allo stesso tempo.

E i risultati parlano da soli.

risultati campagna Instagram stories revoleme

Secondo lo studio, il marchio ha iniziato ad avere una media di oltre 66.000 impressioni su ogni Story.

Con un tasso di uscita del solo 6,27%, è chiaro che i loro sforzi hanno avuto successo.

E poiché il marchio condivide ancora le #revolveme Stories, è altamente improbabile che abbandonino la campagna in qualsiasi momento.

Quindi, se stai lottando per aumentare il tuo impegno, inizia a condividere le tue storie.

Soluzione n. 2: assumi un professionista

Non tutti sono destinati a diventare fotografi, e va bene.

Ma Instagram è una piattaforma visiva.

Pertanto, le immagini sono il cuore del tuo lavoro.

Quindi, se non sei il miglior fotografo, potresti effettivamente danneggiare le prestazioni del tuo marchio a lungo termine.

E per peggiorare le cose, potresti non avere nemmeno una macchina fotografica che riprenda una buona immagine secondo gli standard odierni.

Basta guardare la differenza di qualità in queste due immagini da un iPhone 6s e un iPhone 8.

 

Questa immagine di iPhone 6 potrebbe sembrare buona a prima vista.

Ma quando lo pubblichi accanto al suo successivo da iPhone 8, le differenze risaltano davvero.

Soluzione n. 3: rimani fedele alle tendenze

Se sei in un settore che cambia molto, sai quanto sia difficile rimanere aggiornati con queste tendenze.

Quindi, quando inizi a esplorare le nuove tendenze in un’arena sconosciuta, puoi essere travolto molto rapidamente.

E ogni anno vede un sacco di tendenze visive cambiare e evolversi.

Basta controllare alcune di queste immagini che sono considerate parte delle tendenze di quest’anno.

Anche se potrebbe non adattarsi al tuo stile personale, l’apprendimento e l’adesione a queste tendenze visive possono aiutarti a coinvolgere il tuo pubblico Instagram e distinguerti dalla massa.

Inoltre, puoi anche guardare le tendenze consolidate su Instagram con le quali altri marchi hanno visto il successo.

Il 60% delle migliori marche utilizza lo stesso filtro e illuminazione per tutte le sue foto Instagram. Si tratta di creare una strategia fotografica.

Guarda Gucci.

Il direttore della strategia digitale e social di Condé Nast, Rochelle Stewart, afferma: “Instagram è una scelta naturale per noi perché consente ai nostri marchi di attingere a ciò che sanno fare meglio: Visual storytelling, bella fotografia, immagini che sono al contempo stimolanti e ambiziose.”

È chiaro che la creazione di una strategia visiva per Instagram è fondamentale. Pubblicare con un filtro coerente, immagini con volti e taggare la tua posizione può aiutarti a coinvolgere di più e a rimanere nei feed del pubblico.

Soluzione 4: inizia a fare video live

Lo streaming live sta rapidamente diventando una delle cose più importanti che il tuo brand può fare (anche su Facebook).

Secondo uno studio recente, lo streaming video rappresenta attualmente oltre due terzi del traffico Internet.

Ciò significa che non solo viene creato in grandi quantità, ma viene anche fruito.

E dal 2016, Instagram ha permesso ai brand di lanciare i propri video live in modo nativo sulla propria app.

I risultati sono stati più di quanto la maggior parte potrebbe mai immaginare, comprese le persone dietro il profilo dell’ Old House Vintage Market.

In un solo evento, hanno guadagnato 1.151 seguaci.

Questo è quasi l’80% del loro attuale seguito, e l’hanno ottenuto in meno di un giorno.

Se un piccolo marchio come questo può utilizzare il video live in modo così efficace, immagina cosa potrebbe fare per un marchio che ha già migliaia di follower.

Coinvolgendoti con un pubblico più vasto su Instagram, incoraggi l’interazione e e hai buone possibilità di salire in cima al feed delle notizie.

Neanche è necessario essere pianificato.

