Facebook: Nuovo piccolo aggiornamento – Due grandi vantaggi

Spia la tua concorrenza e le sue azioni di marketing

Gli aggiornamenti di Facebook non si fermano mai e riuscire a stare dietro a tutto è davvero complesso. Questo piccolo aggiornamento però, risulta particolarmente utile per almeno due motivi che voglio indicarti.

Sto parlando della nuova funzionalità che permette di visualizzare alcuni dati delle fan page di Facebook a chiunque vi acceda.

screenshot pagina Facebook

Cliccando sulla piccola “i” (informazioni ed inserzioni) potrai infatti avere accesso ad alcune informazioni:

  1. Se, quando e quante volte la pagina ha cambiato nome.
  2. Le inserzioni attive.

La pagina ha cambiato nome?

Bene, inizialmente non ho dato molto peso a questo, anche se in realtà in questo modo potrai avere una panoramica della bontà e dell’attendibilità della pagina.

Se ad esempio una pagina di un ristorante, ha cambiato nome da qualche mese e prima era una pagina di barzellette… probabilmente la sua fan base non è genuina e fan, like e recensioni potrebbe essere non del tutto veritiere.

N. B. La mia pagina ha cambiato nome, ma semplicemente perché ho cambiato il nome del mio blog (e il dominio) ma i contenuti sono rimasti invariati.

E le inserzioni attive?

La possibilità di poter guardare le inserzioni attive di una pagina è il vero motivo del mio post di oggi.

I tuoi vantaggi da “social media manager o semplice amministratore della pagina della tua attività” sono, come premesso, almeno 2!

“Spia” la concorrenza

Il primo grande vantaggio è quello di poter “spiare” quali e quante azioni di web marketing (in particolare di Facebook e Instagram) fa il tuo competitor.

Ovviamente non potrai conoscere i budget e devi conoscere almeno un po’ Facebook Ads altrimenti rischi di non capire alcune cose.

Potresti ad esempio, non capire perché trovi lo stesso post per più inserzioni.

Questo è un indice in più. Se trovi più inserzioni simili potrebbero essere a/b test oppure campagne ottimizzate per obiettivi diversi (interazioni, traffico, conversioni).

Niente male, no?

Guardare cosa fa il tuo concorrente è il più grande vantaggio che hai grazie a questa piccola finestra e di cui potrai fare un buon uso.

Ma c’è un altro piccolo vantaggio per i tuoi utenti.

Se utilizzi abbastanza bene Facebook ads, utilizzerai anche le campagne per traffico e conversioni, oltre che per interazione e sai bene che queste – in linea di massima e se non hai grossi budget – “ruotano” sulla home page (o le piattaforme che hai scelto) del tuo target e spesso non sono le stesse sulla pagina. (Su questo dovrei aprire un’altra lunga parentesi)

Ammettiamo che tu abbia fatto una campagna per conversioni, quindi ottimizzata per ottenere un’azione specifica, scegliendo con cura la creatività dei 6 ads che ruotano. Questa campagna – se ben fatta – arriverà al tuo target. Ammettiamo che un potenziale tuo cliente sia molto interessato alla tua inserzione, ma in quell’istante non possa andare avanti nel processo fino alla generazione dell’azione… Ecco, Facebook gli mostrerà nuovamente l’inserzione, ma solo quando dice lui.

Ma se fosse lui a volerla ritrovare? Ci sarà un post statico sulla pagina probabilmente, ma lui vuole cercare quella specifica immagine o video o altro… Perché è quella che lo ha convinto! Gli basterà andare sulla tua pagina e controllare le inserzioni attive, cliccare e andare avanti!

 

 

La fan base: conosci la tua audience

fan base

Che cos’è la Fan Base?

La fan base altro non è che l’insieme di persone che seguono una particolare persona o brand.

 

L’importanza dei fan in marketing

In marketing definiamo true fan un cliente ripetitivo ed estremamente fidelizzato.

Quello insomma, cui dovremmo aspirare per il nostro business.

Molto spesso mi accorgo che soprattutto in ambito social, non tutti si rendono conto dell’importanza del cliente fidelizzato, pensando che le azioni di marketing e web marketing debbano essere necessariamente indirizzate alla cattura di nuovi clienti e lead.

La fan base di Facebook

Anche se “quelli-che-hanno-messo-mi-piace” alla nostra pagina Facebook non si chiamano più fan da tempo immemore, tutti continuano a chiamarli così, quindi per comodità li chiamerò in questo modo anche io.

Ad ogni modo ora è chiaro che la fan base è l’insieme di coloro che hanno messo “mi piace” alla nostra pagina.

E’ vero che non si tratta di lead (cioè di contatti), tuttavia sono persone che in qualche modo hanno interagito con la nostra pagina. E non è poco.

Quello che dobbiamo cercare di fare – attraverso i nostri sforzi di marketing – è di creare una fan base quanto più possibile profilata, cioè formata da persone che rientrano nel nostro target.

 

 

fan base - remarketing
Fonte: http://creativestandup.com/get-more-fans/

Utilizza la tua fan base così:

  • Crea il tuo pubblico preferito su Facebook ads, inserendo interessi, comportamenti e dati demografici.
  • Crea dei post, sugli stessi post crea delle inserzioni con Facebook ads e imposta come target il pubblico che hai appena creato.
  • Dopo un primo periodo, crea un looklike o pubblico simile rispetto a quello che hai creato. In questo modo crescerai. Inizia a creare un post con il pubblico salvato che hai creato, dopo 2/3 giorni (o quanto preferisci, dipende dal budget) spegni l’ad. Crea una nuova ad con il pubblico looklike, ma utilizza lo stesso post. Vedrai così crescere la tua fan base.
  • Non invitare “la qualsiasi” dei tuoi amici personali, se non rientrano in target, perché una volta che la tua fan base sarà abbastanza grande (relativamente alla tua attività) sarà su di loro che farai le tue campagne pubblicitarie, perché sarà un pubblico fatto di persone che già ti conoscono e quindi più propense all’azione.

 

Facebook marketing: a che livello ti trovi?

marketing funnel

Se è vero che non esiste una formula magica per far in modo che la nostra comunicazione social ci porti velocemente a raggiungere i risultati desiderati, è vero anche che è necessario creare delle basi solide e indispensabili. Parliamo della pagina aziendale su Facebook.

1. La tua audience rispecchia i tuoi clienti?

Molto spesso mi capita di prendere in gestione pagine che, indipendentemente dal numero di fan, ha una fan base completamente fuori target.

Questo rappresenta la conseguenza diretta di una cattiva – per quanto in buona fede- gestione della pagina.

Molto spesso infatti, la fan base, cioè il numero di fan della pagina che dovrebbe rappresentare il nostro target primario, quello al quale indirizzare la nostra comunicazione, è formata da parenti, amici, amici di amici, di chi si è occupato della pagina fino a quel momento.