Basta accenderlo e condividere ciò che stai facendo in questo momento o cercare idee che puoi condividere.

Finché puoi interagire con i tuoi follower, puoi far crescere il tuo marchio e battere l’algoritmo di Instagram.

Soluzione n. 5: posta al momento giusto

Se sei stato nei social media per un po’, probabilmente hai visto tanti studi che cercano di trovare il momento perfetto per postare.

Molti di questi studi e valgono sicuramente il tuo tempo e la tua attenzione.

Secondo questo post di Sprout Social, Instagram vede il maggior traffico durante le ore centrali dei giorni infrasettimanali.

Ciò lascia intendere che potresti studiare contenuti atti a catturare l’attenzione delle persone mentre sono sedute in ufficio.

In realtà questi dati vanno certo ben letti, ma rappresentano gli orari di maggior engagement, non di pubblicazione migliore, e poi come sempre bisogna testare.

Se pubblichi messaggi in periodi in cui c’è troppa congestione (o non abbastanza), potresti perdere il coinvolgimento a causa di un filtro più pesante.

Soluzione 6: raggiungi più persone con gli hashtag

Anche se sembra che tutti li stiano usando, non sono sempre utili quando si parla di social media.

Ma Instagram è una questione completamente diversa.

L’unicità della piattaforma visiva di Instagram la rende la piattaforma perfetta per utilizzare gli hashtag.

Quando un utente fa clic su un hashtag di un post che sta visualizzando, viene indirizzato a una pagina che mostra più hashtag personalizzati.

Ad esempio, dai un’occhiata a questo post dell’attore Chris Pratt:

hashtag instagram

In esso, lui usa #farmlife

Quando fai clic sull’hashtag vieni reindirizzato ad un elenco composto da ogni post che ha utilizzato lo stesso hashtag.

Questo invita l’utente a scorrere, cercare più immagini che gli piacciono e interagire con più profili.

Pertanto, l’utilizzo di hashtag popolari può aiutarti a estendere la portata del tuo marchio e a trovare nuovi membri del pubblico.

E per farlo, ti consiglio vivamente di utilizzare un’estensione di Chrome come Hashtest per aiutarti a trovare hashtag ad alto volume.

Tutto quello che devi fare è inserire gli hashtag a cui stai pensando e ti darà un feedback immediato su quanto sia utile.

Quando trovi gli hashtag corretti, includili regolarmente nei tuoi post.

Le tue immagini avranno una maggiore portata e puoi apparire più spesso in più feed nel tempo.

Soluzione 7: usa un influencer

Quando si parla di influencer marketing, per nessun’altra piattaforma è importante come per Instagram.

influencer instagram

Gli influencer di gran lunga amano creare e condividere collaborazioni con i brand su Instagram.

La natura visiva e guidata dal prodotto della piattaforma lo rende il luogo ideale per creare e condividere contenuti con cui i follower vogliono impegnarsi.

Ciò significa che puoi sfruttare questa tendenza a tuo vantaggio trovando degli influencer che sono interessati al tuo marchio.

E gli Influencer stanno vedendo una crescita importante solo negli ultimi anni.

Con i nuovi Influencer e i creatori continuamente in scena, le opportunità per il tuo business sono abbondanti.

Dai un’occhiata a come la campagna ASOS Insiders ha utilizzato gli  influencer per aiutarli a vendere i loro prodotti.

Questa campagna si è concentrata su un gruppo esclusivo di giovani influencer che sono stati selezionati per mostrare i vestiti del marchio ASOS.

Attingendo al pubblico che questi influencer avevano già, ASOS ha creato un fenomeno globale che è ancora molto vivo oggi.

Ad oggi, ASOS ha più di sette milioni di follower sul proprio account Instagram.

Ciò significa che con ogni post che condividono, milioni di spettatori hanno optato per vedere il loro contenuto.

Ma non devi avere un budget enorme per tirare fuori questa impresa.

Puoi trovare influencer con migliaia di follower che sono disposti a condividere il tuo brand.

È una delle aree di marketing di Instagram in più rapida crescita e sarebbe saggio iniziare a usarla per i propri sforzi.

Soluzione 8: condividi contenuti generati dagli utenti

Abbiamo visto prima in che modo un marchio ha utilizzato i contenuti generati dagli utenti nelle loro storie, ma l’applicazione per i contenuti generati dagli utenti è molto più ampia di quanto si possa immaginare in precedenza.

Gli studi hanno dimostrato che la condivisione di contenuti generati dagli utenti rende il tuo marchio più autentico e umanizza la tua azienda.

Ciò significa che più condividi il contenuto fornito dagli utenti, più sentirai che sei effettivamente riconoscibile e degno della loro attenzione.

Inoltre, è visto come “utile” o “inestimabile” per il 99% dei marketer.

Quindi condividere più contenuti generati dagli utenti è il modo perfetto per riportare il tuo marchio a terra.

Se il tuo pubblico vede l’opportunità di essere pubblicato sulla tua pagina, ci sono molte più possibilità che vorrà interagire con te e creare contenuti per te.

Rent the Runway ha riscosso un enorme successo quando ha iniziato a concentrarsi sulla condivisione di contenuti generati dagli utenti.

Nel corso del loro studio, hanno scoperto che stavano anche risparmiando da cinque a dieci ore a settimana sulla creazione di contenuti.

E, ancora più importante, il loro engagement è aumentato del 21% rispetto al loro contenuto originale.

 

Semplicemente condividendo più dei loro contenuti generati dagli utenti, sono stati in grado di vedere miglioramenti misurabili nelle attività della loro pagina Instagram.

Quindi risparmia tempo e aumenta il tuo coinvolgimento utilizzando il contenuto del tuo pubblico.

Soluzione n. 9: ospita un Contest

I contest di Instagram sono la tattica finale che può aiutare il tuo marchio a superare l’algoritmo e ad aumentare il tuo engagement generale.

E secondo il rapporto sullo stato di Instagram, il 39% delle aziende prevede di fare più concorsi nei prossimi anni.

E quando si esamina il successo che alcuni marchi hanno ottenuto, non c’è da meravigliarsi che sempre più aziende vogliano provare questo approccio.

Prendiamo ad esempio il concorso MyNeoShoot ospitato da Adidas.

 

In questo contest, Adidas ha chiesto ai suoi follower di creare immagini ispirate al loro marchio.

Le migliori foto sono state poi invitate a creare un servizio fotografico professionale, e hanno persino scelto Selena Gomez per aiutarli a diffondere la notizia sul concorso.

Come risultato del concorso, Adidas ha generato 71.000 menzioni dell’hashtag #MyNeoShoot e ha guadagnato 41.000 nuovi follower.

Quindi usare un concorso creativo per il tuo marchio può portare a risultati simili.

Assicurati solo di stabilire regole chiare, altrimenti l’intero processo potrebbe ritorcersi contro.

 

 

Anche se non guadagni migliaia di nuovi follower, è quasi garantito che otterrai  il coinvolgimento del tuo pubblico attuale.

Ciò significa che sarai un passo avanti verso la rottura dell’algoritmo di Instagram, il che significa maggiore copertura e maggiore engagement.

 

Se vuoi ricevere una consulenza da me per il tuo profilo aziendale Instagram, contattami su Messenger!

 

 

5 Consigli per gestire le tue pagine aziendali

Come gestire le tue pagine aziendali in modo semplice

Oggi voglio darti 5 consigli utili per iniziare a gestire le tue pagine aziendali di Facebook ed Instagram in maniera più professionale possibile.

Ho notato infatti che, alcuni aspetti che a me risultano scontati non lo sono altrettanto per tutti i publischer.

1. Crea un piccolo calendario editoriale

Il primo aspetto che devi considerare per una gestione professionale delle tue pagine aziendali è la creazione di un calendario editoriale e ovviamente i relativi contenuti.