Ma credete davvero che tutte queste persone siano profilate e interessate a quello che pubblicate? Direi di no! I vostri sforzi di creare contenuti interessanti per il target vengono praticamente già distrutti a monte.

Se io invitassi i miei 3000 amici (del mio profilo personale) a seguire tutte le pagine che gestisco, così a caso, farei danno alla mia immagine (diventerei una che fa spam!), oltre che a quella dell’azienda, in quanto non professionale.

Meglio avere numeri più bassi, ma di veri followers, di persone davvero interessate. Questo anche per razionalizzare gli investimenti pubblicitari, che sono comunque necessari.

Una fan base solida è il primo dei punti che dovrai “ottimizzare”.

 

2. I tuoi contenuti sono di valore per il tuo cliente?

Uno degli errori più penalizzanti è l’autoreferenzialità: il parlare sempre del nostro brand, prodotto, servizio come fosse il migliore.

Gli utenti odiano questo genere di post, se sono sempre e solo quelli. Proprio per questo creare un calendario editoriale prima di attuare una strategia è di fondamentale importanza.

I contenuti che pubblichi devono soprattutto coinvolgere l’utente. Come ho detto e scritto già anche nelle “my tips” , ovviamente le persone non vanno su Facebook con l’intento di “fare shopping”, ma per rilassarsi.

Nella costruzione dei tuoi post, concentrati sui benefici e sulla risoluzione di problemi per il tuo cliente. Evita una comunicazione del tipo “io sono il migliore…”

Ultima cosa: non pubblicare tanto per farlo – torniamo quindi al discorso del calendario editoriale.

 

3. Stabilisci un budget in Facebook Ads

Vige ancora, da qualche parte nel web, la convinzione che Facebook sia gratis. Sì certo, lo è per i profili privati, per coloro che non utilizzano i social come pubblicità. In realtà Facebook Ads è un potente strumento pubblicitario, uno dei più strutturati e dettagliati. E questo rappresenta la forza di Facebook per piccole e grandi aziende.

Ovviamente ha un costo. Proprio perché ha un costo, va utilizzato in maniera professionale. Lasciare la gestione amatoriale a chi conosce i social da utente (per quanto bene possa conoscerli) o improvvisarsi in “tanto che ci vuole?!” potrebbe farti sprecare molte risorse e ovviamente non raggiungerai mai risultati.

Perciò a seconda delle tue dimensioni aziendali e le tue possibilità, stabilisci subito un budget da destinare alla tua pubblicità sui social media, includendo anche quello destinato alle risorse umane, cioè chi gestirà il tutto, cioè la tua immagine o quella del tuo brand (scusa se è poco 🙂 )

3 consigli su come scegliere il tuo Web Hosting

E’un piccolo comune dilemma: a quale hosting provider dovrei affidare i miei siti? Questo dilemma vale per developers, bloggers, piccole imprese ecc. ecc.

Se questa scelta è ben fatta, tu puoi trascorrere una “vita felice” grazie ad un host affidabile ed altamente performante, sempre raggiungibile via telefono, via chat o via mail. Tuttavia compiere questa scelta, senza prima aver dedicato il giusto tempo alla ricerca, potrebbe portarti a non pochi problemi.

1. Scopri di quale tipo di hosting hai bisogno

Prima di iniziare a cerca un hosting, prenditi un momento per valutare i tuoi obiettivi.

Le tue esigenze influenzeranno la tua compatibilità con alcuni provider e servizi di hosting.

  • Shared Hosting
  • VPS Hosting
  • Dedicated Server Hosting

Un sito web personale (ad esempio portfolio) non ha bisogno di un server dedicato. Così come un ecmmerce ad alto traffico e alti volumi non dovrebbe scegliere un economico shared hosting (hosting condiviso).

L’Hosting condiviso è ottimo per siti di piccole e medie dimensioni

Nell’hosting condiviso, diversi clienti e siti Web condividono lo stesso server. Da una parte, l’hosting condiviso è semplice e senza complicazioni. La maggior parte dei clienti dovrebbe passare a un pacchetto condiviso quando entra nel mondo dell’hosting Web per la prima volta, quindi decidere quando è il momento di passare a un VPS o un piano dedicato per soddisfare le crescenti esigenze.

Va considerato però che le risorse del server sono condivise con migliaia di altri siti web. Vanno tenuti presente prezzo, supporto, performance più i servizi aggiuntivi offerti come ad esempio il dominio gratuito ecc.

L’Hosting VPS offre maggiore flessibilità per i siti in rapida crescita

VPS, che sta per server privato virtuale, è una felice via di mezzo tra la datazione casuale dell’hosting condiviso e l’impegno di un server dedicato. Il server è diviso in macchine virtuali, che fungono da server dedicati indipendenti. I clienti VPS condividono ancora un server, ma ognuno di essi ha porzioni molto più grandi e un controllo maggiore rispetto a quelli con un piano di hosting condiviso.

I nostri host VPS preferiti di solito includono storage con SSD ad alta velocità, insieme a servizi gestiti per aggiornamenti e patch software. A seconda del tuo livello di familiarità con il lato tecnico, ti consigliamo di cercare una licenza gratuita per cPanel o accesso completo alla root. Vedrai anche i principali host di VPS che includono servizi di monitoraggio, sicurezza e CDN per tenerti aggiornato.

L’Hosting dedicato offre il massimo delle risorse e della sicurezza del server

I siti ad alte prestazioni richiedono hosting dedicato, che comporta l’utilizzo di un intero server per alimentare il tuo sito Web o le tue applicazioni. Come suggerisce il nome, i server dedicati sono pronti ad aspettare per mano e piedi e soddisfare ogni tua esigenza di configurazione. I clienti hanno il controllo completo sull’architettura doting, il che significa che possono personalizzare i sistemi di sicurezza, i sistemi operativi e altro.

I piani di hosting dedicati sono tra i più costosi, considerando l’hardware di prim’ordine, i servizi gestiti e il supporto 24 ore su 24. L’hosting di fascia alta, tuttavia, è dotato di una serie di funzioni di lusso, tra cui migrazioni e backup automatici, indirizzi IP dedicati e scelta del sistema operativo.

Progettazione sito web

2. Determina che tipo di sito web stai costruendo

Proprio come la quantità di traffico previsto o di carico del server influenza il tipo di piano di hosting che vorrete trovare, il vostro tipo di sito Web determinerà quali caratteristiche sono più importanti da avere. Alcuni provider di hosting, ad esempio, promuovono la funzionalità di eCommerce, mentre altri si concentrano sul blogging e sull’ottimizzazione dei motori di ricerca.

Blog: Considera un web hosting WordPress

Con WordPress che ha recentemente superato il 28% alimentando più di un quarto di tutti i siti Web su Internet, il sistema di gestione dei contenuti è una scelta facile per gli scrittori che desiderano condividere i propri pensieri online. Apparentemente sembra che ogni host offra installazioni one-click semplificate di WordPress, ma i migliori provider includono hardware aggiornato, spazio di archiviazione illimitato e larghezza di banda, programmi preinstallati e competenza e supporto dedicati di WordPress.

Store online: prendi in considerazione un servizio di hosting per Ecommerce

Per qualcosa di più del semplice marketing del tuo marchio, un negozio online è un must per i proprietari di attività commerciali.

Più della metà degli abitanti statunitensi acquista online, per capire l’importanza di un e-commerce.

Quindi le aziende dovrebbero trovare un host web con forti opzioni di e-commerce. 

I migliori host si prendono cura dei requisiti di sicurezza aggiuntivi associati alla protezione delle informazioni sui clienti e sui pagamenti, fornendo allo stesso tempo modelli ben progettati, accesso al software del carrello e integrazioni con servizi come PayPal e strumenti di marketing via email.

Sito web personale: considera un low cost ad alto valore

Sia che tu stia condividendo istantanee di un recente viaggio o dando informazioni su amici e familiari sul tuo prossimo evento, i siti web personali devono trasmettere informazioni in modo visivamente accattivante. I clienti di hosting non hanno bisogno di spendere molto per creare un sito sbalorditivo: gli host attirano principianti e appassionati rendendo il web hosting estremamente conveniente e facile da usare.

Solo perché vedi i prezzi di base sono davvero bassi, tuttavia, non dare per scontato che i servizi siano scadenti. Molti offrono spazio di archiviazione, larghezza di banda e account di posta elettronica illimitati; supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e crediti di marketing online.  

Sito web aziendale: considera un web host con il quale puoi crescere

Anche se non prevedi di utilizzare il tuo sito Web per vendere prodotti, la tua azienda conta sulla presenza online per aumentare il brand awarness. Gli imprenditori possono aspettarsi che il loro sito web aziendale cresca dal 10 al 20% ogni mese, se tutto va bene, quindi dovrai trovare un fornitore di servizi di hosting in grado di gestire un’attività in piena espansione.

Invece di cercare costantemente la prossima offerta migliore, trova un host web con il quale stabilire una relazione di lungo periodo, eviterai così tutti i grattacapi connessi alla scelta del web host: la fari una sola volta, ma bene!

3. Comprendi bene quali e quante risorse richiedi

I nuovi clienti di hosting Web si orientano naturalmente presso i provider e i piani che offrono il maggior numero di funzionalità al più basso prezzo. Invece di cercare solo il partner più attraente, tuttavia, puoi trovare maggiori opportunità nell’hosting cercando un servizio che sia compatibile con le tue esigenze specifiche. Alcune aziende potrebbero dare priorità alle funzionalità di posta elettronica rispetto all’archiviazione, ad esempio, mentre uno sviluppatore potrebbe preferire tariffe di larghezza di banda elevate e una sicurezza rigorosa.

Larghezza della banda e data transfer

La larghezza di banda si basa sulla rapidità con cui i visitatori possono accedere alle informazioni del tuo sito: maggiore è la larghezza di banda, maggiore è il numero di persone che possono visualizzare il tuo sito allo stesso tempo. Aumentare i limiti di trasferimento dei dati è un modo sicuro per aumentare il traffico del tuo sito senza perdere prestazioni.

Domini e email

Anche se vengono comunemente raggruppati, la registrazione dei domini e il web hosting sono due diversi servizi. Il tuo nome di dominio serve come indirizzo del tuo sito web e può essere registrato e ospitato con una società diversa da quella che ospita i file del tuo sito. E’ preferibile mantenere tutte le risorse di hosting nello stesso account. Alcuni provider includono anche hosting di domini gratuiti per il primo anno di nuovi indirizzi registrati.

L’hosting di posta elettronica si rivolge in particolare agli imprenditori che desiderano la notorietà e il riconoscimento del nome negli indirizzi email. I provider di hosting spesso includono funzioni di posta elettronica avanzate, come servizi di inoltro e filtraggio, autorisponditori e sicurezza avanzata, per i clienti che necessitano di diverse caselle di posta o strumenti di marketing.

Uptime Rates e Affidabilità

Come sanno gli imprenditori, il tempo è denaro. Ogni secondo che il tuo sito è inaccessibile può significare centinaia di opportunità di vendita mancate, reputazione del marchio danneggiata e perdita di produttività.

La maggior parte degli host garantisce una certa quantità di ore di attività e ti rimborserà per eventuali interruzioni non pianificate oltre l’accordo sul livello di servizio. Le garanzie variano in genere dal 100% al 99%, anche se la maggior parte dei clienti di hosting condiviso si troverà perfettamente contento della soglia di uptime del 99,9%.

Sicurezza e supporto

Sebbene la sicurezza di un sito Web dipenda in gran parte dal comportamento dell’amministratore e dalla forza della password, tra le altre caratteristiche, l’infrastruttura della società di hosting può rappresentare uno dei punti deboli. Oltre il 40% dei siti Web è compromesso a causa della vulnerabilità di un host, quindi assicurati di cercare i provider che includono firewall, servizi di monitoraggio e altri componenti aggiuntivi per la sicurezza. Punti bonus per backup automatici e aggiornamenti WordPress.

Il servizio clienti dovrebbe essere reattivo e pronto ad assisterti. Sfortunatamente, questo aspetto critico dell’hosting è difficile da distinguere fino a quando non sei già iscritto a un piano e hai bisogno di aiuto. Sicuramente perciò, devi fare le tue ricerche per capire se il supporto di un host è all’altezza delle tue esigenze.

5 Consigli per gestire le tue pagine aziendali

Come gestire le tue pagine aziendali in modo semplice

Oggi voglio darti 5 consigli utili per iniziare a gestire le tue pagine aziendali di Facebook ed Instagram in maniera più professionale possibile.

Ho notato infatti che, alcuni aspetti che a me risultano scontati non lo sono altrettanto per tutti i publischer.

1. Crea un piccolo calendario editoriale

Il primo aspetto che devi considerare per una gestione professionale delle tue pagine aziendali è la creazione di un calendario editoriale e ovviamente i relativi contenuti.

Decidi quanti post pubblicare su base settimanale e redigi un calendario mensile o trimestrale. Non cadere nella trappola di pubblicare solo quando hai tempo o al contrario ogni minuto della giornata. Organizza le tue pubblicazioni.

Scegli contenuti interessanti per la tua audience e non basarti soltanto su cosa vendi: informa, coinvolgi, emoziona i tuoi lettori.