Decidi quanti post pubblicare su base settimanale e redigi un calendario mensile o trimestrale. Non cadere nella trappola di pubblicare solo quando hai tempo o al contrario ogni minuto della giornata. Organizza le tue pubblicazioni.

Scegli contenuti interessanti per la tua audience e non basarti soltanto su cosa vendi: informa, coinvolgi, emoziona i tuoi lettori.

Se non l’hai ancora fatto leggi:

Il Piano Editoriale – La regola dell’80 – 20

2. Utilizza la pubblicità – Facebook Ads

“Facebook per le aziende non è gratis”: prima di tutto devi capire bene questo aspetto! Come ho già sottolineato nel post  5 concetti base che devi conoscere per gestire una pagina Facebook

Facebook vive dei proventi pubblicitari che derivano appunto per la maggior parte dalle pagine aziendali. Le visualizzazioni organiche (cioè gratuite) dei post delle pagine aziendali che prima erano intorno al 3% sono addirittura scese da gennaio 2018 (grazie alle modifiche sull’algoritmo).

Perciò il mio consiglio è: pubblica anche meno – non necessariamente un post al giorno – ma sponsorizza.

Attenzione però: non utilizzare “Metti in evidenza il post, cioè quel tastino che appare sotto ogni tuo post per almeno 2 motivi:

  1. Limiti nella creazione del target
  2. Unico obiettivo di marketing

In linea di massima è più facile che sprecherai i tuoi soldi. (Per approfondire questo aspetto ti consiglio di leggere questo articolo di Veronica Gentili.)

Utilizza invece Facebook Ads, ossia lo strumento di marketing di Facebook che ti permetterà di definire bene il tuo pubblico, i tuoi obiettivi di marketing e la tua creatività.

Se non sai da dove cominciare contattami pure.

Quindi datti un budget mensile che sei disposto a spendere e dividilo per il numero di post che hai deciso di creare mensilmente.

3. Instagram

Instagram… Da dove iniziare? Direi di iniziare dal fatto che se hai deciso di inserirlo nella tua strategia di comunicazione online qualche motivo ci sarà.

Curare Instagram richiede molto tempo e molto impegno, poiché si basa sulle immagini. Ovviamente come primo passo devi collegare le due pagine – cioè quella Facebook con quella Instagram. Avere un profilo instagram aziendale ti permette di avere molte funzionalità in più soprattutto in termini di analisi dei dati. Ti darò di seguito alcune tips che ti saranno davvero d’aiuto se parti da zero o quasi:

  • Chi seguire? Segui chi ti segue a sua volta. Scegli chi seguire aiutandoti con gli hashtag di tuo interesse oppure i luoghi dalla barra di ricerca. Un metodo ottimo soprattutto se sei un’impresa locale. Alterna giornate di following a giornate di unfollowing. Esistono diverse app gratuite che possono aiutarti a scovare chi tra le persone o pagine che segui non ti segue a sua volta e ti permettono di fare l’unfollow in maniera piuttosto veloce.

  • Usa un bot. Sempre per crescere in termini di numeri, ma nel contempo in target puoi utilizzare un bot a pagamento che in pratica fa follow/unfollow in maniera automatica seguendo gli input che tu gli dai attraverso il setting. Ti consiglio di utilizzare Stim, che tuttavia è a pagamento, ma se ben settato può darti un validissimo aiuto.
  • Scegli un tuo filtro (esistono moltissime app di editing immagini) e utilizzalo per ogni post: darai coerenza al tuo profilo. Ovviamente le immagini devono essere belle, di buona risoluzione e comunicative.
  • Scegli accuratamente gli hashtag da utilizzare: non utilizzare hashtag che non hanno nulla a che fare con l’immagine postata: alterna hashtag di piccole dimensioni (da 1000 a 10000 post) a hashtag di dimensioni maggiori.