Se non l’hai ancora fatto leggi:

Il Piano Editoriale – La regola dell’80 – 20

2. Utilizza la pubblicità – Facebook Ads

“Facebook per le aziende non è gratis”: prima di tutto devi capire bene questo aspetto! Come ho già sottolineato nel post  5 concetti base che devi conoscere per gestire una pagina Facebook

Facebook vive dei proventi pubblicitari che derivano appunto per la maggior parte dalle pagine aziendali. Le visualizzazioni organiche (cioè gratuite) dei post delle pagine aziendali che prima erano intorno al 3% sono addirittura scese da gennaio 2018 (grazie alle modifiche sull’algoritmo).

Perciò il mio consiglio è: pubblica anche meno – non necessariamente un post al giorno – ma sponsorizza.

Attenzione però: non utilizzare “Metti in evidenza il post, cioè quel tastino che appare sotto ogni tuo post per almeno 2 motivi:

  1. Limiti nella creazione del target
  2. Unico obiettivo di marketing

In linea di massima è più facile che sprecherai i tuoi soldi. (Per approfondire questo aspetto ti consiglio di leggere questo articolo di Veronica Gentili.)

Utilizza invece Facebook Ads, ossia lo strumento di marketing di Facebook che ti permetterà di definire bene il tuo pubblico, i tuoi obiettivi di marketing e la tua creatività.

Se non sai da dove cominciare contattami pure.

Quindi datti un budget mensile che sei disposto a spendere e dividilo per il numero di post che hai deciso di creare mensilmente.

3. Instagram

Instagram… Da dove iniziare? Direi di iniziare dal fatto che se hai deciso di inserirlo nella tua strategia di comunicazione online qualche motivo ci sarà.

Curare Instagram richiede molto tempo e molto impegno, poiché si basa sulle immagini. Ovviamente come primo passo devi collegare le due pagine – cioè quella Facebook con quella Instagram. Avere un profilo instagram aziendale ti permette di avere molte funzionalità in più soprattutto in termini di analisi dei dati. Ti darò di seguito alcune tips che ti saranno davvero d’aiuto se parti da zero o quasi:

  • Chi seguire? Segui chi ti segue a sua volta. Scegli chi seguire aiutandoti con gli hashtag di tuo interesse oppure i luoghi dalla barra di ricerca. Un metodo ottimo soprattutto se sei un’impresa locale. Alterna giornate di following a giornate di unfollowing. Esistono diverse app gratuite che possono aiutarti a scovare chi tra le persone o pagine che segui non ti segue a sua volta e ti permettono di fare l’unfollow in maniera piuttosto veloce.

  • Usa un bot. Sempre per crescere in termini di numeri, ma nel contempo in target puoi utilizzare un bot a pagamento che in pratica fa follow/unfollow in maniera automatica seguendo gli input che tu gli dai attraverso il setting. Ti consiglio di utilizzare Stim, che tuttavia è a pagamento, ma se ben settato può darti un validissimo aiuto.
  • Scegli un tuo filtro (esistono moltissime app di editing immagini) e utilizzalo per ogni post: darai coerenza al tuo profilo. Ovviamente le immagini devono essere belle, di buona risoluzione e comunicative.
  • Scegli accuratamente gli hashtag da utilizzare: non utilizzare hashtag che non hanno nulla a che fare con l’immagine postata: alterna hashtag di piccole dimensioni (da 1000 a 10000 post) a hashtag di dimensioni maggiori.

 

4. Qualche consiglio per aumentare le visualizzazioni organiche del tuo post

Ribadisco: se vuoi utilizzare i canali social per fare marketing davvero è giusto che tu abbia un budget dedicato. Tuttavia ad oggi, e giuro di averlo constatato, se vuoi sfruttare al massimo le visualizzazioni organiche dei tuoi contenuti esiste un modo: il video.

Utilizzare i video (nativi) ti permette di raggiungere anche il triplo delle visualizzazioni organiche rispetto alle immagini o altri contenuti.

Questo vale per Facebook, Instagram e da qualche giorno anche per LinkedIn. Perciò tienilo presente nella gestione delle tue pagine social.

 

5. Instagram Stories

Sempre per quanto riguarda le interazioni che puoi ricevere in maniera organica, un ottimo strumento sono le Instagram Stories che vanno davvero fortissimo, probabilmente per lo stesso motivo dei video ovvero che generano davvero molto coinvolgimento.

Inserisci nel tuo calendario editoriale anche le storie di Instagram.

Perché funzionano? Perché ti permettono di fare storytelling in maniera semplice e veloce, perché ti umanizzano e avvicinano al tuo utente/cliente. Mostra momenti di te, della tua azienda e attività.

Per approfondire l’aspetto dello storytelling leggi questo articolo.

Ricorda che le dimensioni delle immagini per le Instagram stories sono particolari: 1080 x 1920, utilizzare il formato normale di dei post di Instagram non va bene: deformerebbe le immagini. Utilizza anche i video: se i video sono troppo lunghi puoi utilizzare app fatte appositamente per dividere un video in lunghezze adatte alle stories.

 

 

Facebook, nuovo aggiornamento dell’algoritmo a favore dei local business

Local marketing

Nuovo aggiornamento dell’algoritmo di Facebook. Il secondo dall’inizio dell’anno. Questo sembra volto a promuovere i local business.

Cosa sta succedendo?

L’11 gennaio 2018 Facebook ha comunicato che ill nuovo News Feed incentiverà la connessione tra le persone mentre penalizzerà la visibilità di contenuti organici pubblicati da brand e media. La notizia è stata lanciata prima con un post di Mark Zuckerberg e poi con una nota aziendale sul blog di Facebook. La comunicazione ha portato a un immediato calo in Borsa del 4,5%.

Immediato panico generale.

Poco è cambiato per quelle aziende che davvero utilizzano Facebook come strumento pubblicitario, quindi con una programmazione dettagliata a livello di piano editoriale, un budget preposto e un esperto di campagne su Facebook Ads.

In breve Facebook, ha modificato l’algoritmo in modo che la qualità del tempo speso dagli utenti sia migliore, pur diminuendo la quantità. In che modo? Dando la priorità ai contenuti pubblicati da parenti e amici degli utenti e news di alta qualità, cioè molto cliccati o che generano molte interazioni.

Facebook ha in pratica interrogato gli utenti chiedendo loro cosa preferissero vedere sul news feed.

Il nuovo aggiornamento

29 gennaio 2018: nuovo aggiornamento a favore delle local news.

Sempre seguendo le indicazioni degli utenti stessi, Facebook ha aggiornato nuovamente l’algoritmo in favore delle pagine locali.

Perché? perché gli utenti hanno mostrato di seguire con piacere le comunicazioni e gli eventi all’interno della propria community.

People tell us they come to Facebook to connect with friends. They also say they want to see news about what’s happening in the world and their local community.

Inizia così l’articolo del blog ufficiale di Facebook.

Cosa cambia quindi?