 

4. Qualche consiglio per aumentare le visualizzazioni organiche del tuo post

Ribadisco: se vuoi utilizzare i canali social per fare marketing davvero è giusto che tu abbia un budget dedicato. Tuttavia ad oggi, e giuro di averlo constatato, se vuoi sfruttare al massimo le visualizzazioni organiche dei tuoi contenuti esiste un modo: il video.

Utilizzare i video (nativi) ti permette di raggiungere anche il triplo delle visualizzazioni organiche rispetto alle immagini o altri contenuti.

Questo vale per Facebook, Instagram e da qualche giorno anche per LinkedIn. Perciò tienilo presente nella gestione delle tue pagine social.

 

5. Instagram Stories

Sempre per quanto riguarda le interazioni che puoi ricevere in maniera organica, un ottimo strumento sono le Instagram Stories che vanno davvero fortissimo, probabilmente per lo stesso motivo dei video ovvero che generano davvero molto coinvolgimento.

Inserisci nel tuo calendario editoriale anche le storie di Instagram.

Perché funzionano? Perché ti permettono di fare storytelling in maniera semplice e veloce, perché ti umanizzano e avvicinano al tuo utente/cliente. Mostra momenti di te, della tua azienda e attività.

Per approfondire l’aspetto dello storytelling leggi questo articolo.

Ricorda che le dimensioni delle immagini per le Instagram stories sono particolari: 1080 x 1920, utilizzare il formato normale di dei post di Instagram non va bene: deformerebbe le immagini. Utilizza anche i video: se i video sono troppo lunghi puoi utilizzare app fatte appositamente per dividere un video in lunghezze adatte alle stories.

 

 

Igers: chi sono e cosa fanno su Instagram

 

Immagine citazione sulla fotografia

 

 

 

Anche tu sei un fan del social network fotografico Instagram?

Se ti incuriosisce o ti affascina il mondo di Instagram, puoi leggere l’articolo Conoscere Instagram per fare business.

Oggi però ti parlo di una categoria ben definita, quella dei cosidetti Igers

Vi sarà certamente capitato, di notare tanti account su Instagram, di ragazzi e ragazze con migliaia di followers.

Se vuoi sapere come ottenere tanti followers e un buon engagement, puoi leggere questo articolo.

Oggi invece vi racconto proprio chi sono questi Igers.

Letteralmente gli igers, non sono altro che gli utenti attivi di Instagram: non hanno un blog (non necessariamente), non sono personaggi famosi o popolari, almeno non provengono dai media tradizionali eppure sono molto popolari sul social network fotografico.

Non sono neppure fotografi professionisti (molto più spesso si tratta di una passione).

Per capire meglio le dinamiche di questo fenomeno ho intervistato due ragazze, due super igers, che mi hanno raccontato come hanno raggiunto questi risultati e quali vantaggi hanno ottenuto grazie ai loro account Instagram.

Si tratta di Clarissa

foto clarissa
@clarybnm

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e Gessica,

foto Gessica
@gessicatrifilio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Due profili che adoro per motivi diversi: di Clarissa amo l’interpretazione dei suoi selfie 🙂 e i post quotes; di Gessica l’ironia e le foto della bellissima terra nella quale vive – la Calabria -, inoltre da brava iger “attiva”i suoi post sono sempre estremamente informativi… 🙂

Iniziamo con Clarissa:

Io: Ciao Clary… Presentati! (ahahahah rido perché in realtà ci conosciamo bene e siamo amiche!)

C: Ciao sono Clarissa! Clarybnm su Instagram! Ho 30 anni sono una mamma e studentessa di giurisprudenza! Vivo a l’Aquila praticamente da sempre anche se sono originaria di Pescara!

Io: Quanti follower hai su Instagram?

C: ho circa 28 mila follower su Instagram (sono felice che mi seguano ma sinceramente non so dove portarli 😉 )

IoCome ti sei avvicinata a questo social network fotografico e perché?

C: Mi sono avvicinata a questo social per curiosità non sapendo inizialmente neanche come funzionasse! Poi ho scoperto che le mie foto piacevano, che non ero così male come pensavo e che magari qualcuno trovava interessante quanto avevo da dire! E così è stato un ottimo rimedio contro la mia bassa autostima!!!!