Di fatto questa è un’opportunità per i business locali.

We identify local publishers as those whose links are clicked on by readers in a tight geographic area.

[…]We are prioritizing local news as a part of our emphasis on high-quality news, and with today’s update, stories from local news publishers may appear higher in News Feed for followers in publishers’ geographic areas.

Quindi verrà data priorità ai publishers che postano link di valore e molto cliccati dagli utenti. I post di tali publishers appariranno più in alto nella sezione notizie dei followers.

C’è solo quindi, da cogliere questa opportunità e ancora una volta, stabilire una comunicazione di qualità volta ad incentivare le interazioni da parte dei follower dell’area di competenza dei business locali.

Quali sono i post che generano maggiori interazioni?

Sicuramente, come riportato più volte dal blog ufficiale di Facebook, prima di tutto le news di interesse, poi le dirette e gli eventi.

Su come creare post interessanti leggi anche il mio articolo:

Il Piano Editoriale – La regola dell’80 – 20

 

Siti web per piccole aziende

sito web

Ti serve un sito web?

Se hai un’azienda, di qualunque tipo esso sia, la risposta è solo una: sì!

Perché?

  • E’il tuo biglietto da visita: racconta chiaramente chi sei e cosa fai. E’irrilevante il settore e l’ampiezza aziendale.
  • Aumenta la tua brand awarness, ovvero la conoscenza del tuo brand.
  • Ti permette di creare in maniera semplice i tuoi contenuti – originali e di valore – da condividere attraverso i tuoi canali social. Creare ed offrire contenuti di valore per i tuoi clienti, ti differenzierà da tutti i tuoi competitor e determinerà il tuo valore aggiunto.

 

Che tipo di sito web?

tipi di siti web

Premesso ora che se hai un’attività hai bisogno di un sito web, ora devi capire che tipo.

  • Sito web istituzionale: racconti chi sei, cosa fai, dove ti trovi e i contatti. Offri la possibilità di ricevere una consulenza se vendi servizi oppure prenotare se ad esempio sei un ristoratore.
  • E-commerce: vendi prodotti? Perché limitarti a vendere solo nel tuo negozio fisico? crea un e-commerce e vendi ovunque e senza limiti.
  • Blog: sei un esperto nel tuo settore? Hai qualcosa da dire? Avere un blog e curarlo, impegnarsi nella realizzazione dei contenuti è un ottimo modo di comunicare la tua professionalità e autorevolezza – oltre che trovare clienti.

In tutti questi casi, quello che non può prescindere è l’utilizzo di una buona strategia di marketing. Bisogna conoscere un minimo di SEO utilizzare i giusti strumenti e saper veicolare traffico.

Quello che io faccio nella gestione dei social media è proprio creare contenuti e post, sui social, in grado di veicolare traffico – nello specifico verso una pagina creata per portare un utente ad un’azione prefissata (per cui non necessariamente in cliente, ma sicuramente in “contatto in target“)

Che caratteristiche deve avere il tuo sito web?

Nella mia esperienza di social media manager che cura soprattutto piccoli brand di lusso (dove di lusso vuol dire molto attenti alla propria comunicazione), mi capita spesso di trovare aziende senza sito web -male – ma ancor peggio sono quelle aziende con siti web statici e rigidi.

Nel boom dei siti web accadde che ci si rivolgeva ad un informatico, programmatore che con un linguaggio sconosciuto ai più – quello di programmazione appunto – creava questi siti web.

Il risultato è una gestione impossibile da parte dei titolari dell’azienda, che si ripercuote in siti web statici e non aggiornati, quindi inutili.

Il sito web deve essere:

  • Snello: non serve che sia pieno di pagine, immagini, contenuti superflui.
  • Leggero: anche e soprattutto in ottica seo. Google, ma anche Facebook nel suo ultimo aggiornamento, penalizzano pesantemente i siti lenti che impiegano troppo tempo a caricarsi.
  • Di semplice utilizzo: questo vuol dire che una volta creato nella sua interezza, trovata una persona di riferimento nell’azienda, questa deve essere in condizione di poter apportare piccole modifiche, senza aver bisogno di conoscere il codice.

Tutto questo oggi è possibile grazie alle innumerevoli piattaforme software di “personal publishing” e content management system (CMS): una su tutte WordPress.

Oggi la maggior parte dei siti web aziendali, quelli che funzionano bene, sono in WordPress. Tuttavia mi capita spesso di incappare in siti web “antichi” e statici, consiglio assolutamente un upgrade.

Stesso discorso per l’ecommerce: devi vendere, raccogliere e gestire gli ordini, analizzare ecc. hai bisogno di un sito web che ti supporti e non ti ostacoli.

Crea e gestisci un sito web per la tua azienda, in ottica marketing. Pensa che sia uno strumento per la tua promozione e comunicazione e trova la giusta strada per gestirlo.

N.B. Vuoi ricevere una consulenza? Contattami!

 

Siamo quello che pubblichiamo: il personal branding

unconventional-personal branding

Il personal branding non è altro che l’insieme di attività di marketing che facciamo per noi stessi, per la nostra persona.

Ciascuno di noi, all’interno della società riveste un ruolo e soprattutto oggi, con l’avvento dei social media, ciascuno di noi ha la possibilità di mostrare se stesso.

Il personal branding quindi, è strettamente connesso a internet.

Una definizione che mi piace molto dice che:

Il tuo Personal Brand è la ragione per cui un cliente, un datore di lavoro o un partner ti sceglie

Se partiamo da questo presupposto possiamo comprendere l’importanza del personal branding e imparare a calibrare le nostre interazioni.

La Finestra di Johari

La finestra o matrice di Johari prende il nome da un gioco di parole ottenuto mescolando alcune parti dei nomi di battesimo di Joseph Luft e Harry Ingham, ricercatori dell’università della California che negli anni ‘60 strutturarono questo modello per studiare le interazioni sociali.

La matrice non serve tanto per misurare la personalità, quanto per offrire uno strumento capace di rilevare come la personalità viene espressa, osservando quindi il rapporto tra noi e gli altri.

Dallo studio si evince che ci sono aspetti della personalità che sono noti sia a noi stessi che agli altri ed aspetti che invece ci teniamo solo per noi. Ci sono cose che gli altri notano di noi e delle quali non siamo consapevoli (o forse non le accettiamo) ed un lato oscuro a tutti.

Per ottenere la matrice si divide un quadrato in quattro “finestre”.

 

finestra di Johari
Fonte: Riccardo Agostini- Public speaking coach https://www.agostiniriccardo.com/

Abbiamo quindi:

  • L’area PUBBLICA quella dei fatti e le emozioni che volontariamente mostriamo. Può esprimere sia la nostra forza che le nostre debolezze, ma è quella parte di noi che scegliamo di condividere con gli altri.
  • L’area NASCOSTA (o cieca) è quella che contiene le cose che gli altri osservano di noi e che ci sono ignote. Di nuovo si può trattare di feedback positivi o negativi e comunque incide sul modo in cui gli altri si relazionano a noi e anche sul livello della nostra disinvoltura in determinate situazioni.
  • L’area IGNOTA contiene quegli aspetti totalmente sconosciuti, a noi stessi e agli altri perché è sepolta nel subconscio che si rivela solo in situazioni particolarmente emozionali.
  • L’area PRIVATA (o Facciata) contiene quegli aspetti che ben conosciamo di noi stessi, ma che teniamo nascosti agli altri. (fonte: http://www.psicolab.net/2009/finestra-johari/)

L’area che ci interessa per curare il nostro personal brand è quella pubblica.

Siamo quello che pubblichiamo…

Stai cercando lavoro? Presta attenzione a quello che pubblichi sui social!

La Stevenson Univeristy, università del Maryland negli Stati Uniti, ha di recente pubblicato un’infografica sulla relazione tra la ricerca di un posto di lavoro e l’utilizzo dei social network da parte del candidato, evidenziando come il 60% dei datori di lavoro dà un occhiata a Facebook e compagnia bella per compiere una scrematura iniziale.

Questo vale anche nel caso in cui tu non stia cercando lavoro, ma clienti – quindi che tu sia un libero professionista, un commerciante o un imprenditore: cura i tuoi profili social!

 

Sei un professionista o un imprenditore? Condividi i tuoi risultati positivi. Non essere presuntuoso, l’umiltà è una cosa seria. Ma invia il tuo messaggio positivo ai tuoi interlocutori. Farà bene sia a te che a loro!

Quali social e come?

Facebook

Con i suoi 2 miliardi di utenti attivi al giorno, è molto facile che tu trovi il target sul social network. Questo vuol dire che devi prestare attenzione a quello che pubblichi.

Parla di te, della tua vita e del tuo lavoro. Sii positivo. Cerca di non postare immagini di te “imbarazzanti”. Sii positivo, la negatività non è piacevole. Non fare spam.

Fai storytelling: leggi il mio articolo qui

LinkedIn

Se sei un professionista, indipendentemente dal settore, crea e cura il tuo profilo su LinkedIn – la più grande rete professionale. Non essere rintracciabile su LinkedIn potrebbe rivelarsi davvero penalizzante.

Una volta aperto però bada bene ad averne cura: pubblica contenuti rilevanti per il tuo settore  e aggiorna le tue esperienze. Utilizza un’immagine che parli di te.

LinkedIn non è Facebook: evita gattini&co. 🙂 per questo c’è Facebook.

Instagram

Se LinkedIn è il social network professionale, Instagram è il social network fotografico per eccellenza. Come ho raccontato nel mio articolo “Conoscere Instagram per fare business”, proprio da lì per me è partita l’ascesa professionale.

Blog

Se sei un libero professionista apri il tuo blog! Questo ti conferirà autorità nel tuo settore, potrai mettere a disposizione del tuo target le tue competenze e offrire contenuti di valore.

Per consigli su come creare da zero il tuo #primoblog leggi il mio articolo qui.

Se vuoi ricevere una consulenza personalizzata o hai bisogno di qualcuno che si occupi del tuo personal brand, contattami!

 

 

 

 

Il Piano Editoriale – La regola dell’80 – 20

Il principio di Pareto o “legge 80/20”

Pareto, studiando la distribuzione dei redditi, nel 1897 dimostrò che in una data regione solo pochi individui possedevano la maggior parte della ricchezza. Questa osservazione ispirò la cosiddetta “legge 80/20”, una legge empirica che fu poi riformulata anche da Joseph M. Juran ma che è nota anche con il nome di principio di Pareto (o principio della scarsità dei fattori), e che è sintetizzabile nell’affermazione: la maggior parte degli effetti è dovuta a un numero ristretto di cause (considerando grandi numeri). Questo principio, in realtà, è il risultato della distribuzione paretiana.

Naturalmente i valori 80% e 20% sono ottenuti mediante osservazioni empiriche e sono solo indicativi, ma è interessante notare come numerosi fenomeni abbiano una distribuzione statistica in linea con questi valori.

Per approfondire: https://it.wikipedia.org/wiki/Principio_di_Pareto

Principio di Pareto 80 -20

Il Principio dell’80/20 in marketing

La legge di Pareto è notevolmente efficace quando si applica alle situazioni di vendita e di marketing  nonostante l’uso della teoria di Pareto nelle vendite e nel marketing sia generalmente trascurata completamente.

“L’80 per cento dell’output è prodotto dal 20 per cento degli input”

Se si comprende questo, si potrà comprendere anche l’importanza dell’applicazione di tale principio.

Ad esempio, si consideri un’organizzazione che continua a dirigere le proprie attività in tutta la sua gamma di prodotti, quando forse il 95% dei suoi profitti deriva da appena il 10% dei prodotti e / o forse solo il 2% dei suoi profitti proviene dal 60%, idem con riferimento ai clienti.

Immaginate lo sforzo sprecato … Facendo un’adeguata analisi di Pareto, si potrebbe concentrare le proprie attività, sforzi, investimenti soltanto su clienti o prodotti più redditizi, senza dispendio di energie.

The rule of 80-20 Francesca Antonetti

La regola dell’80-20 nel piano editoriale

Una delle regole fisse per costruire una buona social media strategy è la stesura di un buon piano editoriale.

Un bravo e preparato social media manager prima di qualunque altra azione crea il piano editoriale.

Dunque se l’80% delle azioni è data dal 20% degli input, ha senso creare il 100% dei post con lo stesso obiettivo?

Assolutamente NO!

Utilizzare i Social per fare comunicazione, vuol dire cogliere l’opportunità di fare marketing differenziale e portare la propria attività ad un livello alto di comunicazione.

Vuol dire connettersi con i propri clienti-utenti, perciò non può bastare la comunicazione del tipo “compra il mio che è più bello..” (o costa meno, ecc.)

Ha senso fare social media marketing se si comprende l’importanza di trasferire valore attraverso la comunicazione.

Quindi applicare la regola dell’80/20 al piano editoriale può risultare una giusta strategia.

Questo si traduce in 80 per cento di contenuti percepiti come “di valore” per gli utenti: informazioni utili riguardanti l’area o il settore del quale l’azienda fa parte.

Soltanto il 20 per cento della comunicazione – cioè quella che genera azioni – sarà orientata all’azienda stessa o i propri prodotti e servizi.

Questo vuol dire stabilire una comunicazione “ragionata”, offrire contenuti di valori che genereranno un rapporto di fiducia tra utente e azienda, non annoiare con una comunicazione piatta, ma stimolare il dibattito.