(Puoi trovare il corso di cui Gessica parla cliccando qui)

Io: Dalla tua popolarità su Instagram hai ottenuto lavori, collaborazioni, o altri tipi di vantaggi? Se si quali?

C: Ho ottenuto richieste di collaborazioni da piccoli brand di accessori e abbigliamento! Ho accettato con piacere ma non ho mai chiesto soldi per pubblicizzare alcun articolo! È stato semplicemente un gioco divertente!

Attualmente oltre a piccole richieste per collaborazioni spesso ricevo richieste di gestione pagine social e ad oggi lo faccio come “lavoro” per un negozio della mia città (SagapoBio di L’Aquila)

IoQuali sono gli account ai quali ti ispiri per curare il tuo profilo? 

C: Sinceramente non mi ispiro ad alcun profilo ne a personaggi in particolare! Sono me stessa nella mia quotidianità e magari sono seguita proprio per questo perché sono quel “nessuno” in cui tanti si rispecchiano!

IoQuanto tempo al giorno dedichi al tuo account di Instagram? Ti piace piace più fotografare o essere fotografata?

C:  Dipende dal mio umore e dagli impegni! Ci sono giorni in cui mi dimentico anche della sua esistenza ed altri in cui potrei passarci anche due ore consecutive!

Adoro fotografarmi e fotografare! Sono troppo timida per permettere a qualcun altro di farlo al posto mio! SELFIE tutta la vita😂!

Grazie Clary, I love you 🙂

 

 

Immagine account Instagram Clarissa
Segui Clarissa su Instagram @clarybnm

 

Adesso invece conosciamo meglio Gessica.

Io: Ciao Gessica! Che fai nella vita?

G: Al di fuori di Instagram lavoro come cameriera. Non ho voluto continuare gli studi all’università subito dopo aver finito la ragioneria  perché avevo bisogno di soldi principalmente anche se è stato difficile per me trovare lavoro nel paese in cui vivo😊..  anche se il mio sogno era quello di  seguire corsi per la fotografia. Ma spero che un giorno io possa coronorare questo sogno..

Io: Quanti followers hai su Instagram?

G: Attualmente su Instagram sono seguita da 14.688 follower  e sono contenta che ho questo seguito perché capisco che ciò che pubblico piace!

Io: Come ti sei avvicinata a questo social network fotografico e perché?

G: Ero già registrata su Instagram da tanti anni.. l’anno scorso girando su Facebook ho visto un post di un corso per Instagram e siccome mi piaceva questo mondo e mi piace la fotografia ho comprato il corso e ho iniziato a capire un po’ di più di questo mondo.. sono migliorata sicuramente in un anno e continuerò a migliorarmi..

Io: Dalla tua popolarità su Instagram hai ottenuto lavori, collaborazioni, o altri tipi di vantaggi? Se si quali?

G: Ho ottenuto molte collaborazioni in questo ultimo periodo alcune di queste erano aziende di orologi, occhiali oppure prodotti per la pelle.. mi hanno anche mandato dei voucher per un viaggio pagato dall’azienda che farò ad ottobre!

Io: Wow! Quali sono gli account ai quali ti ispiri per curare il tuo profilo? 

G: Non c’è un profilo specifico al quale mi ispirò. . Ciò che pubblico e le foto che faccio provengono tutte dalla mia testa.. quando so che devo fare una collaborazione ho già in mente come la devo pubblicare.

Io: Cosa pensi piaccia ai tuoi followers del tuo profilo (visto l’alto engagement?)

G: Ciò che piace ai miei follower sono sicuramente le foto, poi come descrivo i prodotti e soprattutto il mio sarcasmo nel fare le battute tipo sulla giornata.. non sono una persona impostata parlo come parlerei ad una mia amica 😁

Io: Dove speri ti porterà il tuo profilo Instagram?