 

5 concetti base che devi conoscere per gestire una pagina Facebook

logo facebook1. La pagina Facebook rappresenta la tua azienda, non te stesso!

Se hai una pagina Facebook, vuol dire che hai un’attività, qualunque tipo di attività – tranne nel caso in cui tu non sia un personaggio pubblico (ma anche in questo caso, la pagina rappresenta la tua attività di personaggio pubblico).

Questo vuol dire che la comunicazione che dovrai utilizzare non deve riguardare la tua vita privata, la tua famiglia, i tuoi hobby e così via.

Ho dato molto spesso per scontato questo punto, ma ho notato che molto spesso ancora accade una cosa:

Prima, anni fa, non esistevano le pagina, ma soltanto i profili personali, quindi si tendeva a mischiare questi due aspetti.

Oggi, come ripeto spesso nei miei articoli, Facebook ci “offre” uno strumento di marketing vero e proprio.

Questo vuol dire che utilizzare Facebook per promuovere (e vendere) richiede un livello minimo di professionalità.

Ricorda: Il social media manager non è tuo cugggino! 🙂

Valuti gli investimenti sia per la gestione che per l’advertising.

Per capire meglio il ruolo e il valore del social media manager puoi approfondire qui.

social media manager

2. L'”immagine profilo” della pagina

L’immagine profilo della pagina è quella che si stampa nella mente dei tuoi utenti.

Deve essere semplice e immediata.

Deve essere il tuo logo.

Potrai poi sbizzarrire la tua fantasia con l’immagine da copertina, che ti consiglio di modificare mensilmente per comunicare i “tips” più importanti a seconda del mese, ad esempio: promozioni, servizi del mese, stagionalità dei prodotti che offri ecc.

Scrivi nel dettaglio tutto: sito web, indirizzo mail, altri account social, orari di lavoro ecc.

 

3. Crea un piano editoriale

So che la tentazione di pubblicare qualsiasi cosa, molto spesso prende il sopravvento.

In realtà però, non serve pubblicare mille post al giorno perché il rischio spam è dietro l’angolo. Tieni presente che Mr. Facebook tende a mostrare i tuoi post alle persone che ti seguono e interagiscono maggiormente con te e, ahimè, sono una percentuale piuttosto bassa rispetto al totale dei follower. Quindi rischi di risultare un tantino ridondante.

Crea un piccolo piano editoriale “macro” segnando le date dell’anno importanti per la tua attività: festività, black friday, saldi, ecc e utilizzale come punti fermi, programmando attività di marketing online e offline mirate.

Crea poi un piano editoriale “micro”settimanale: 4/5 post settimanali sono più che sufficienti. All’interno di questo piano editoriale stabilisci i contenuti. In base al tuo target cerca di comprendere quali siano i contenuti di valore per esso. Alterna articoli di settore, immagini, post nei quali promuovi i tuoi prodotti e servizi.

Inserisci all’interno del piano quali sono i momenti giusti per raggiungere un’audience più ampia e utilizzare Facebook ADs, ossia pubblicità a pagamento mirata e geolocalizzata.

 

4. Stimola il dialogo – Fai community

Esistono tantissime azioni di marketing che puoi utilizzare per portare nuovi clienti da te grazie a Facebook.

Pensa solo ai contest fotografici: scatta e vinci e simili.

Uno degli aspetti più impattanti del web 2.0 è l’interazione. L’abbattimento delle barriere tra azienda e cliente finale che si è sviluppato soprattutto grazie ai social media.

Questo aspetto è importantissimo tanto per le grandi aziende quanto per le piccole e medie.

L’aspetto positivo che devi valutare è la fidelizzazione che ne consegue.

Siate friendly: fate domande nei post per ricevere risposte e stimolare l’interazione; rispondete ai messaggi privati e anche alle critiche e recensioni sia positive che negative.

 

5. Utilizza Facebook Ads

Spero che arrivati a questo punto abbiate ben assimilato un concetto: una pagina Facebook ben strutturata e gestita è uno strumento di marketing aziendale.

Facebook è un’azienda, come tale vive con i proventi provenienti dalla pubblicità. Il bello è che vende spazi pubblicitari, oltre al fatto che ti permette di creare il tuo cliente ideale e di raggiungerlo, con strumenti sofisticati e migliori anche di Google.

Crea il tuo account pubblicitario, definisci il tuo obiettivo di marketing e il tuo target e crea inserzioni mirate al raggiungimento degli obiettivi.

Non cadere negli inganni. Lo so che probabilmente avrai creato un post, Facebook ti avrà proposto di metterlo in evedenza e tu avrai “abboccato”.

Non è quello Facebook Ads!

Ricorda infine che, in una situazione normale, quando pubblichi un post soltanto il 2/3% dei tuoi seguaci vedrà quel post. Questa situazione può cambiare leggermente se si crea una forte interazione, quindi condivisioni, commenti ecc.

Ma se vuoi utilizzare la tua pagina per raggiungere dei risultati devi pagare. 🙂

Non sottovalutare però il rapporto spesa- risultati, perché perderesti ottime opportunità di far crescere il tuo business.

 

 

Chi è realmente il Social Media Manager?

Social media manager

Di cosa si occupa realmente il Social Media Manager? Quale ruolo svolge all’interno del piano marketing aziendale?

Bene! Ho deciso di scrivere questo articolo per fare chiarezza sul ruolo e le competenze del social media manager.

Una figura professionale nuova (ma non nuovissima) che sta prendendo sempre più piede all’interno non solo delle grandi aziende, ma anche piccole e medie imprese locali.

Come mai? Bé perché con l’avvento del web 2.0 tutto è cambiato a livello di marketing e comunicazione.

Per approfondire questo punto puoi leggere un altro mio articolo:

La rivoluzione dei Social Media: tutti i cambiamenti avvenuti dai rapporti interpersonali alla comunicazione aziendale

In realtà, mi sento di scrivere questo articolo per chiarire bene il ruolo del social media manager, quindi il mio ruolo 🙂 e offrire un contenuto a chi ancora non capisce molto bene a cosa serve questa figura.

  • Competenze

Innanzitutto il SMM è un professionista, con una base didattica e operativa in marketing e comunicazione, che ha sviluppato poi una specializzazione nel web.

Deve conoscere almeno le maggiori piattaforme software di “publishing” come WordPress, deve avere basi di web design, oltre che nozioni basilari di grafica, un minimo di conoscenza di HTML, ma soprattutto deve conoscere le principali tecniche di SEO. Deve saper creare campagne pubblicitarie: testi, immagini, definizione del target e del budget, landing pages, follow up con autoresponder – ALMENO QUESTO 🙂

Per approfondire l’aspetto dell’utilizzo di Facebook come strumento pubblicitario, leggi questo articolo:

Come funziona il Social Media Marketing con Facebook

 

Purtroppo l’idea che basti pagare qualcosa per fare buone campagne pubblicitarie su Facebook sta fuorviando molti “amministratori di pagina”, Facebook dispone di uno strumento molto utile, solo se correttamente utilizzato e utilizzarlo per raggiungere risultati richiede le giuste competenze.

I Social sono veloci, questo vuol dire che molto spesso non c’è tempo di contattare il grafico (anche se è all’interno dell’azienda) farsi preparare le giuste grafiche e pubblicarle. Per questo il social media manager deve necessariamente avere competenze trasversali.

Quindi, non una persona qualunque che si propone per gestire la tua pagina Facebook, ma un professionista seriamente preparato. Il motivo è dovuto alle mansioni stesse che è chiamato a svolgere e te le illustro di seguito:

  • Mansioni

Scelta e gestione dei canali – Social Network

Il Social media manager deve conoscere dettagliatamente tutti i social network. Cosa significa?

Deve saper scegliere in autonomia, quali canali attivare per una corretta comunicazione a seconda del brand, prodotto o servizio.

Una volta selezionati, deve sapere in che modo farli crescere: generare traffico, aumentare follower e interazioni, raggiungendo un’audience che sia in target, ovvero interessata a quello che stiamo comunicando per creare un’interazione che si trasformi in fidelizzazione.

Non bisogna utilizzare tutti i social media esistenti, bisogna scegliere accuratamente quelli giusti e lavorare su di essi.

Aprire un account Instagram o Twitter e avere 0 follower non serve a nulla, anzi piuttosto spesso lede l’immagine aziendale.

Ogni Social network poi, ha delle logiche diverse, perciò difficilmente lo stesso post potrà essere utilizzato nei diversi canali.

Content marketing

Premessa: Il social media manager deve godere di stima totale da parte dell’azienda. Questo perché è lui (o lei 🙂 ) che rappresenta l’immagine aziendale online.

L’autonomia nella scelta dei contenuti da scegliere o creare è un aspetto fondamentale.

Saper creare contenuti di valore per gli utenti e perfettamente coerente con i valori aziendali, scrivere articoli nel blog aziendale (o sito web), scegliere e predisporre il materiale fotografico, senza copiare e senza essere banale…. Soltanto tutti questi accorgimenti renderanno la tua comunicazione efficace!

Un altro compito fondamentale del SMM è quello di occuparsi del piano editoriale, semestrale o annuale. Anche questo va fatto con un criterio logico. Bisogna scegliere per ogni giorno che tipo di comunicazione utilizzare, per quali social network con una visione nel lungo periodo.

 

Community management

Uno dei motivi fondamentali per i quali bisogna utilizzare il web per la comunicazione è creare una community, una comunità virtuale di persone che hanno interesse a quello che comunichiamo.

Per questo motivo il SMM deve stimolare la conversazione, rispondere alle eventuali critiche oltre che ai feedback positivi.

Rispondere ai commenti non è sempre facile, bisogna avere la capacità di analizzare la situazione.

Ovviamente anche il modo di gestire la community – sia online che offline – deve essere coerente con i valori aziendali.

Uno degli aspetti del community manager è il crisis managementovvero la gestione della crisi.

 

Infine il Social media manager passa 3/4 della giornata a creare i post, un altro quarto ad aggiornarsi, perché non esistono regole fisse e definite, l’aggiornamento dei social media è costante e quindi il professionista che lavora in questo settore deve continuamente investire in formazione.

 

Se ti occorre un Social Media Manager e hai trovato utile questo articolo contattami 🙂

 

 

 

 

 

Vuoi aprire un blog? Clicca qui

Primoblog

 

 

 

 

Apri il tuo blog

blog

Ti piacerebbe aprire un blog?

Se l’idea di aprire un blog tutto tuo ti piace… Forse dovresti farlo!

Per esperienza ti dico che è molto più complicato da pensare che da fare.

Io stessa non ho grandissime competenze tecniche, non conosco il codice di programmazione ecc.. eppure ho creato questo blog da sola e velocemente.

Perché dovresti aprire un blog?

Ci sono moltissimi motivi, ma il primo e fondamentale, quello che ti porterà al successo è la passione.

Se conosci bene qualcosa, ami leggere e scrivere, vuoi condividere le tue esperienze e conoscenze allora… Puoi farlo!

Altrimenti non ne vale la pena.

Ad ogni modo che tu sia un imprenditore o un commerciante, un libero professionista o semplicemente coltivi un hobby con passione… perché non dovresti farlo?

Avere un blog ti sarà d’aiuto anche nel tuo lavoro.

Io ad esempio, ho aperto questo blog per condividere nozioni e concetti del mio lavoroma anche ciò che mi appassiona e conosco bene e cioè viaggi e il cibo

Soprattutto all’inizio lo si fa per pura passione, poi una volta presa confidenza con gli strumenti monetizzare il blog si può.

Non parlerò di questo in questo articolo, ma ti assicuro che ci sono tantissimi modi di monetizzare il tuo blog.

Quello che però voglio dirti è di farlo se hai voglia e di valutare anche l’aspetto professionale del blog.

Innalza la tua professionalità

Se hai una piccola azienda, nella quale lavori solo tu potresti creare il tuo blog per “parlare” al pubblico dei tuoi prodotti, dandogli qualcosa in più oltre il negozio fisico.

Stesso discorso se sei un libero professionista.

Leggere di ciò che fai o vendi aumenta incredibilmente la fidelizzazione dei tuoi clienti. Stai offrendo qualcosa di più. Leggendo i tuoi articoli crea con te un rapporto di “intimità”.

Inoltre oggi è praticamente impensabile di non avere una presenza online costante, attiva e di valore per i clienti.

> Per approfondire leggi questo articolo

Avrai o dovresti avere sicuramente almeno una pagina social e immagino che farai fatica a trovare i contenuti da condividere. Magari condividi articoli o prodotti altrui, ma questo è sbagliato!

Perché non rimandare ad una pagina web legata a te e la tua attività anziché “allontanare” il tuo cliente con contenuti altrui?

Fashion Blog

E’più complicato pensarci che farlo

Sempre per esperienza personale ti dico che ho perso tanto tantissimo tempo a pensare, pensare, pensare… Il giorno in cui ho acquistato il dominio e l’hosting invece ho dato una svolta.

In una settimana – il mio blog era online. Scrivo meno spesso di quanto vorrei, è vero. Ma l’importante è non abbandonarlo, mai! 🙂

Ho creato un mini report nel quale ti spiego tutto quello che devi fare per mettere su il tuo blog.

>> Iscriviti e scarica il report qui <<

Ora non mi resta che “prenderti per mano” e accompagnarti alla conquista del tuo spazio nel web, perché da questo punto in poi sarà tutto in discesa, credimi!

>> Acquista il tuo dominio (e hosting!) ora <<

Travel Blog

Food Blog

A presto!