G: Guarda, oltre al mio sogno da fotografa mi piacerebbe avere un mio marchio di moda!

Grazie Gessica, te lo auguro di cuore 🙂 

Immagine account Instagram Gessica
Segui @gessicatrifilio

Riassumendo:

Queste due splendide Igers, come tante altre, sono semplicemente delle ragazze che amano prendersi cura del proprio profilo Instagram.

I motivi sono molteplici: aumentano l’autostima e ricevono anche dei piccoli benefici.

L’importante per avere successo, come hanno sottolineato entrambe, è essere se stesse, persone vere, ragazze reali!

I brand prestano sempre maggiore attenzione a questa nuova “categoria sociale” sono loro i nuovi testimonial. 

Perché sono “vicini” all’utente medio e quindi ai potenziali clienti. Non top model o attori, ragazzi normali, che hanno un forte seguito perché sanno comunicare.

Questo rappresenta una grandissima rivoluzione (o evoluzione) del marketing. E’ anche in questo modo che i social network si integrano all’interno delle strategie di marketing aziendale.

Gli Igers equivalgono ai nuovi brand ambassadors.

 

 

Conoscere Instagram per fare business

logo_instagram

Instagram mi ha insegnato davvero tanto!

Se ho deciso di intraprendere la strada del web marketing lo devo soprattutto a questo social network fotografico.

Circa un anno fa infatti, ho iniziato ad appassionarmi a questa applicazione, dedicando più tempo alla “cura” del mio profilo.

Più di un Social network

Quello che mi piaceva, all’inizio, era sopratutto il “nutrimento dell’ego” che derivava dall’utilizzo. Non posso negare il mio “sano” egocentrismo (sono pur sempre un leone 🙂 ) : pochi #hashatag ben disposti e una pioggia di likes e followers.

Sempre grazie ad Instagram, mi sono avvicinata al mondo dei blogger e ho iniziato a comprendere il potenziale. Vedevo tante persone stra seguite, con una vera e propria community di followers e non si trattava di modelle, attori, cantanti… ma di blogger, cioè di persone che scrivono.

Nel giro di pochissimo tempo sono “esplosi” dei profili, ancora più anonimi… Persone normalissime piene di seguaci,  che molto spesso non avevano neanche un blog. Notavo che anche alcuni titolari di piccole imprese, creavano dei buoni profili e vendevano attraverso Instagram> WhatsApp> Paypal.

Tutto questo era rivoluzionario! 

E mi sono incuriosita.

Spesso leggevo la frase “Essere famosi su Facebook, è come essere ricchi a Monopoli” e sorridevo, perché lo pensavo anche io. Su Instagram invece, non è così. Essere “famosi” su Instagram equivale esattamente a monetizzare il proprio profilo.

Ho capito le infinite possibilità offerte dal buon uso di Instagram, grazie ad un corso online (un bestseller per i marketer!) che mi ha aperto un mondo!

Sono sempre dell’idea che sia importante condividere, perciò se anche tu sei appassionato di web marketing o lo utilizzi per lavoro o per piacere personale, se vuoi sfruttare le opportunità che Instagram (e non solo) può offrirti… Ti consiglio di investire questi scarsi 14 euro (davvero il prezzo di una pizza!)

Vai al corso ora! Scopri anche tu i segreti di milioni di marketer e blogger.

Imparerai ad utilizzare Instagram per account professionali in modo semplice e veloce.

Io, fino a un mese fa, ne ho fatto un uso -non professionale- ma con l’arrivo del mio blog, avere 13k followers si è rivelata una benedizione. Inoltre, le mie aspirazioni non sono mai state da “influencer“, eppure avendo un gran numero di followers ho ricevuto diverse proposte di collaborazione.

Non perdere le opportunità offerte da questo Social e non sottovalutarlo. Può essere estremamente utile per te, che tu sia un blogger, un imprenditore o che tu abbia un negozio o uno studio professionale.

Immagine Instagram On Fire

Vai al corso e inizia subito!